Oro quanto vale in euro: cambio in tempo reale e come calcolarlo

Quanto vale Oro in Euro? Qual è il valore dell’Oro in Euro in tempo reale? Come calcolare il valore dell’Oro in Euro? Qual è la correlazione tra Oro in Euro?

E’ chiaro che rispondere alla domanda “quanto vale oro in euro?” implica una risposta continuamente aggiornata. Di seguito vedremo come vedere questo dato in tempo reale e cosa determina il prezzo dell’Oro in Euro.

Piattaforme per fare trading sull’oro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Quanto vale Oro in Euro

Quanto vale Oro in Euro? Al momento della scrittura, l’Oro vale 37,02 Euro. Con un leggero calo di -0.08 (-0.20%). Mentre un’oncia di oro vale 1,151.59 euro. Il che fa registrare un calo di -2.28 euro (-0.20%).

Se si guarda all’ultimo anno, il cambio Oro/Euro si è tenuto su una media di 34 euro. Mentre il valore più basso è stato raggiunto il 27 settembre 2018, a 32,63 euro. Poi una costante risalita fino agli attuali 37,01 euro.

In effetti è da un po’ che l’Oro fa registrare un trend rialzista, tanto da essere tornato un bene rifugio di gran lunga preferito. Se si pensava che la regina delle criptovalute, il Bitcoin, avesse preso il suo posto, in realtà per gli esperti l’Oro si conferma ancora una volta il bene rifugio per eccellenza. Anche se in questi giorni è emersa una notizia curiosa che vuole i mattoncini della Lego aver superato l’Oro in fatto di bene rifugio.

Negli ultimi 5 anni, il valore dell’Oro in Euro è stato sempre al di sotto di quello attuale. A parte qualche picco, di cui il 7 giugno rappresenta il più alto: 39,57 euro.

Valore Oro in Euro da cosa dipende

Da cosa dipende il valore dell’Oro in Euro? Il valore dell’Oro, in generale, dipende da come va il mercato. Proprio come ogni asset. In primis, si chiama bene rifugio in quanto viene scelto da molti trader nelle fasi critiche del mercato finanziario. Infatti, il suo valore è inversamente proporzionale a quello delle azioni. Se il mercato azionario vive un ottimo periodo, allora ecco che il valore dell’oro scende.

Ci sono poi altri due fattori prettamente relativi all’Oro: la produzione, quindi l’offerta, e la domanda. Se c’è scarsità di oro, allora è chiaro che il suo valore aumenta. Per la più elementare delle leggi di mercato. Se c’è abbondanza, allora cala. Stesso, discorso per la richiesta. Se c’è molta richiesta, allora il suo valore aumenta. Se invece la sua domanda crolla, allora il suo valore diminuisce con essa.

Due mercati particolarmente felici per l’Oro sono Cina e India. Soprattutto quest’ultima. In occasione di particolari festività, infatti, il prezzo dell’oro tende a salire.

Tra Oro ed Euro c’è invece una correlazione positiva. Ciò in economia significa che quando aumenta uno, aumenta anche l’altro. Ciò lo si deve alla correlazione inversa che c’è tra Oro ed Dollaro. Il dollaro dipende fortemente dalle politiche monetarie attuate dal governo americano. Invece l’oro conserva la sua proprietà di bene rifugio contro la svalutazione monetaria.

Quando l’economia va bene, il Dollaro diventa un ottimo bene rifugio, dato che,è noto quanto la valuta statunitense è una delle principali protagoniste dell’economia mondiale. Viceversa, se i mercati finanziari vanno male, in tanti si rifugiano nell’oro.

Di conseguenza, dato che l’Euro è in competizione con il Dollaro, se l’Oro sale, il Dollaro scende e di conseguenza sale l’Euro. Come noto, il cambio Euro/Dollaro è il più importante nel mercato Forex.

Oro in Euro in tempo reale

Dove vedere valore di Oro in Euro in tempo reale? Basta andare su questo link, anche per avere notizie continue sull’Oro. Essendo esso anche un asset molto interessante su cui investire. Sia tramite CFD, contratti che consentono di specularci senza possederli direttamente. Sia investendo nelle azioni, sempre tramite CFD, delle società addette alla sua estrazione. Oppure, investendo in oro fisico, come lingotti, monete o oggetti. Sebbene ciò sia materialmente più impegnativo e possa comportare altre spese, come la giacenza nelle cassette delle banche.

Oro cos’è

L’oro è un elemento chimico con il simbolo Au (dal latino: aurum) e il numero atomico 79, che lo rende uno degli elementi di numero atomico più alti che si verificano in natura. Nella sua forma più pura, è un metallo brillante, leggermente rossastro giallo, denso, morbido, malleabile e duttile.

Chimicamente, l’oro è un metallo di transizione e un elemento del gruppo 11. È uno degli elementi chimici meno reattivi ed è solido in condizioni standard. L’oro si presenta spesso nella forma elementare (nativa) libera, come pepite o grani, nelle rocce, nelle vene e nei depositi alluvionali. Si presenta in una serie di soluzioni solide con l’elemento nativo argento (come elettrone) e anche in lega naturale con rame e palladio. Meno comunemente, si presenta in minerali come composti dell’oro, spesso con tellurio (tellururo d’oro).

L’oro è resistente alla maggior parte degli acidi, sebbene si dissolva in acqua regia, una miscela di acido nitrico e acido cloridrico, che forma un anione solubile in tetracloroaurato. L’oro è insolubile in acido nitrico, che scioglie l’argento e i metalli di base, una proprietà che è stata a lungo utilizzata per affinare l’oro e per confermare la presenza di oro negli oggetti metallici, dando origine al termine test acido. L’oro si dissolve anche in soluzioni alcaline di cianuro, che vengono utilizzate nel settore minerario e elettrolitico.

L’oro si scioglie nel mercurio, formando leghe di amalgama, ma questa non è una reazione chimica. Un elemento relativamente raro, l’oro è un metallo prezioso che è stato usato per coniare monete, gioielli e altre arti nel corso della storia.

In passato, un gold standard veniva spesso implementato come politica monetaria, ma le monete d’oro cessarono di essere coniate come moneta circolante negli anni ’30 e il gold standard mondiale fu abbandonato per un sistema di valuta fiat dopo il 1971. Un totale di 186.700 tonnellate di oro esiste in superficie, a partire dal 2015. Il consumo mondiale di oro nuovo prodotto è di circa il 50% in gioielleria, il 40% in investimenti e il 10% nell’industria.

L’alta malleabilità, la duttilità, la resistenza alla corrosione e la maggior parte delle altre reazioni chimiche e conduttività dell’elettricità hanno portato al suo uso continuo in connettori elettrici resistenti alla corrosione in tutti i tipi di dispositivi computerizzati (il suo principale uso industriale).

L’oro viene anche utilizzato nella schermatura degli infrarossi, nella produzione di vetro colorato, foglia oro e restauro dei denti. Alcuni sali d’oro sono ancora usati come antinfiammatori in medicina. A partire dal 2016, il più grande produttore di oro al mondo è stato di gran lunga la Cina con 450 tonnellate all’anno.

Broker per investire in oro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY