Oro procede al ribasso, quali prospettive?

Cosa sta succedendo all’Oro? Bene rifugio per antonomasia? Certo, il dollaro è in ripresa e sappiamo che tra i due asset vige una relazione inversamente proporzionale. Tuttavia, le guerre commerciali che Trump sta combattendo su più fronti – Cina, Canada ed Ue – avrebbero dovuto portare un rialzo dei prezzi Oro.

Oro cosa sta succedendo

L’oro fisico scambia $ 7,00 in meno al giorno e attualmente è fissato a $ 1,258,10. Secondo l’indice Kitco Gold (KGX), il calo dei prezzi odierni può essere diviso con $ 4,90 del calo attribuibile alla forza del dollaro, e il restante $ 2,10 diminuisce come risultato diretto dei venditori che propongono prezzi dell’oro più bassi. Nel complesso dei metalli preziosi, l’oro è l’unico metallo in cui la pressione di vendita è un componente dei prezzi più basso. L’argento è scambiato a meno sei centesimi nel corso della giornata, ma questo è il 100% risultato netto della forza del dollaro.

Il platino è invariato a causa della pressione e degli acquisti del dollaro. Al momento i prezzi del palladio aumentano di $ 17,00, una combinazione di forza del dollaro e compratori che vendono il metallo di $ 20,65.

I prezzi dell’oro sono scesi sotto un livello di supporto critico a $ 1,267. Questo livello di supporto è il ritracciamento del 78% dell’unica grande manifestazione di quest’anno in oro, iniziata a dicembre dello scorso anno e conclusasi alla fine di gennaio. Allo stesso tempo i tecnici di mercato hanno assistito al completamento di una “croce della morte” quando la media mobile a 50 giorni a più breve termine ha superato ieri la media mobile a 200 giorni. Questi studi tecnici indicano chiaramente il potenziale per ulteriori pressioni di vendita.

I fondamentali che hanno fatto pressione sui prezzi dell’oro in calo rimangono e continuano a pesare fortemente limitando eventuali guadagni. Le azioni statunitensi ancora una volta hanno un rischio maggiore sul sentimento del mercato, mentre si muovono più in alto nella giornata. Questo, unito alla forza del dollaro, ha esercitato pressioni sull’oro, con conseguente riduzione dei prezzi attuali.

Allo stesso tempo, l’aspetto dell’oro sicuro è stato in gran parte ignorato mentre gli Stati Uniti e la Cina si avvicinano sempre di più a una guerra commerciale a tutto campo. L’attuale controversia commerciale e l’implementazione delle tariffe proposte da entrambe le parti indicano che le politiche commerciali tra i due paesi probabilmente contengono più attriti prima che queste due superpotenze risolvano i loro problemi.

Finché il dollaro diventerà più forte, i prezzi dell’oro dovranno affrontare una dura battaglia per rimanere tale. Il fatto che il prezioso metallo giallo non stia agendo come un tradizionale bene rifugio è un altro fattore che limita qualsiasi movimento al rialzo dei prezzi dell’oro. Tutti questi fattori continuano a modellare l’oro, riducendo i prezzi.

I futures dell’oro hanno visto il trade in sordina all’inizio di mercoledì, scambiando vicino al suo minimo di chiusura da sei mesi in quanto la forza del dollaro USA ha pesato sul metallo prezioso. L’oro grezzo GCQ8, -0,19% è stato poco cambiato, in rialzo di 10 centesimi o meno dello 0,1%, a $ 1,260 un grammo dopo l’incisione del suo più basso traguardo dal 15 dicembre, secondo i dati di FactSet. La commodity in dollari è stata su una tendenza al ribasso persistente ultimamente, con lingotti in calo dello 0,8% finora questa settimana e al ritmo di un calo mensile del 3,4%.

Il fondo scambiato in borsa più popolare che tiene traccia dell’oro, SPDR Gold Shares GLD, -0,53% ha perso lo 0,9% finora questa settimana e sta osservando un calo del 3,1% a giugno.

Lo slittamento dei lingotti è arrivato anche come intensificazioni nei confronti del commercio globale e il potenziale per gli scontri tra gli Stati Uniti e i suoi partner in Cina e in Europa, hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che i dazi all’importazione per conto proprio si trasformeranno in una guerra commerciale a tutto campo, sconvolgendo le economie internazionali.

Le azioni globali sono state spinte al ribasso, con il DIA Jones Industrial Average DJIA, in calo dello 0,12% per un calo dello 0,5% a giugno e dell’1,2% per la chiusura di martedì. L’Indice SPX di S&P 500, lo 0,22% si attesta a un guadagno dello 0,7%, ma è scivolato dell’1,2% in questa settimana. Gli andamenti per entrambi i benchmark si sono ridotti all’approssimarsi di mercoledì. Nel frattempo, l’indice composito Shanghai SHCOMP della Cina, -1,10% è in calo 2,7 % questa settimana e 9,1% a giugno, dopo essere entrati nel mercato bear market, definito come un calo di almeno il 20% da un recente picco.

In tale contesto, e promesse della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse di riferimento, il dollaro ha una salita costante. Come misurato dall’ICE Index del Dollaro Americano DXY, lo 0,35% del dollaro è salito dello 0,2% nelle ultime tre sessioni, ed è in corso con uno 0,8% di anticipo a giugno. Un dollaro più forte può rendere le materie prime legate alla valuta relativamente più costose agli acquirenti che usano altre unità monetarie”.

Il fatto che stamattina l’oro sia precipitato a un nuovo minimo del 2018, nonostante le tensioni commerciali globali che pesano sul sentiment, continua a chiedere se il metallo prezioso abbia perso il suo fascino sicuro”, ha scritto Lukman Otunuga , analista di ricerca presso FXTM in una nota di ricerca del mercoledì mattina. “L’azione dei prezzi suggerisce che un dollaro più forte e l’aspettativa dei più alti tassi di interesse degli Stati Uniti resteranno la più grande nemesi dell’oro”, ha scritto.

Sempre nei metalli preziosi, l’argento di settembre, il contratto più attivo, è sceso di 4 centesimi, ovvero dello 0,2%, a $ 16,295 l’oncia. Il contratto è diminuito dell’1,5% questa settimana e del 2,7% a giugno, finora. Lo SLV di iShares Silver Trust quotato in borsa, -0,26% è diminuito dell’1,1% e scivolato dello 0,8% nel mese finora.

Ci si attende un’estate negativa per l’Oro secondo Boris Mikanikrezai

Il calo dell’estate nei prezzi dell’oro potrebbe essere un segno di inversione per il metallo giallo, secondo un toro dell’oro, che si aspetta di vedere un “decollo” in un ambiente macro “più amichevole”. Un fondo a breve termine in oro sembra essere molto probabile in questo frangente, grazie a uno sfondo macro leggermente più amichevole, come ritiene Boris Mikanikrezai, analista dei metalli preziosi al Metal Bulletin, in un post Seeking Alpha martedì.

I prezzi dell’oro hanno subito una serie di perdite nelle ultime settimane, colpendo un nuovo minimo di sei mesi di $ 1,256,40 l’oncia all’inizio della sessione. I future d’oro Comex di agosto sono stati visti l’ultima volta a $ 1,260.30 l’oncia, in calo dello 0,68%.

Uno dei principali ostacoli ai prezzi dell’oro è stato come detto un dollaro più forte, che ha registrato guadagni inaspettati tra le tensioni geopolitiche. La prospettiva di Michikrezai vede questa tendenza invertirsi, così come un’ulteriore escalation della retorica della guerra commerciale potrebbe togliere i guadagni del dollaro USA e aumentare i prezzi dell’oro. “La dura presa sul commercio adottata dall’amministrazione statunitense ha portato a misure di ritorsione da parte dei suoi partner commerciali.

Di conseguenza, è sicuro argomentare che è probabile che le tensioni commerciali peggiorino prima di migliorare” ha scritto sempre Mikanikrezai. “La propensione al rischio globale potrebbe diminuire in modo più pronunciato (anche se le banche centrali intervengono), il dollaro potrebbe restituire i suoi precedenti guadagni e i tassi reali statunitensi potrebbero accelerarne il declino” ha aggiunto.

La direzione a breve termine dei prezzi dell’oro dovrebbe salire, secondo Mikanikrezai, che consiglia di mantenere una posizione lunga in BAR. “Contro un contesto macro più favorevole per l’oro, mi aspetto i prezzi dell’oro (proxied da SPDR Gold Trust ETF – GLD) e titoli azionari per l’estrazione dell’oro (proclamati dall’ETF di VanEck Vectors Gold Miners ETD – GDX) andare più in alto verso i massimi mensili a breve termine”, ha affermato. “Vorrei sottolineare che l’oro potrebbe aver bisogno di tempo prima di riunirsi a un ritmo più convincente” ha poi concluso.

Oro non sale perché mercato non impaurito da pericolo guerra commerciale

I prezzi dell’oro e dell’argento sono risultati più deboli nel primo pomeriggio degli scambi negli Stati Uniti martedì. Tuttavia, i prezzi sono migliorati rispetto ai minimi giornalieri che hanno visto l’oro colpire un minimo di sei mesi e l’argento ha colpito un minimo di sette settimane. Un’impennata dei prezzi del greggio Nymex superiore a $ 70,00 ha contribuito a sollevare i mercati dell’oro e dell’argento dai minimi di sessione poco prima di mezzogiorno. I futures sull’oro di agosto sono scesi di $ 6,90 l’oncia a $ 1,262,00. July Comex silver era sceso di $ 0,053 a $ 16,275 l’oncia.

Nonostante la minaccia di una grande guerra commerciale mondiale all’orizzonte, il mercato non vede una forte avversione al rischio, almeno non abbastanza per incrementare i metalli rifugio. Invece, l’oro e l’argento stanno seguendo le loro controparti primarie delle materie prime meno preoccupate di un minore commercio mondiale di materie prime se esplode una guerra commerciale tra gli Stati Uniti e le altre principali economie del mondo.

I principali “mercati esterni” oggi trovano l’Indice del dollaro USA più alto, il che è un elemento ribassista del mercato giornaliero per i metalli preziosi. Ora, i prezzi del greggio Nymex sono nettamente più alti e il trading sopra i $ 70,00 al barile dopo le relazioni di fine mattinata è emerso che gli Stati Uniti imporranno una politica di “tolleranza zero” su esportazioni di petrolio iraniane verso altri paesi.

Tecnicamente, gli “orsi d’oro” hanno il vantaggio tecnico a breve termine nel complesso. Sul grafico a barre di martedì, è presente una tendenza al ribasso di 2,5 mesi. L’obiettivo prossimo al rialzo dei prezzi a breve termine dei tori d’oro consiste nel produrre una chiusura al di sopra della solida resistenza tecnica a $ 1,286,80. Il prossimo obiettivo al ribasso dei prezzi al ribasso degli orsi sta spingendo i prezzi sotto il solido supporto tecnico al minimo di dicembre di 1.251,90 dollari.

La prima resistenza è vista al massimo di oggi di $ 1,269,40 e poi al massimo di questa settimana di $ 1,274,40. Il primo supporto è visto al minimo di oggi di $ 1,256,40 e poi a $ 1,251,90. Valutazione del mercato di Wyckoff: 3.0.

Gli orsi d’argento hanno il vantaggio tecnico a breve termine nel complesso. Il prossimo obiettivo di breakout dei prezzi al rialzo dei tori d’argento è la chiusura dei prezzi al di sopra della solida resistenza tecnica a $ 17,00 l’oncia. Il prossimo obiettivo di ribasso dei prezzi al ribasso per gli orsi è la chiusura dei prezzi sotto il solido supporto al minimo di maggio di $ 16,07. La prima resistenza è vista al massimo di oggi di $ 16,35 e poi a $ 16,50. Il prossimo supporto è visto al minimo di oggi di $ 16,14 e poi a $ 16,07. Valutazione del mercato di Wyckoff: 3.0.

Il rame ha chiuso con 60 punti a 299,25 centesimi oggi. I prezzi si sono chiusi più vicino alla sessione alta sulla tiepida copertura breve dopo aver toccato un minimo di tre mesi lunedì. Gli orsi del rame hanno il vantaggio tecnico a breve termine nel complesso tra le recenti ripide svendite. Il prossimo obiettivo dei prezzi al rialzo dei tori di rame sta spingendo e chiudendo i prezzi al di sopra della solida resistenza tecnica a 315,00 centesimi. Il prossimo obiettivo dei prezzi al ribasso per gli orsi è la chiusura dei prezzi al di sotto del solido supporto tecnico al minimo di marzo di 295,85 centesimi.

La prima resistenza è vista a 300,00 centesimi e poi al massimo di questa settimana a 304,50 centesimi. Il primo supporto è visto al minimo di questa settimana di 298,60 centesimi e poi a 295,85 centesimi. Valutazione del mercato di Wyckoff: 3.0.

Oro potrebbe riprendersi a luglio

Secondo l’analisi di Clif Drokeper per Seeking Alpha, nonostante un caso importante di nervosismo da parte degli investitori globali, l’oro non sta ricevendo il beneficio dell’aumento generalizzato della paura. Anche il recente ritiro del dollaro non ha un prezzo più elevato dell’oro. Ciononostante, come spiegherò nei commenti di oggi, ci sono ancora buone probabilità che l’oro possa riorganizzarsi a luglio sulla base di diversi sviluppi tecnici. Gli investitori hanno nuovamente voltato le spalle all’oro in favore di altri paradisi sicuri il lunedì.

Nonostante una svendita nel mercato azionario per le preoccupazioni legate alla guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina, gli investitori si sono rivolti al mercato del Tesoro anziché ai metalli preziosi. Ciò era contrario alle aspettative di molti analisti e investitori d’oro. Tuttavia, è conforme al modello recente di oro snobbato a causa della costante resistenza a medio termine del dollaro.

L’indice del dollaro USA (DXY) è stato leggermente inferiore lunedì, il che è stato in qualche modo sorprendente data la recente tendenza degli investitori a rivolgersi al biglietto verde come un rifugio sicuro. L’indice del dollaro è rimasto al di sopra della media mobile a 15 giorni su una base di chiusura (sotto), che tecnicamente mantiene intatta la sua tendenza al rialzo immediato (1-4 settimane).

Come ho sottolineato nelle relazioni recenti, è necessario un ritiro decisivo, che spezzi lo slancio immediato del dollaro a breve termine per stimolare un rally d’oro a copertura corta. Ovviamente questo non è ancora successo, ma una rottura decisiva con la media mobile di 15 giorni di DXY potrebbe essere sufficiente per accendere la miccia di un rally d’oro. Come mostra il grafico sopra del DXY, la lettura del momentum a 12 giorni del dollaro si è affievolita di recente, il che aumenta leggermente le probabilità di una rottura al di sotto del MA di 15 giorni.

Fino a quando non accade, però, possiamo solo supporre che la tendenza al rialzo del dollaro rimanga intatta.

Oro non più bene rifugio?

Anche il Financial Times sottolinea come l’oro da un po’ non funga più da bene rifugio. L’inasprimento della guerra commerciale globale non riesce a destare gli investitori d’oro, nonostante la reputazione del metallo come bene rifugio. Nel bel mezzo di mercati azionari volatili e crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina, l’oro è sceso al livello più basso in oltre sei mesi.

L’oro da inizio anno è in calo del 4%. Gli operatori rimangono fermamente ai margini, come mostra il grafico. L’interesse aggregato aperto sul cambio di oro Comex a New York, che misura il numero di contratti a termine in essere, è sceso al livello più basso dal 2016. Per gli investitori ci sono stati pochi catalizzatori per comprare oro quest’anno in quanto il dollaro si è rafforzato. I tassi di interesse degli Stati Uniti sono aumentati costantemente da gennaio e con un rendimento dei buoni del Tesoro a tre mesi all’1,92 per cento, il che rende l’oro meno attraente dal momento che il metallo non fornisce un rendimento fisso.

L’inflazione è stata anche lenta a materializzarsi nonostante i prezzi del petrolio più elevati e più deboli valute dei mercati emergenti. L’oro viene spesso acquistato come protezione dall’inflazione. Gli investitori dicono che un rimbalzo per l’oro potrebbe richiedere uno shock macro più forte nei prossimi mesi.

“L’economia globale è passata da una narrativa fiduciosa di crescita globale sincronizzata a un’immagine molto più confusa e in termini di crescita e tensioni commerciali”, afferma James Luke, un gestore di fondi presso Schroders a Londra. “Questi macro rischi potenzialmente alimentano un ambiente molto più difficile per le attività di rischio che potrebbe catalizzare la diversificazione in oro, anche in assenza di un turnaround nel dollaro“ conclude Luke.

Ciò che succede all’Oro dimostra che il mercato non ha regole scritte

L’Oro è di nuovo in calo mercoledì 27 giugno, mentre scriviamo. Alcuni credono che le guerre commerciali in atto tra Usa e Cina, Usa e Canada e Usa e Ue, stiano influenzando i metalli preziosi, il che potrebbe essere una ragione di fondo.

Tuttavia, i mercati non si preoccupano davvero delle notizie, delle guerre commerciali o di qualsiasi altra cosa. Sono guidati da emozioni umane. L’oro e altri mercati non commerciano da soli; lo fanno gli esseri umani. Molti sostengono che l’algoritmo ad alta frequenza scambia il prezzo di controllo, ma gli algoritmi sono scritti da persone e reagiscono di conseguenza. Per ora, l’oro vuole scendere e tutte le ragioni per cui possiamo scoprire che non dovrebbe avere influenza sul risultato fino a quando gli acquirenti non tornano sul mercato.

Cerchiamo di essere acquirenti ma non prima che i venditori smettano di vendere. $ 1,240 è il livello successivo dal quale potremmo cercare di essere potenziali acquirenti. Per il momento, meglio restare a guardare.

Oro in calo anche per rialzo dollaro

Gli analisti hanno affermato che l’aumento del dollaro USA è stato da imputare alla mossa dell’oro verso il basso, martedì, con l’indice del dollaro USA scorso a 94,60, in aumento dello 0,35% sul giorno.

“Stamattina (martedì 26 giugno) c’è stato un leggero aumento del dollaro USA dopo l’anticipazione del mercato che il dollaro cadrà”, ha detto a Kitco News il capo della strategia globale sulle materie prime Bart Melek di TD Securities. “Per la maggior parte, questo è il motivo dell’oro più basso”. E non è solo oggi, ha detto lo stratega di materie prime ING Oliver Nugent, aggiungendo che la rinascita del dollaro USA è stata un forte motore al ribasso per l’oro nelle ultime due settimane.

Ma la “più grande delusione” del metallo prezioso quest’anno è quella che continua a non riuscire ad attirare flussi di rifugi sicuri in modo significativo, secondo Nugent. “L’oro ha perso quel fascino”, ha detto. “È iniziato con un sacco di fatica all’inizio dell’anno. Era vicino a superare quota $ 1350, ma costantemente non è riuscito a generare rendimenti in un contesto di rendimento in crescita.” Colin Cieszynski, stratega del mercato di SIA Wealth Management, vede il rally del dollaro come uno dei principali ostacoli ai prezzi dell’oro a breve termine.

“Il capitale è uscito dall’oro, mentre più denaro è arrivato nel dollaro americano “, ha detto Cieszynski. “È un doppio vento contrario per l’oro.” La parte peggiore della storia estiva potrebbe essere che l’oro non è ancora finito. “L’oro è ipervenduto, ma sembra che non voglia nemmeno toccare il fondo”, ha osservato Cieszynski.

Cosa aspettarsi da Oro nei prossimi mesi?

Gli analisti stanno prevedendo ancora perdite per oro prima di un rimbalzo, osservando che storicamente l’estate è un periodo stagionalmente debole per i prezzi. “Nulla di divertente” è in serbo per i prezzi a breve termine, ha detto Melek, con l’attività tecnica che spinge l’oro fuori mano.

“Questo trimestre non sarà particolarmente bello. Potremmo rimanere leggermente al di sopra dei livelli attuali in media”, ha aggiunto. “Non vediamo una mossa sostenuta oltre $ 1.300 fino all’inizio del prossimo anno.”

Cieszynski ha sottolineato che dal momento che il mercato dell’oro ha violato il livello di supporto di $ 1,265, la prossima mossa potrebbe essere quella di testare $ 1,240. L’oro dovrebbe rimanere vicino al fondo dello scorso anno trading range – $ 1,240 e $ 1,360 – ha aggiunto Cieszynski. “Potremmo avvicinarci a un diluvio stagionale, ma non ci siamo ancora arrivati”, ha detto. Come nota positiva, il contesto dei tassi d’interesse sta diventando più favorevole per l’oro, con le aspettative di inflazione in aumento. Un buon segno per il prezioso metallo che è stato tradizionalmente considerato come una copertura dell’inflazione, ha osservato Melek.

Oltre a ciò, prezzi dell’oro più bassi potrebbero incoraggiare un maggiore acquisto fisico nei mercati chiave, tra cui Cina e India, ha sottolineato Nugent. “Se guardi alla domanda di gioielli in Cina , è stata incredibilmente robusta già dopo essere stata stimolata da prezzi più bassi. Inoltre, è previsto il turnaround in India. A prezzi inferiori, abbiamo potuto vedere più acquisti”, ha spiegato.

Oro, come si è arrivati a questa situazione

Oro ha sviluppato una chiara tendenza al ribasso staccandosi dal forte livello di resistenza vicino a $ 1,364. Molti trader di oro stavano aspettando una rottura al di sopra del livello critico di resistenza a lungo termine vicino a $ 1,364 e un movimento verso $ 1,550. Tuttavia, il trend rialzista è stato disordinato nel suo comportamento, quindi i trader prudenti sono stati premiati.

È stato disordinato perché il prezzo ha oscillato attorno al gruppo a lungo termine delle medie dell’indicatore Guppy Multiple Moving Average. Il prezzo dell’oro aveva testato il livello di resistenza vicino a $ 1,364 in quattro occasioni. Ha testato più volte il livello di supporto della linea di tendenza nello stesso periodo. Il fallimento del più recente test di supporto a maggio e giugno ha confermato un cambiamento nella direzione della tendenza.

Il GMMA a lungo termine fornisce una panoramica sul modo in cui gli investitori stanno pensando. Quando il GMMA a lungo termine è compresso, suggerisce un debole sostegno degli investitori. Il forte sostegno degli investitori per una tendenza è dimostrato da un’ampia e costante separazione nel GMMA a lungo termine. Le medie GMMA a lungo termine sono compresse e stanno diminuendo. Questo mostra debolezza della tendenza e lo sviluppo di una nuova tendenza al ribasso.

Questa è la prima caratteristica del nuovo trend ribassista. La conferma del cambio di tendenza deriva dal modo in cui il prezzo è raggruppato ai margini inferiori del GMMA a lungo termine. Ciò dimostra che il GMMA a lungo termine agisce come una caratteristica di resistenza. Il gruppo a breve termine delle medie GMMA indica come pensano gli operatori.

Hanno compresso, girato verso il basso e si stanno espandendo. La separazione in espansione mostra un maggiore livello di impegno del trader per le operazioni short-side. La GMMA a breve termine si sta muovendo al di sotto del GMMA a lungo termine e questo di solito è associato a un cambiamento di tendenza sostenibile. Questa è la seconda caratteristica del cambiamento di tendenza. La terza caratteristica che conferma il cambiamento di tendenza è la mossa sostenuta al di sotto della linea di tendenza. Questa linea di tendenza è difficile da posizionare esattamente.

Si parte dal basso del dicembre 2016, ma il secondo punto di ancoraggio per la linea di tendenza rialzista non appare fino al gennaio 2017. Ciò significa che la posizione della linea di tendenza non è ben testata e che, a sua volta, significa che la tendenza al rialzo non è ben definita. Tuttavia, il prezzo è chiaramente sceso al di sotto della linea di tendenza. Esistono due obiettivi negativi per l’oro. Il primo è basato sulla precedente area di consolidamento vicino a $ 1,250. Questo è un livello in cui, storicamente, il prezzo è stato sospeso e spostato lateralmente. Non è un forte livello di supporto.

Un livello di supporto è il punto in cui il prezzo è sceso a quel livello e poi è rimbalzato e ha sviluppato un nuovo trend rialzista. Il livello di supporto storico è vicino a $ 1,210. Ciò suggerisce che la tendenza al ribasso potrebbe fermarsi vicino a $ 1,250, ma i commercianti saranno pronti a far scendere il prezzo verso il supporto vicino a $ 1,210. I negoziatori continuano a negoziare il comportamento di ritirata.

Oro in ripresa a fine anno?

L’oro è pronto per il ritorno in quanto il dollaro si indebolirà nuovamente, secondo l’analisi del Pictet Wealth Management. L’oro salirà a $ 1320 l’oncia entro la fine dell’anno, ha detto lo stratega di valuta Luc Luyet, che si confronta con un attuale $ 1,256. Mentre le tensioni commerciali non hanno ancora fornito molto sostegno, un’escalation combinata con una scivolata al dollaro potrebbe alzare i prezzi, ha detto Luyet.

Gli investitori preferiscono i paradisi come il dollaro, i Treasuries e lo yen tra i timori che un’incombente guerra commerciale danneggi la crescita globale, danneggi i guadagni e trascini i mercati azionari e altre attività rischiose. Aggiungendo al sentimento ribassista, la media dei prezzi in movimento a 50 giorni è scesa sotto i 200 giorni di venerdì. Formando quello che gli analisti chiamano death cross e segnalando ulteriori perdite. I prezzi sono ora intorno al livello più basso da dicembre.

Continuiamo a credere che il dollaro abbia raggiunto il picco a gennaio 2017 e, pertanto, la forza recente è una sorta di rimbalzo temporaneo e prevediamo ulteriori declini lungo la strada “, ha detto Luyet in un’intervista telefonica. “Anche se non è il nostro scenario, se assistiamo a maggiori tensioni commerciali, potrebbe a un certo punto essere positivo per l’oro”, ha detto, aggiungendo che potrebbe portare a una crescita globale più bassa e all’incertezza aumentata, che sono normalmente driver positivi per i lingotti.

Suki Cooper, analista di metalli preziosi presso la Standard Chartered Plc, vede l’oro testare i massimi di cinque anni entro la fine dell’anno, sottintendendo che i prezzi potrebbero salire a $ 1400, mentre Bart Melek, responsabile globale della strategia sulle materie prime di TD Securities a Toronto, ha detto che si aspetta che il metallo cominci a rimbalzare nell’ultimo trimestre.

La ritirata è stata alimentata anche dal falcidiamento della Federal Reserve sulla politica monetaria, mentre un’economia in forte espansione irrigidisce il mercato del lavoro e aumenta i rischi di inflazione. Gli hedge fund e gli speculatori la scorsa settimana hanno tagliato le loro scommesse nette al minimo dall’inizio del 2016, mentre le attività in SPDR Gold Shares, il più grande fondo negoziato con il metallo, sono le più piccole dal mese di agosto. Il declino dell’oro riflette l’effetto positivo che la riduzione delle tasse negli Stati Uniti avrà sulla crescita e il dollaro, nonché l’aumento dei tassi di interesse, ha detto Luyet.

Per ora, l’impatto delle riduzioni delle tasse è maggiore del potenziale impatto del protezionismo, ha affermato. La Federal Reserve probabilmente aumenterà i tassi di interesse altre due volte quest’anno, e due volte nel 2019, mentre la Banca Centrale Europea inizierà probabilmente a inasprirsi a settembre l’anno prossimo, disse Luyet. Ciò dovrebbe spostare la divergenza della politica monetaria a favore dell’euro rispetto al dollaro ed essere positivo per l’oro nel biglietto verde, ha detto.

Vede l’oro a $ 1350 in 12 mesi. Nel breve termine, la domanda di gioielli tende ad essere relativamente forte tra agosto e gennaio complici i festival che si terranno in India e Cina, e questo dovrebbe essere di supporto, o almeno limitare il lato negativo, ha detto Luyet. Il quale vanta sei anni di esperienza in valute e metalli preziosi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY