Oro, continua ottimo periodo: Russia ne fa incetta e viene visto sempre come bene rifugio

L’Oro continua ad essere il bene rifugio per antonomasia. Secondo il governatore della banca centrale russa, Elvira Nabiullina, la spesa per l’acquisto di oro da parte del Paese russo, è alimentata dalla necessità di diversificare, al fine di anticipare e proteggere il paese dai rischi economici e geopolitici.

Le riserve totali di oro della Russia si aggirano intorno a 69.700.000 once (o 2.167,9 tonnellate), secondo i dati diramati dalla Banca centrale russa in aprile. Con l’oro che rappresenta circa il 18% delle riserve totali della banca.

Così Nabiullina venerdì alla CNBC: “(…) Proviamo a diversificare la composizione delle nostre riserve internazionali in quanto stimiamo tutti i possibili rischi. Rischi economici e geopolitici”.

In effetti, la Russia è stata uno dei Paesi più attivi nell’acquisto di oro nel 2018. Confermandosi anche in questo inizio 2019. Durante il primo trimestre del 2019, la Russia ha acquisito 56 tonnellate di metallo prezioso.

Un’altra ragione possibile per cui la Russia ha voluto mantenere gli investimenti soprattutto in oro è la volontà di diversificare lontano da certe valute.

Come ha spiegato sempre Elvira Nabiullina alla CNBC: “Cerchiamo di comprendere le dinamiche a lungo termine dei diversi tipi di valute e le esigenze della nostra economia. Così da ottimizzare l’utilizzo di questa risorsa e la possibilità di prendere questa decisione sulla base di queste riserve”.

Durante l’ultimo decennio, le riserve d’oro della Russia sono cresciute costantemente. Con un’accelerazione in atto a partire dal 2014, secondo i dati del World Gold Council.

Nel 2018, la Russia ha superato la Cina come il quinto più grande detentore di oro al mondo. Preceduta solo da Francia, Italia, Germania ed USA. E gli analisti ritengono che la Russia stia acquistando Oro per cercare di far svalutare il dollaro USA. Altro asset ritenuto un bene rifugio.

A spiegare ciò fu già ‘amministratore delegato del Gruppo CPM Jeff a Kitco News: “La Russia è finalmente in grado di eseguire un desiderio di lungo termine di ricostruire le proprie scorte d’oro e diversificarsi lontano dal dollaro”.

La quota della Russia nelle sue riserve di dollari Usa è di fatto scesa dal 46% al 22% lo scorso anno. Dunque praticamente più che dimezzata, come hanno osservato gli analisti della Bank of America Merrill Lynch.

In realtà, non solo la Russia è colta da questa rinnovata febbre per l’oro. Come spiega a Kitco News, il direttore della ricerca sugli investimenti del World Gold Council, Juan Carlos Artigas:

La tendenza della Russia fa parte di una mossa più grande da parte delle banche centrali di tutto il mondo di acquistare più oro. Con un totale di 651,5 tonnellate di oro acquistate a livello mondiale dalle banche centrali l’anno scorso. La più grande quantità dal 1971. Ciò che è più interessante da capire nel caso della Russia, però, non sono solo questi grandi numeri, ma la tendenza. Le banche centrali dei mercati emergenti hanno acquistato oro in modo abbastanza consistente dal 2010, perché le banche centrali stanno cercando di diversificare le loro riserve, cercano sicurezza e l’oro le fornisce”, ha detto all’inizio di aprile.

Al momento della redazione di questo articolo, i future d’oro di Comex di giugno erano scambiati a $ 1,287.60, in calo dello 0,09% il giorno.

Oro, i prezzi guadagnano il più grande rally della settimana in tre mesi: si tratta di un’inversione?

Non molto tempo fa, i prezzi dell’oro hanno segnato un crollo tecnico critico. Martedì 16 aprile, ad esempio, il metallo prezioso è finito sul livello 1,285-1,280 della media mobile a 100 giorni. Facendo altresì registrare un doppio fondo, un ritracciamento di Fibonacci della salita da agosto a febbraio, nonché una linea di tendenza che si ergeva come la “scollatura” su un prominente modello testa-e-spalle dell’anno 2019.

Tecnicamente parlando, i segnali raramente si presentano più chiari di così. Avanzando rapidamente verso la nostra condizione attuale con un rigonfiamento provvisorio che si accumula alla sua base, non possiamo semplicemente scontare la mossa ribassista guadagnata in precedenza.

Si è registrata l’avanzata della settimana più forte degli ultimi 3 mesi (quindi, si tratta di un ritorno all’ultima settimana di gennaio) e solo lo scorso venerdì ha ottenuto il miglior risultato dall’8 marzo.

L’implicazione a breve termine della correzione dell’andamento, attirerà coloro che sono sempre alla ricerca di un’inversione di tendenza. Ma dovremmo prendere le prestazioni in un contesto più grande.

La ripartizione testa a testa (H & S) si è riconosciuta facilmente, il chepermetterebbe di avere un peso maggiore nel dettare le vedute tra i trader. Sebbene si continui a fare pressioni sul precedente supporto come nuova resistenza.

D’altra parte, se valutiamo il mercato sulla base degli ultimi otto mesi anziché solo degli ultimi due, si potrebbe sostenere che la tendenza prevalente è ancora rialzista. Quindi la domanda che si pone ai trader di oro è se stiamo tornando a una tendenza dominante. Oppure si tratta semplicemente di una correzione nella nuova tendenza orso prevalente.

La svolta che ha innescato il rally nella seconda metà della scorsa settimana, sta avendo una leggera influenza sotto forma di una linea di tendenza estesa dai minimi storici tra agosto e novembre. Molti analisti danno molto meno peso alle linee di tendenza in cui gli indizi tecnici che hanno stabilito il raggio, non sono equidistanti o sono più datati.

Abbiamo già superato il 38.2% di Fibra della fase toro precedentemente menzionata, e il doppio fondo di marzo / aprile a 1.280. La scollatura proiettata come supporto precedente che si converte in nuova resistenza può ancora avere un certo peso. Tuttavia, la confluenza del 38,2% di Fib al declino del 25 marzo – 23 aprile, e il punto mediano dal 10 aprile al 23 aprile, si sovrappongono all’onda sul livello 1,289.

Sfidare questo limite non sarebbe difficile. Tuttavia, è da considerarsi la possibilità di negoziare fino alla resistenza della linea di tendenza discendente dal picco di febbraio. Che ora si aggira intorno intorno al livello 1.300. Il sorpasso che avrebbe messo a tacere molti “holdout” ribassisti.

Una considerazione che tutti i trader di oro dovrebbero fare, riguarda l’influenza indebita sull’oro che può derivare dal dollaro. Lo strumento di prezzo primario per il metallo prezioso è il biglietto verde, e la maggior parte dei trader ragiona su tale base. Ciò detto, la temporanea volatilità derivante dalla valuta americana, può generare aspettative non realistiche per uno strumento come l’oro.

Inoltre, le tendenze che si presentano nell’oro possono a volte essere appiattite temporaneamente da venti contrari generati da una valuta motivata. Quando questi venti si attenuano, l’asset torna praticamente in vita. Quando in realtà è un momento che è sempre stato lì, solo che veniva occultato appunto dai venti contrari provenienti dal biglietto verde.

Per aiutare a bloccare la pesante influenza dell’USD, è possibile utilizzare il grafico di un indice d’oro sintetico, ugualmente ponderato, che utilizza i prezzi del dollaro, dell’euro, della sterlina e dello yen. La struttura è ancora molto simile, ma gli spunti tecnici della H & S non sono tanto distinti quanto il supporto orizzontale generale che sembrava si potessero reggere.

Occorre considerare questo mentre pesi la tendenza rispetto alla correzione.

Se si desidera una panoramica genuina sull’oro, è importante avere una dose di principi fondamentali per comprendere la motivazione. Ma possiamo farlo in termini più pratici proprio attraverso i grafici. Come ad esempio quello sull’indice d’oro sovrapposto all’indice DXY Dollar. L’ipotesi molto rudimentale è che i trader prediligono l’oro quando la valuta di riferimento diminuisce e viceversa.

Coloro che hanno più familiarità con il mercato sanno che possono effettivamente muoversi in tandem poiché entrambi rappresentano paradisi sicuri. Tuttavia, le implicazioni del tasso di interesse per il biglietto verde possono ancora agire da timone per un asset che non offre alcun rendimento. Chiaramente, il metallo è avanzato mentre la valuta si è spostata lentamente più in alto. Inoltre, il breakout critico dal Dollaro della scorsa settimana non sembrava rimandare questa tendenza.

Oro potenziale alternativa agli altri asset e bene rifugio evergreen

Il più grande potenziale che porta l’oro ad essere ancora il bene rifugio per eccellenza deriverebbe da una domanda generale di alternative alle principali valute e alle attività finanziarie che rappresentano. Proprio come abbiamo visto per la Russia.

Il dollaro può muoversi nella illusione di essere un’alternativa alle altre controparti FX, ma anche questo può subire pressioni. Quindi, il consiglio è di non fare troppo affidamento su questa correlazione andando avanti nel trading.

Un altro ruolo che l’oro ha recentemente sfruttato in punti convenienti è la sua posizione come risorsa “rifugio sicuro”. Rispetto all’indice VIX Volatility, la salita a fianco di VIX fino al quarto trimestre del 2018 è inconfondibile. Tuttavia, anche la deviazione che si è vista nelle prestazioni è difficile da perdere. Il rapporto positivo arriva ora con l’S&P 500 e Dow.

Questo è più probabilmente un difetto nel segnale di “propensione al rischio” che ci viene dato dagli indici statunitensi. La maggior parte degli altri asset speculativi mostra una lotta molto più dura. Detto questo, occorre prestare maggiore attenzione ai progressi nel campo dell’oro tecnico, piuttosto che ricadere su un ruolo fondamentale inaffidabile.

Misurando il livello di attività del metallo stesso – piuttosto che la sua relazione con altre attività attività / paura – vediamo sotto l’indice oro in cima all’indice di volatilità della CBOE per la merce. Le oscillazioni attese per questo mercato sono scese parallelamente alle misure realizzate offerte da ATR (media gamma reale).

Ciò che questo suggerisce è che ci stiamo probabilmente facendo strada verso una normalizzazione delle oscillazioni del mercato. Il che significa un breakout, che però non per forza si può tradurre in una rottura.

Occorre poi considerare che questo è uno schema che ha richiesto molto tempo per svilupparsi su un grafico settimanale. Non è un breakout necessario per la settimana a venire. Ma è pronto se richiesto

Infine, il posizionamento può dirci in che modo si stanno posizionando diversi gruppi commerciali e in che cosa possono essere impostati nelle prossime mosse: partecipazione o abbandono. Dai maggiori trader di futures misurati dal rapporto COT di CFCT, è possibile osservare un downdraft nel posizionamento lungo. Dopo che il metallo non è riuscito a fare una mossa più impegnata quando il livello 1350 ha trattenuto i tori.

C’è chiaramente un picco discendente di lungo interesse nei precedenti tre anni di sforzi per una resistenza di distanza. Ritrovare una posizione corta netta nelle prossime settimane sembra sempre più probabile.

I trader al dettaglio, nel frattempo, svaniscono caratteristicamente le oscillazioni che abbiamo visto in questi ultimi mesi. Sebbene l’interesse a lungo termine di buy-and-hold sia un contingente molto forte persino nel gruppo al dettaglio, a differenza di FX o indici. La partecipazione all’inversione di tendenza è diminuita notevolmente, e non vi è una forte convinzione che faccia parte della ripresa più recente dall’area 1.270.

Piattaforme per investire in Oro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY