Oro cresce sul Dollaro ma arrivano brutte notizie dall’India

I prezzi delle materie prime erano in modalità “digestione” venerdì, tra una pausa e un rischio di eventi programmati di alto livello, come previsto. I prezzi dell’oro hanno segnato il tempo in mezzo a mosse contrastanti nel dollaro USA e rendimenti obbligazionari. Il primo ha corretto più basso, offrendo supporto per il metallo giallo antifiat, ma quest’ultimo ha sottovalutato l’attrattiva dei beni non fruttiferi.

Nel frattempo, i prezzi del petrolio greggio sono stati corretti leggermente più in alto. L’olio “crude” potrebbe tornare al rialzo, ma l’oro da scambiare potrebbe ancora avere dei rischi. Da qui, un altro giorno tranquillo sul calendario potrebbe consentire alle tendenze sentimentali di dominare. I futures della S&P 500 puntano più in alto, suggerendo un pregiudizio prudentemente rischioso. Ciò potrebbe sostenere i prezzi del petrolio greggio, ma l’oro potrebbe continuare a lottare per la direzione come i rendimenti dei benchmark e le divergenze sul greenback. In ogni caso, il follow-through duraturo è improbabile dal momento che i commercianti attendono catalizzatori più elevati a causa di un ritardo nel corso della settimana.

I prezzi dell’oro segnano il tempo al di sotto della resistenza nell’area 1235.24-41.64, ma le divergenze RSI negative indicano che una curva più bassa sta andando avanti. Da qui, una chiusura giornaliera al di sotto del supporto di resistenza nella zona 1211.05-14.30 apre la porta a un test del minimo del 28 settembre a 1180.86. In alternativa, una spinta sopra 1241,64 espone la regione 1260.80-66.44.

Sommario

Petrolio greggio analisi tecnica

I prezzi del greggio sono a supporto a guidare il movimento più in alto dall’inizio di febbraio, ora nell’area 66.70-68.60. Una rottura al di sotto di quella che si riferisce allo scaffale di supporto nella zona 64.26-45. In alternativa, un rimbalzo sopra la regione 70.05-26 ha come obiettivo il supporto della linea di tendenza trasformato in resistenza a 71,68. Un posizionamento a lungo termine suggerisce che un rialzo a più lungo termine potrebbe prendere forma.

I prezzi dell’oro sono saliti in rialzo lunedi verso un picco di 2-1 / 2 mesi rispetto la scorsa settimana, mentre il dollaro si è allentato e le preoccupazioni per le crescenti tensioni politiche che rallentano la crescita economica globale hanno dato supporto al metallo. L’oro è salito dello 0,2% a $ 1,228,15 l’oncia a 0424 GMT. Il 15 ottobre, la lingottiera ha toccato il massimo dal 26 luglio a $ 1,233.26.

Oro cresce sul dollaro complice le crisi geopolitiche

I future sull’oro sono aumentati dello 0,2 percento a $ 1,231 l’oncia. “Finora vediamo una buona ricetta per il recupero dei prezzi dell’oro: uno è il rallentamento economico globale, un altro sono le incertezze geopolitiche. Allo stesso tempo, c’è un sentimento di rischio-off”. L’analista di Argonaut Securities, Helen Lau, ha dichiarato: “Se le tensioni si profilassero potremmo vedere il rimbalzo dell’oro fino a 1.300”.

Le prospettive per la crescita globale nel 2019 si sono attenuate per la prima volta, secondo i sondaggi di Reuters degli economisti che hanno affermato che gli Stati Uniti e la Cina la guerra commerciale e l’inasprimento delle condizioni finanziarie farebbero scattare la prossima crisi.

Nel frattempo, le preoccupazioni geopolitiche comprese le tensioni tra Arabia Saudita e Occidente sull’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi, gli sviluppi relativi alla Brexit e le difficoltà del bilancio italiano stanno mantenendo gli investitori interessati all’oro, gli analisti hanno detto. L’oro è visto come un deposito sicuro di valore durante l’incertezza politica ed economica.

“C’è un punto debole di preoccupazione per i crescenti rischi geopolitici e penso che questo manterrà l’offerta dell’oro,” s aiuto Stephen Innes, responsabile degli scambi APAC all’OANDA di Singapore. “Mentre ci avviciniamo alle elezioni statunitensi a medio termine, ci saranno molti sconvolgimenti politici e questo è il motivo per cui l’oro mantiene l’offerta.”

L’oro a pronti potrebbe consolidarsi ulteriormente sotto una resistenza a $ 1,235 per oncia, o rompere un supporto a $ 1,217, per cadere al prossimo supporto a $ 1,208, secondo l’analista tecnico Reuters Wang Tao.Holdings nel più grande fondo scambiato in oro del mondo scambiato in borsa, SPDR Gold Trust, è sceso dello 0,39% a 745,82 tonnellate venerdì. Gli speculatori oro hanno tagliato la loro posizione corta netta nei contratti d’oro COMEX di 65.637 contratti a 37.372 contratti, il più piccolo da fine luglio, nella settimana al 16 ottobre, i dati hanno mostrato. L’indice del dollaro USA, che misura il biglietto verde contro un paniere di sei principali valute, era in calo dello 0,1 percento.

Tra gli altri metalli preziosi, l’argento era aumentato dello 0,5 percento a $ 14,67 l’oncia, mentre il platino è salito dello 0,1 percento a $ 830,50 l’oncia. Il palladio ha scalato quasi l’1 percento a $ 1,090,47 per oncia, più vicino a un picco di oltre otto mesi di $ 1,096,80 raggiunto l’11 ottobre.

Oro, è stato ricreato in modo efficace il sistema Gold Standard di Bretton Woods?

Oggi, l’idea di ricollegare il valore del dollaro all’oro è ancora ben al di fuori del mainstream. La maggior parte delle persone non ha molta idea del motivo per cui qualcuno vorrebbe farlo. Ciò include la maggior parte degli economisti. Questo è strano: gli Stati Uniti hanno seguito il principio del gold standard per quasi duecento anni, dal 1789 al 1971, e non è successo niente di male.

Gli Stati Uniti sono diventati una superpotenza mondiale, economicamente e militarmente. Il dollaro USA divenne la principale valuta internazionale e New York divenne il primo centro finanziario del mondo. Gli ultimi due decenni dell’era dell’oro standard, il periodo di Bretton Woods del 1944-1971, furono tra i più prosperi di tutta la storia americana. La classe media americana era sana come non lo era mai stata; il più ricco e il più prospero, si potrebbe sostenere, di qualsiasi civiltà nella storia del pianeta.

Nel 1970, il dollaro valeva 1 / 35thof un’oncia d’oro (“$ 35 l’oncia”), lo stesso valore che aveva mantenuto dal 1934 Il presidente Franklin Roosevelt aveva svalutato il dollaro nel 1933, nel mezzo della Grande Depressione. Il valore del dollaro, prima di allora, era di $ 20,67 / oncia. Tranne che per un periodo di fluttuazioni durante e dopo la guerra civile, era stato sostanzialmente lo stesso valore dal 1789.

Dal 1971, gli economisti hanno avuto molte idee sciocche su come le valute dovrebbero essere gestite. Nessuno di loro ha funzionato bene come il gold standard. Nessuno di loro ha funzionato molto bene. Ecco perché devono continuare a inventarne di nuovi. Probabilmente continueranno in questo modo finché gli adulti non diranno loro di tagliarlo. Di solito, quando qualcosa funziona bene – molto bene; estremamente super-bene e meglio di qualsiasi altra cosa che sia mai stata provata, la gente pensa che sia una buona idea.

Per qualche ragione, oggi gli economisti non riescono a capirne le idee. Questo è apparentemente perché sono molto stupidi. Per la maggior parte della storia degli Stati Uniti, la gente ha aderito all’idea di denaro stabile. Il denaro dovrebbe essere il più stabile possibile. Sarebbe un mezzo di commercio neutrale, immutabile, libero da manipolazioni umane, un po ‘come il peso immutabile del chilogrammo e la lunghezza immutabile del metro. L’espressione pratica di questo ideale era una valuta il cui valore era definito in termini di oro.

Per millenni, l’oro aveva servito come il proxy del mondo reale più vicino a questo ideale di valore stabile. Poiché la maggior parte degli altri paesi utilizzava anche l’oro come misura pratica del valore stabile, il risultato erano i tassi di cambio fissi con altre valute legate all’oro. Questo commercio e investimenti internazionali notevolmente semplificati.

In questo modo, i governi hanno raggiunto la stabilità in un senso assoluto (evitare la paralizzante “inflazione” monetaria e “deflazione” causata dal cambiamento nel valore del denaro), e anche in senso relativo, di mantenere i tassi di cambio fissi con i partner commerciali.

Nell’economia di mercato, tutto è organizzato attraverso i prezzi, i margini di profitto, i tassi di interesse e i rendimenti sul capitale. Quando questo sistema funziona, funziona molto bene. Quando non funziona, può essere un disastro. Quindi, vogliamo che funzioni bene. Questo è il motivo per cui vogliamo che i prezzi riflettano l’offerta e la domanda di un singolo prodotto o servizio, senza la distorsione che deriva dalle variazioni nel valore del denaro.

Quando il prezzo del petrolio sale da $ 50 a $ 100 al barile, dovrebbe riflettere un cambiamento nelle caratteristiche reali della domanda e dell’offerta nel mercato petrolifero, misurato in moneta di valore stabile e immutabile. Quando l’aumento del prezzo del petrolio è causato da un calo del valore della moneta, scoppiano tutti i tipi di problemi.

Come George Gilder ha descritto in modo molto dettagliato in The Scandal of Money (2016), vogliamo che il nostro denaro sia il più “silenzioso” possibile, in modo che il “segnale” di fallimento e successo aziendale sia chiaro e incontaminato. Quando c’è molto “rumore” monetario – una valuta del valore fluttuante – allora i segnali di prezzo, profitti e perdite, tassi di interesse e rendimenti sul capitale diventano squilibrati. Non sorprende che l’economia non funzioni molto bene. Il presidente James Madison lo ha spiegato in questo modo: l’unica garanzia adeguata per il valore uniforme e stabile di una valuta cartacea è la sua convertibilità in specie [oro] – la meno fluttuante e l’unica universale valuta.

Non è davvero difficile da capire. In realtà, molti governi del mondo hanno già adottato il principio del denaro stabile. Non hanno valute fluttuanti indipendenti. Proprio come il dollaro una volta era legato all’oro, la maggior parte delle valute oggi è collegata al dollaro, all’euro o ad altri standard esterni di valore. Il Fondo Monetario Internazionale ha riferito che nel 2016 il 52% di tutte le valute mondiali era collegato al dollaro, all’euro o ad altri standard esterni come un paniere di valute. Un altro 21% di tutte le valute era “stabilizzato”.

Ciò significava che potevano variare leggermente rispetto a uno standard esterno (questo include la Cina, dove è consentita una certa deriva tra lo yuan e il dollaro). Solo il 26% delle valute era “fluttuante” secondo il FMI; ma anche a questi di solito non era permesso andare alla deriva molto lontano. E per quanto riguarda il dollaro stesso? A partire dal 2013, sembra che abbiamo avuto un sistema di oro standard informale, lo “standard dell’oro Yellen”.

La stabilità del dollaro rispetto all’oro da quel momento è stata molto evidente; troppo evidente e persistente per essere il probabile risultato della casualità. Ma per caso o per progetto, il risultato è lo stesso.

Abbiamo goduto di un efficace sistema standard di oro grezzo. Era davvero così terribile? Mi sembra abbastanza indolore. E così, abbiamo una situazione mondiale in cui molte valute sono legate al dollaro e il dollaro è legato all’oro. Questo è un ruvido fac-simile di ciò che è stato creato intenzionalmente alla conferenza di Bretton Woods nel 1944. Questa volta sembra che sia avvenuto per lo più per tentativi ed errori. Questo stato attuale di equanimità potrebbe crollare in qualsiasi momento. Quindi, riceveremo un’altra lezione su cosa succede quando il valore del denaro diventa instabile. Questo andrà avanti, avanti e avanti, finché la gente non capirà finalmente di cosa parlava James Madison.

Oro, dall’India arriverà una domanda minore malgrado il Festival Diwali

I compratori d’oro in India, il più grande mercato dopo la Cina, quest’anno potrebbero perdere le vendite di gioielli alla vigilia del festival Diwali a causa di un’impennata dei prezzi interni ai massimi livelli in più di due anni. Le azioni dei maggiori gioiellieri quotati del paese sono crollate mercoledì. Bullion è salita nei mercati locali a causa di una rupia debole, e l’aumento dei prezzi poco prima delle celebrazioni di Diwali e Dhanteras non è buono per la domanda, ha detto Chirag Sheth, un analista di Metals Focus Ltd. a Mumbai.

Inoltre, “negli ultimi due o tre giorni, l’oro d’oltremare ha mostrato i primi segni di rottura”, ha detto. “Se questa tendenza continua, allora sarà un vero toccasana”. Il giorno più propizio dell’anno per comprare oro è Dhanteras, che cade il 5 novembre, due giorni prima del festival indù di Diwali. Indossare o regalare gioielli è pensato per portare fortuna durante le celebrazioni e i matrimoni.

L’ultimo trimestre dell’anno è la stagione di picco della domanda, con gli indiani che acquistano in media quasi 240 tonnellate in media negli ultimi quattro anni, secondo i dati del World Gold Council. I future sull’oro del Multi Commodity Exchange of India Ltd. sono saliti di circa il 10 percento quest’anno al massimo da luglio 2016, mentre l’oro d’oltremare è sceso del 6 percento. Gli analisti prevedono che la rupia estenderà la peggiore serie di perdite in 16 anni.

La nazione dell’Asia meridionale importa quasi tutto l’oro che consuma. “La domanda è molto bassa quest’anno”, ha detto Nitin Khandelwal, presidente di All India Gem

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY