Oro continua il suo declino e la Polonia ne approfitta

Preparatevi, tori d’oro: il metallo prezioso potrebbe essere vicino a trovare un fondo. Il prezzo dell’oro è sceso di nuovo sotto i $ 1.200 l’oncia la settimana scorsa mentre il dollaro USA è avanzato dopo un altro rialzo dei tassi sui federal fund. Il metallo prezioso ha registrato il suo sesto mese consecutivo di declini, la sua striscia perdente più lunga dal 1989. Quello che l’oro non è scambiato sotto $ 1,150 è, credo, notevole. Ci sono molti motivi per motivare gli orsi adesso. Oltre a un dollaro più forte e a un tasso di interesse più elevato, le azioni continuano a essere sostenute da riacquisti da record e massicci afflussi in prodotti di investimento passivi.

Nella settimana conclusasi il 20 settembre, gli investitori hanno versato fino a 34,3 miliardi di dollari in ETF, portando gli afflussi da inizio anno a circa 215 miliardi di dollari, secondo i dati di FactSet. Questo rende le azioni minerarie d’oro particolarmente interessanti al confronto. Rispetto alle blue chip statunitensi, l’indice delle miniere d’oro FTSE è ora al suo livello più scontato in oltre 20 anni.

Vanguard ha appena ristrutturato il suo fondo comune di metalli preziosi, tagliando la sua esposizione al settore dall’80 percento al solo 25 percento. Ciò significa che la più grande società di fondi del mondo non offrirà più ai suoi investitori un modo per partecipare a un potenziale rally nei metalli e nelle scorte minerarie.

L’ultima volta che anguard ha fatto un cambiamento in questo modo, ha coinciso con un enorme rincaro dei prezzi dei metalli. Nel 2001, l’oro era altrettanto non amato di adesso, spingendo Vanguard a rinunciare alla parola “Gold” da quello che era il Gold and Precious Metals Fund. La mossa – il metallo prezioso passò da meno di $ 300 l’oncia fino a $ 1.900 nel mese di settembre 2011. La scorsa settimana, i giganti minerari Barrick Gold e Randgold Resources hanno annunciato una fusione da 18 miliardi di dollari che, una volta completata, creerà il più grande produttore di oro al mondo.

Un “campione del settore per la creazione di valore a lungo termine”, secondo BMO Capital Markets, la società risultante “opererà cinque delle 10 miniere d’oro di primo livello su una base di costo totale in contanti e possiederà numerosi progetti con il potenziale di “fornire risultati sostenibili e redditività”.

Storicamente, un segno rivelatore che un settore ha trovato un fondo è il consolidamento. Basta guardare l’ondata di fusioni e acquisizioni nel settore delle compagnie aeree in difficoltà dopo la crisi finanziaria. Altre società finanziarie e analisti trovano positive anche le notizie di Barrick-Randgold, sia per i due produttori senior che per i metalli e l’estrazione mineraria nel suo complesso.

Scotiabank ritiene che la fusione “migliori la qualità complessiva delle attività [di Barrick], il bilancio, il profilo del flusso di cassa libero, l’esperienza tecnica e il team di gestione, senza alcun premio d’asporto pagato”. L’accordo, afferma la Royal Bank of Canada (RBC), “potrebbe stimolare un ritiro in M&As, come, a nostro avviso, ciò potrebbe comportare un’inversione di tendenza nella performance dei titoli minerari.”

Una buona notizia, infatti, mentre l’inflazione continua a salire. Il prezzo del Brent, il benchmark internazionale, ha chiuso sopra la soglia di $ 80 al barile la scorsa settimana per la prima volta da novembre 2014. Si tratta di un incredibile triplo aumento rispetto al recente minimo di $ 27 al barile, fissato a gennaio 2016.

Come già sapete, una delle ragioni principali per cui l’oro è stato apprezzato da secoli – come merce e valuta – è la sua scarsità. Costituisce circa 0,003 parti per milione della crosta terrestre. Secondo il World Gold Council (WGC), si stima che 190.040 tonnellate di materiale siano state estratte dall’inizio del tempo, lasciando solo 54.000 tonnellate nel terreno per i produttori a scavare, a spese sempre maggiori. “Peak gold , “Come alcuni esperti chiamano, è una preoccupazione reale, quella che potrebbe far esplodere il prezzo del metallo giallo nella stratosfera su uno squilibrio tra domanda e offerta.

Lo sfondo, dopo tutto, è ciò che sta aiutando a spingere il mercato azionario ancora più in alto a destra adesso. Negli ultimi 20 anni, il numero di società quotate si è costantemente ridotto, principalmente a causa di regolamenti più severi in materia di titoli. E ora, quelle aziende – a guisa di liquidità grazie alla riforma fiscale aziendale dello scorso anno – stanno riacquistando le proprie azioni registrate. e livelli quasi record.

Quanto? Di recente, nel solo trimestre di giugno, le società S & P 500 hanno incassato un record di $ 190,6 miliardi sui riacquisti di azioni, un aumento di quasi il 60 percento rispetto allo stesso trimestre di un anno fa. Apple ha guidato il pacchetto, portando fuori circolazione 21,9 miliardi di dollari di azioni. Questo è leggermente in calo rispetto al record di $ 22,8 miliardi nel primo trimestre.

In generale, a Wall Street piacciono i riacquisti, che riducono il numero di azioni in circolazione. Di conseguenza, l’utile per azione (EPS) e i dividendi disponibili per azione aumentano anche quando non vi è alcuna crescita degli utili.

Ma ci sono un paio di problemi. In primo luogo, i riacquisti richiedono capitali che altrimenti sarebbero stati spesi per investire, aggiornare attrezzature, dare aumenti ai lavoratori e simili. Per la prima volta in 10 anni, secondo Goldman Sachs, i riacquisti hanno superato le spese in conto capitale finora nel 2018. L’S & P 500 sta già scambiando a prezzi eccessivamente elevati, il che significa che aziende come Apple stanno acquistando un prezzo elevato.

In secondo luogo, i riacquisti ritirano le azioni dal mercato. Nell’ultimo decennio, le aziende hanno riacquistato $ 4,4 miliardi di dollari, poiché i tassi di interesse storicamente bassi hanno creato, per alcuni, un ambiente più favorevole per far fluttuare il debito anziché l’equità. Di seguito, ho scelto di evidenziare il settore dei beni di prima necessità perché il calo delle azioni dal 2006 è stato così drammatico, passando da circa 32,5 miliardi di azioni a 27,5 miliardi di azioni, con una diminuzione di oltre il 15%.

Oggi “non vengono emesse sufficienti azioni per compensare quelle che vengono ritirate dalla circolazione”, secondo la Reuters. L’offerta azionaria netta è diventata negativa per la prima volta nel 2016 e potrebbe finire nuovamente in territorio negativo entro la fine di quest’anno.

Gli investimenti fondamentali stanno cambiando. È difficile dire dove andrà a finire, quando è rimasta una sola quota di Apple? I prezzi esploderebbero e gli investimenti diventerebbero ancora più inaccessibili di quanto lo siano già oggi.

Piattaforme per investire sul prezzo dell’oro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Oro, impazza il mercato delle monete American Eagle

Con il picco stagionale delle vendite estive ormai passato, la Zecca degli Stati Uniti ha ancora registrato una sostanziale domanda di monete d’oro e d’argento a settembre, con quest’ultimo che ha registrato un balzo enorme dall’anno scorso. Il numero di monete d’oro American Eagle vendute in varie denominazioni ha raggiunto il livello più alto da Gennaio, con un totale di settembre a 60.500, in aumento del 41% rispetto ad agosto, secondo gli ultimi numeri di vendita dalla zecca degli Stati Uniti. Questo è in contrasto con la quantità di American Eagle Gold once venduta, che è diminuita di oltre Da 4% a 20.500.

Su base trimestrale, sono state vendute 77.000 once di monete American Eagle Gold in varie denominazioni. I risultati appaiono particolarmente soddisfacenti se visti dal punto di vista annuale, con la quantità totale di once d’oro dell’Aquila americana in vari denominazioni vendute pari a 197.500 finora quest’anno. Su base annua, le 20.500 once vendute lo scorso mese sono state superiori del 44% rispetto al totale di settembre dello scorso anno. In cima a tutto ciò, il mercato dell’argento sta migliorando tter, con i 2,90 milioni di monete American Eagle Silver da un oncia vendute a settembre – i migliori risultati da gennaio. Le vendite mensili sono aumentate del 47,2% rispetto alle 1.530.000 monete vendute ad agosto. In precedenza, le vendite di argento sono aumentate dell’89% rispetto ai dati di settembre 2017.

L’aumento della domanda è stata seguita dall’annuncio della zecca statunitense all’inizio di settembre che ha temporaneamente esaurito le sue monete americane Eagle Silver 2018, aggiungendo che è attualmente in procinto di produrne di più. “Questo per informarti che, a causa del recente aumento della domanda, la zecca degli Stati Uniti ha temporaneamente esaurito i suoi inventari di 2018 American Eagle Silver Bullion Coins”, ha detto la Zecca degli Stati Uniti in un comunicato stampa.

Prezzo Oro collegato al Dollaro

I prezzi dell’oro sono scesi lunedì primo ottobre, mentre il dollaro si è stabilizzato sulla scia delle indicazioni della Federal Reserve statunitense la settimana scorsa che perseguirà una politica monetaria più restrittiva. La Fed ha alzato i tassi di interesse USA la settimana scorsa e ha annunciato di aver programmato altri quattro aumenti entro la fine del 2019 e un altro nel 2020, tra una crescita economica stabile e un mercato del lavoro forte.

I più alti tassi di interesse USA tendono ad aumentare il dollaro e spingere verso l’alto i rendimenti obbligazionari, facendo pressione sui prezzi dell’oro aumentando il costo opportunità di detenere lingotti non redditizi. in calo dello 0,3 percento a $ 1,188,41 a 0407 GMT. Venerdì l’oro ha toccato il livello più basso dal 17 agosto a $ 1,180,34 l’oncia.U.S. i futures sull’oro sono scesi dello 0,3 percento a $ 1,192,30 l’oncia. “I prezzi dell’oro restano dipendenti dai prezzi del dollaro in questo frangente: l’economia statunitense è stata rosea e migliore del previsto, gli sforzi dell’amministrazione Trump per ridurre il deficit commerciale da un punto economico anche la vista è stata amichevole per il biglietto verde “, ha detto l’analista OCBC Barnabas Gan.

I prezzi dell’oro vedranno probabilmente una minore volatilità, con i mercati cinesi chiusi per una settimana, per la celebrazione della Settimana d’oro, ha detto Gan. percentuale rispetto a un paniere delle principali valute, e si è attestata vicino a un massimo di tre settimane vicino alla sessione precedente. L’oro è caduto di circa il 13% dal massimo di aprile, in gran parte a causa del dollaro più forte, che è stato potenziato da un vivace US economia e timori di una guerra commerciale globale. Gli investitori hanno acquistato il biglietto verde anziché l’oro come investimento sicuro.

Nel frattempo, gli Stati Uniti e il Canada hanno raggiunto un accordo domenica per salvare il NAFTA come patto trilaterale con il Messico, superando la scadenza di mezzanotte con accordi per aumentare sostanzialmente l’accesso americano al mercato lattiero-caseario canadese e proteggere il Canada dalle possibili tariffe auto degli Stati Uniti, hanno detto fonti con conoscenza diretta dei colloqui. “L’oro è stato un mercato da venditore per qualche tempo, ma con il livello di $ 1,190 ceduto, siamo ora saldamente nella zona dell’oro e in quanto tali con il dollaro potrebbe rafforzarsi sulla scia dell’aumento dei differenziali dei tassi d’interesse, l’attività di vendita potrebbe intensificarsi con speculatori che potrebbero mirare al minimo di agosto quando il metallo giallo ha colpito 1.160 dollari prima di rimbalzare “, ha detto Stephen Innes, responsabile commerciale dell’APAC a OANDA a Singapore.

Hanno aumentato la loro posizione corta netta di 2.923 lotti a 77.313 lotti, la più grande in tre settimane, nella settimana fino al 25 settembre, Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti (CFTC) d Ata ha mostrato. Tra gli altri metalli preziosi, il palladio è sceso dello 0,7 percento a $ 1,065,41, dopo aver toccato un nuovo massimo di otto mesi a $ 1,094.60 l’oncia nella sessione precedente. Argento è sceso dello 0,3 percento a $ 14,55 l’oncia, mentre il platino è sceso dello 0,4 percento a $ 808,60 oncia.

La Polonia investe massicciamente nell’oro

La Polonia sta facendo una rara carica in oro. Il paese ha aggiunto circa 9 tonnellate alle riserve di oro in luglio e agosto quando i prezzi sono scesi, i dati del Fondo Monetario Internazionale mostrano. Questo è il più grande acquisto della Polonia dal 1998 e da allora la più grande aggiunta da parte di una nazione dell’Unione europea. La Banca nazionale della Polonia ha rifiutato di commentare le sue riserve, ma gli economisti hanno detto che il recente calo dell’oro al prezzo più basso in più di un anno ha contribuito a rendere metallo più attraente.

“La politica di gestione delle riserve NBP si basa sulla diversificazione”, ha dichiarato Marcin Mazurek, economista senior presso mBank SA. “Forse il criterio di base è il basso prezzo dell’oro, combinato con l’aspettativa di una maggiore inflazione globale.” Le riserve di lingotti della Polonia sono ora al massimo dal 1983, anche se il paese è ancora al di fuori dei 30 maggiori detentori, FMI e Mondo Dati del Consiglio d’oro mostrano. Mentre l’economia nazionale sta crescendo al doppio del tasso dell’area dell’euro, gli analisti prevedono un rallentamento della crescita nei prossimi due anni e Moody’s Investors Service ha affermato che la Polonia sta gestendo uno dei maggiori deficit fiscali sottostanti dell’Europa orientale.

La banca centrale è aumentata partecipazioni di una quantità considerevole solo un paio di volte negli ultimi 35 anni. Gli ultimi acquisti, del valore di circa 355 milioni di dollari al prezzo attuale, arrivano quando le disponibilità delle banche centrali globali sono salite al livello più alto degli ultimi vent’anni. La Russia è stata di gran lunga il più grande acquirente, e anche il Kazakistan, l’India e le Filippine hanno aggiunto alle riserve. L’acquisto della Polonia “suggerisce che l’appello dell’oro alle banche centrali potrebbe essere in aumento”, ha detto Matthew Turner, stratega della Macquarie Group Ltd. a Londra. in un rapporto la settimana scorsa.

“Una base più ampia e rappresentativa di acquirenti di banche centrali può essere solo una buona notizia” per il mercato dell’oro, ha affermato. I buyer potrebbero acquistare più oro tra le aspettative che il sistema monetario internazionale si sposterà probabilmente dal dollaro verso altre valute, secondo a Natalie Dempster, direttrice delle banche centrali e politica pubblica al World Gold Council finanziato dal produttore.

“Le banche centrali hanno tre obiettivi principali quando pensano alle risorse di riserva: mantenere i loro beni al sicuro, mantenere i loro beni liquidi e generare ritorni”, ha detto. “L’oro può aiutare a soddisfare tutti e tre gli obiettivi politici”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY