Nuovi hub in Italia per Royal Air Maroc

aj_royal-air-maroc-b787

Il Marocco si avvicina all’Italia grazie alla Royal Air Maroc che nei prossimi giorni inaugura le nuove rotte da Torino e Venezia per Casablanca.

Per il momento i voli settimanali saranno tre ma il direttore generale del comparto italiano, Mohammed Maali, punta in alto e promette investimenti che porteranno la compagnia ad effettuare voli giornalieri tra i due paesi.

La nuova flotta

La compagnia ha già annunciato acquisti per tre aeromobili l’anno, e tre nuovi Boeing 787 Dreamliner per il biennio 2016-17, un bimotore a turboelica da 250 milioni di dollari che può portare fino a 330 passeggeri nei modelli più grandi. Il suo debutto sul mercato è del 2011 e ora andrà a far parte anche della flotta marocchina che sarà rinnovata negli anni per offrire comfort e sicurezza.

Il mercato italiano oggi si presenta con 300 mila passeggeri l’anno verso il Marocco ma la compagnia di bandiera africana pensa ad un aumento sostanziale tanto da voler immettere sul mercato fino a 440 mila posti disponibili per visitare il paese.

L’hub di Venezia

La scelta del hub di Venezia, che aprirà il collegamento il 27 ottobre, non dipende solo da considerazioni sul turismo. Nella provincia della Serenissima infatti c’è una comunità marocchina di circa 60 mila persone ma la compagnia pensa di far viaggiare via Marocco anche altri 40 mila africani tra senegalesi, nigeriani e ganaensi, che potranno raggiungere i loro paesi dai collegamenti marocchini.

Si volerà per il momento di martedì, giovedì e sabato ad un costo massimo di 143 euro, tasse incluse, con un Boeing 737-800 di ultima generazione. Oltre all’ammodernamento della flotta la compagnia marocchina punta ai servizi con i collaudati check-in on line e il Fast Track per i clienti business. La politica bagagli rimane la stessa, senza spese fino a 23 kg per chi va in Marocco e fino 46 kg per chi è diretto in Africa via Casablanca.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY