Nuove opportunità di lavoro per i giovani: incentivi per cultura, turismo e green economy

Le opportunità di lavoro per i giovani, in Italia non sono delle migliori, ma per la cultura, il turismo e la green economy, qualcosa molto probabilmente presto cambierà.Vi sono infatti nuove iniziative che mirano a coinvolgere giovani volenterosi ad iniziare una propria attività nei settori sopra citati.

E’ opportuno che diventino sempre più importanti per la società, come hanno giustamente notato gli esperti, i settori cultura, ambiente e turismo, e che l’economia del Paese, raggiunga livelli qualitativi sicuramente più alti.

Fondazione Edoardo Garrone: il futuro della green economy

A credere nelle potenzialità dei giovani sono la Fondazione Edoardo Garrone di Genova e la Fondazione Cariplo che si sono impegnate ad avviare il progetto ReStartAlp: il progetto prevede lo svolgimento di un campus dal 20 giugno al 30 settembre 2016 a Premia, in provincia di Verbania. Si tratta di un campus totalmente gratuito che si focalizzerà sulla nuova “economia della montagna italiana”.

green jobs

Diversi esperti dell’economia alpina affiancheranno i giovani intenzionati a lanciarsi in un nuove iniziative di lavoro nel settore, vi prenderanno 15 giovani aspiranti imprenditori under 35, e le iscrizioni si chiudono venerdì 8 aprile 2016. Maggiori informazioni si possono reperire presso il sito web: www.estartalp.it.

Fondazione Cariplo: il settore ambientale ha bisogno di crescere

Sergio Urbani, segretario generale della Fondazione Cariplo ha spiegato che l’impegno intrapreso è mirato a promuovere e diffondere l’opportunità di occupazione per i giovani nel settore ambientale con il progetto Green Jobs, di cui fa parte ReStartAlp.

La situazione che si sta creando attualmente in Italia sembra ritornare alle origini, dal momento che l’agricoltura e le altre filiere della montagna sembrano poter assicurare ai giovani un futuro florido con una stabilità economica che invece in altri contesti lavorativi difficilmente si può trovare.

Come spiega Sergio Urbani, dedicarsi alle attività ambientali può evitare fattori sociali da sempre negativi, come lo spopolamento, il degrado del paesaggio, il rischio idrogeologico, la perdita della biodiversità e delle tradizioni culturali locali. Alessandro Garrone, presidente della Fondazione Garrone ha espresso il suo parere sull’iniziativa, affermando che i giovani italiani che vogliono fare impresa sulle Alpi troveranno in questo nuovo progetto le giuste coordinate per impegnarsi nella nuova economia delle terre alte.

Tra gli obiettivi da raggiungere vi è anche la stimolazione dei rapporti e delle pratiche lavorative tra Alpi e Appennini, dove il green jobs risulta importante per la stimolazione delle eccellenze territoriali del nostro Paese. I migliori progetti presentati durante l’innovativo Campus, la Fondazione Garrone metterà a disposizione cospicui premi per un totale di 60mila euro alle tre migliori start up.