Nuova Legge di Bilancio, posticipato l’aumento dell’Iva nel 2018

Non è stato ancora completato il testo della nuova legge di bilancio 2017, ma tra le varie bozze circolate l’ultima riguarderebbe le novità sulle pensioni, la famiglia ed il fisco. Nella nuova manovra sembra non essere previsto l’aumento dell’aliquota dell’Iva, che rimarrà quindi ferma al 10 e al 22%, posticipando di fatto l’incremento nel 2018.

Aumento Iva ed Accise nel 2018

Il testo della manovra, seppur ancora passibile di modifiche, prevederebbe l’aumento dell’Iva nel 2018 passando dal 10% al 13% e dal 22% al 25%, quest’ultima avrà un ulteriore incremento dello 0,9% nel 2019.

Il testo prevede inoltre una clausola di salvaguardia nel caso in cui il totale dei capitali detenuti all’estero siano inferiori all’1,6 miliardi, aumentando in questo caso le accise.

tax-3

Legge di Bilancio 2017: principali manovre previste

La nuova legge di bilancio prevede sei principali manovre che riguardano:

  • Canone Rai: nel 2017 il costo del canone dovrebbe passare da 100 a 90 euro, inoltre per la Rai non saranno previsti tagli agli spesa previsti per la pubblica amministrazione.
  • APE e APE Sociale: potranno accedere all’APE Sociale anche i ferrotranvieri, infermieri, operai edili ecc…, mentre la durata minima per l’anticipo pensionistico sarà di sei mesi.
  • Salvaguardia Esodati: nella nuova legge di bilancio sarà prevista anche l’ottava salvaguardia degli esodati per un totale di 27.700.
  • Blocco Iva – Aumenti Accise: come spiegato precedentemente, nel 2017 ci sarà un blocco dell’Iva, la quale verrà aumentata nel 2018. Se la procedura per il rientro dei capitali detenuti all’estero – Voluntary Disclosure – non dovesse raggiungere l’1,6 miliardi, partirebbero gli aumenti sulle accise di alcol, tabacchi ed energia.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY