Stangata dell’antitrust USA su Qualcomm: crollo verticale per il titolo

Ancora una doccia fredda per il titolo Qualcomm in borsa, con le quotazioni che al momento della scrittura registrano un calo superiore agli undici punti e mezzo percentuali, scambiando in area 68,70 dollari. Le azioni del gigante tecnologico californiano nel giro di tre sedute hanno lasciato sul terreno oltre il 15%, mentre il calo si allarga a quasi -25% dai massimi di periodo poco sopra i 90 dollari, toccati ad inizio Maggio.

La discesa del titolo Qualcomm si è innescata qualche seduta fa, quando il produttore di semiconduttori, per uniformarsi al bando dell’amministrazione Trump ai danni del gigante telefonico Huawei ha deciso di sospendere le forniture all’azienda cinese. L’ultima tegola caduta sulla società guidata dall’Amministratore Delegto Steven Mollenkopf è invece stata lanciata dalla Federal Trade Commission. L’organo di vigilanza statunitense, attraverso la decisione del giudice distrettule Leucy Koh, ha condannato Qualcomm per concorrenza sleale, attraverso abuso di posizione dominante. Il giudice ha sentenziato che la società potrebbe essere oggetto di ispezioni di controllo per almeno i prossimi sette anni.

Sotto accusa le attività di Qualcomm che riguardano la produzione di modem chip per smartPhone 5G, diventata un cavallo di battaglia per il gruppo, tanto da indurlo a perpetrare pratiche scorrette per aumentare la propria redditività. Secondo indiscrezioni di stampa Qualcomm nel corso degli scorsi mesi avrebbe cercato, invano, di raggiungere un accordo con l’Antitrust statunitense, per evitare che la questione degenerasse, com’è pertanto accaduto.

Qualcomm era già entrata nel mirino dell’antitrust statunitense nel 2017,a causa di costi di licenza troppo alti per alcune tecnologie, che non consentivano un’adeguata concorrenza. Il management del gruppo dopo aver preso atto della sentenza ne ha chiesto la sospensione, facendo sapere che farà ricorso in corte d’appello.

Nel processo era entrata a farne parte anche Apple, come parte offesa, accusando Qualcomm di praticare prezzi troppo elevati per alcuni componenti di Iphone ed iPad. Successivamente i due gruppi avevano dichiarato il cessate il fuoco, trovando un accordo che aveva fatto schizzare le azioni del produttore di microcip sui massimi di periodo.

Migliori piattaforme per fare trading sul titolo QUALCOMM

Andamento azioni Qualcomm sul breve-medio periodo

Il crollo verticale del titolo Qualcomm ha ricondotto le quotazioni sui valori della seduta dello scorso 16 Aprile, giorno dell’exploit di quasi il 25%, in cui gli scambi si conclusero a quota 70,45 dollari, corrispondente al gap up rimasto aperto e ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto.

Le quotazioni sono scivolate al di sotto delle medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni. L’eventuale chiusura settimanale al di sotto della media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che passa in area 73 dollari potrebbe causare un’inversione ribassista di breve-medio periodo, accendendo un target in area 65 dollari.

Il recupero oltre EMA 50, accompagnato dal ritorno sopra le due medie mobili minori, a 25 e 10 giorni (rispettivamente la linea di colore rosso e la linea azzurra sul grafico), che transitano in area 79-79,50 dollari, potrebbe invece scacciare le ipotesi ribassiste appena indicate, favorendo un possibile allungo in area 84-85 dollari.

Pattern di trading sul titolo qualcomm (QCOM) valido da 1 a 5 giorni

L’apertura del pattern rialzista necessita di una chiusura oraria oltre 69,90$ e pronostica i primi due obiettivi in area 70,33 e 71,03 dollari; stop loss in caso di discesa sotto 68,76$ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le posizioni Long in caso di break-out orario di 71,03$, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 71,74$ e successivamente a 72,39$; stop loss in caso di ritorno sotto 69,90$ in close orario.

Ed ancora, si consiglia di attivare nuove posizioni al rialzo in caso di estensioni oltre 72,39$ in chiusura oraria o daily, per sfruttare eventuali allunghi in area 72,72 e 73,16 dollari, estesa a 73,73$; stop loss in caso di ritorno sotto 71,74$ in close orario o giornaliero. Long sulla debolezza in caso di affondo in area 64,90$, per approfittare di eventuali rimbalzi, prima a 65,50$ ed in seconda battuta a 65,90$, estesi a 66,57$; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 64,25$ in chiusura oraria o daily.

L’attivazione del pattern ribassista, invece, prende quota in caso di discesa sotto 68,76$ in chiusura di candela oraria e fissa i primi due target price in area 68,08 e 67,66 dollari ; stop loss in caso di recupero oltre 69,90$ in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di flessione sotto 67,66$ in close orario, per tentare di ricoprirsi in primo luogo a 66,98$ e successivamente a 66,57$; stop loss in caso di ritorno sopra 68,76$ in close orario.

Lecito insistere con nuove operazioni al ribasso in caso di rottura del supporto orario a 66,57$, per sfruttare possibili affondi in area 65,90 e 65,50 dollari, estesi a 64,90$; stop loss in caso di ritorno sopra 67,66$ in close orario o daily. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni al rialzo in area 73,72$, per approfittare di eventuali correzioni di prezzo in prima battuta a 73,16$ ed in un secondo momento a 72,72$ estese a 71,74$; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 74,35$ in close orario o giornaliero.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY