Norwegian: biglietti sempre più low cost

Dopo tre anni di trattative con Washington la compagnia aerea Norwegian Air Shuttle ha ottenuto il via libera per aprire la succursale irlandese e quindi comunitaria della low cost intercontinentale. A quanto rivelato dal Corriere della Sera, l’Amministratore Delegato Bjorn Kios, sta trattando con Ryanair ed Easy Jet ed altre compagnie low cost la possibilità di fare scalo sulle loro basi per il Regno Unito, Spagna, Irlanda per poi proseguire il viaggio verso gli Stati Uniti.

norwegian

La trattativa Norwegian

Il piano della compagnia aerea Norwegian prevede che i passeggeri volino con Ryanair o altre low cost nella tratta europea, successivamente faranno l’imbarco sui nuovi Boeing 787 verso gli Stati Uniti, imitando la Ryanair verranno cercati gli scali secondari che hanno maggiormente bisogno di passeggeri, ad esempio la Norwegian atterra a Oakland vicino a San Francisco o a New York allo Stewart International Airport, in questo modo i costi verranno ottimizzati ed il prezzo del biglietto scenderà notevolmente.

EasyJet

L’AD di Norwegian non nega di voler firmare una trattativa anche con la compagnia EasyJet, seconda low cost europea per numero di passeggeri. L’idea, secondo gli analisti, avrebbe senso dal momento che Londra-Gatwick è sia l’hub dei norvegesi che del vettore britannico, tuttavia al momento da EasyJet non è stato rilasciato nessun commento.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY