Nike resta molto amata dagli americani, malgrado i recenti scandali

Secondo una nuova ricerca di YouGov BrandIndex, una società di ricerca sulle abitudini dei consumatori, gli americani amano ancora il marchio Nike, nonostante una raffica di recenti notizie su molestie sessuali e discriminazioni di genere all’interno dell’azienda.

La stampa, inclusa la Fast Company, ha scritto ampiamente sulla cultura del posto di lavoro alquanto discutibile che vige in Nike. Ma anche dopo l’esposizione approfondita del New York Times su Nike durante il fine settimana, la percezione di Nike è rimasta ai livelli normali, secondo le indagini giornaliere di BrandIndex su 4.800 persone che sono rappresentative della popolazione statunitense.

Interessante il fatto che le donne abbiano avuto una visione più coerente di Nike rispetto agli uomini durante questo periodo, secondo BrandIndex. Non è chiaro il motivo per cui, esattamente, l’immagine dell’azienda non ha sofferto di più. BrandIndex suggerisce che potrebbe essere perché il CEO Mark Parker ha agito rapidamente per affrontare la crisi, parlando dei suoi sforzi per cambiare la cultura della Nike. Inoltre descrive Nike come un marchio “Teflon”, il che significa che i consumatori hanno un tale affetto per il marchio che diventano meno sensibili allo scandalo.

Una spiegazione alternativa è che c’è stata una tale costante ondata di stampa negativa sul marchio che la gente ha iniziato ad ignorare ogni nuova storia. Il sentimento del cliente si è spostato su un solo punto durante le ultime settimane: intorno al 19 aprile, tre dirigenti della Nike – Vikrant Singh, Danial Tawiah e Antoine Andrews – hanno lasciato la compagnia. In particolare, in seguito all’improvvisa partenza di Trevor Edwards, il presidente del marchio Nike, e di Jayme Martin, che gestiva il business globale di Nike.

Questa notizia ha provocato un’improvvisa caduta nella percezione del marchio, che però si è rapidamente ripresa. Inoltre come vedremo, il colosso americano dell’abbigliamento ha preso vari provvedimenti per cancellare l’etichettatura maschilista cucitagli addosso.

Nike in Borsa

Lo scandalo che ha investito Nike

Negli ultimi due mesi, i problemi nella sede centrale della Nike a Beaverton, nell’Oregon, hanno fatto breccia in superficie. Sei dirigenti maschi sono usciti dalla società a seguito di un’indagine interna in corso sull’ambiente aziendale di Nike, che i dipendenti descrivono avere una “cultura maschilista”. E lo scorso fine settimana, il New York Times ha dato una dimostrazione schiacciante su come le dipendenti della Nike segretamente subivano molestie sessuali e discriminazione di genere nella società, dal momento che gli incidenti erano dilaganti e ancora trascurati dal dipartimento delle risorse umane di Nike.

Ora Nike è costretta a fare i conti con tutte le conseguenze, e sembra che stia cercando di essere meno come “un club per ragazzi”. La prima cosa che deve fare è promuovere le donne. Ieri, la società ha annunciato che sostituirà il vicepresidente della Nike, Jayme Martin, che è stata congedata lo scorso marzo, con Amy Montagne, una veterana della Nike de 13 anni.

Montagne è stata vice president e general manager del merchandising globale di Nike e in precedenza ha ricoperto posizioni in Walmart e Gap. Secondo quanto riferito, Martin è stato licenziato dalla Nike perché “proteggeva i subordinati di sesso maschile che si comportavano in modo prevaricante nei confronti delle colleghe”. La promozione di Montagne è fondamentale; come riportato dal Portland Business Journal, tutti i direttori generali di categoria della società le riferiranno ora.

“Amy è un leader comprovato con una profonda esperienza nel guidare strategie di successo in tutta la nostra organizzazione”, ha dichiarato Michael Spillane, presidente di categorie e prodotti Nike una dichiarazione inviata a Racked. “Nel suo nuovo ruolo, crediamo che sia il leader giusto per guidare l’Offensiva di categoria Nike”. Montagne è la seconda donna Nike recentemente promossa. La scorsa settimana, PBJ ha confermato che Nike ha anche spostato Kellie Leonard, il suo vicepresidente delle comunicazioni aziendali globali di 15 anni, in una posizione come capo della diversità e dell’inclusione. Un nuovo ruolo per Nike pensato appunto dopo questi scandali.

La promozione di Leonard arriva insieme all’uscita di Antoine Andrews, il capo della diversità e dell’inclusione di Nike che è stato uno dei sei dirigenti Nike che hanno lasciato la compagnia. Mentre la compagnia non commenta la sua partenza, il nuovo ruolo di Leonard accanto all’uscita di Andrews è sicuramente significativo.

La missione della Nike per promuovere più donne all’interno della compagnia è stata presentata il mese scorso in un promemoria interno inviato da Monique Matheson, responsabile delle risorse umane di Nike.

Nel memo, ottenuto dal Portland Business Journal, Matheson ha detto che Nike darà la priorità alla “rappresentazione di donne e persone di colore”, in quanto focalizzata su “una cultura di vera inclusione”. Matheson ha ammesso che il livello di talento di Nike non era abbastanza diversificato, e che le sue “decisioni di assunzione e promozione non stanno cambiando la rappresentanza di livello senior così velocemente come volevamo.”

Matheson ha scritto che Nike lo affronterà per la prima volta a livello VP, il che spiega le promozioni di Montagne e Leonard. Dato il fatto che mentre Nike ha centinaia di vicepresidenti, solo il 29 per cento dei dipendenti in possesso di tale posizione di alto livello sono donne.

Dei direttori della compagnia, il livello successivo di autorità, solo il 38% sono donne. Matheson ha detto che Nike lavorerà verso la diversità in quattro fasi: “Tenere i leader responsabili, sviluppare diversi talenti, incentivare inclusioni e formazione accelerata.”

Nike ha un disperato bisogno di donne al vertice, come i dettagli sui comportamenti inappropriati sul posto di lavoro e le molestie sessuali lasciano intendere. Le donne hanno riferito al Times di impiegati di sesso maschile che si sono apertamente vantati di portarsi dietro i preservativi e hanno discusso di club di spogliarello durante le cene di lavoro; c’erano dirigenti che vessavano le subalterni ma ricevevano solo avvertimenti verbali, e un capo che chiamava una dipendente una “stupida stronza”.

Gli incidenti andavano avanti indisturbati e confermano tutte le recensioni negative di Glassdoor, rinvenute nel quartier generale di Nike a marzo. “Mi è stato detto più volte di “stare seduto e tenere la bocca chiusa” durante una riunione (in genere in tutte le riunioni maschili)”, riporta una recensione negativa di Glassdoor. “Molte donne con cui parlo sono molto provate dall’atmosfera da club per ragazzi che si respirava in Nike (…) Non voglio sentire come eri ubriaco ieri sera o ascoltare i tuoi commenti di 45 minuti su una partita della scorsa notte quando sto cercando di completare il mio lavoro ” viene aggiunto.

Avere donne in Nike veniva visto solo come un miglioramento per il morale dell’azienda: necessario per gli affari. Come riportato dal Times, la categoria commerciale indirizzata alle donne per Nike è vista come una priorità minore per l’azienda, e non ha un budget uguale come quello per i prodotti Nike destinati agli uomini. Per quanto riguarda l’abbigliamento fitness, deve competere con un marchio preferito come Lululemon, che ha una grande attenzione per l’abbigliamento femminile (sebbene a sua volta pure sia alle prese con una resa dei conti propria, in seguito alla partenza del CEO e ai rapporti di una cultura del lavoro reprensibile).

Attualmente è in corso anche uno scontro diretto con un piccolo ma agguerrito concorrente: Adidas. Mentre gli affari americani di Adidas sono solo una piccola parte di Nike – $ 5,4 miliardi, rispetto ai $ 15,2 miliardi di Nike – le vendite di Adidas sono salite del 25% lo scorso anno, mentre quelle di Nike sono cresciute solo del 3%. Gli analisti stanno anche dicendo che Adidas “ha un senso migliore per ciò che i consumatori vogliono comprare”.

Insomma, avere più donne al potere per Nike potrebbe significare due cose: un ambiente di lavoro non più maschilista e un brend più attento ai prodotti destinati alle donne.

Nike inchiodata da un’indagine del New York Times

Da metà marzo, sei dirigenti Nike, tutti maschi, hanno rassegnato le dimissioni o sono stati estromessi a causa dei risultati di un sondaggio anonimo di dipendenti di sesso femminile in merito a molestie sessuali e discriminazione di genere al gigante delle calzature e dell’abbigliamento sportivo.

Nel fine settimana, The New York Times ha pubblicato un’accusa feroce sulla cultura aziendale della Nike, basata su interviste a donne che lavorano o hanno lavorato per la compagnia. Il NYT racconta la storia di un luogo in cui le molestie sessuali erano dilaganti, le donne erano sottovalutate e umiliate, e persino le scarpe da ginnastica da donna erano considerate di seconda classe.

L’indagine è partita da una idea di un gruppo di donne della Nike che voleva prendere in mano la situazione. Cioè fare qualcosa su quello che apparentemente era un segreto mal tenuto in uno dei più grandi nomi nello sportswear e negli affari americani. Le donne consegnarono un pacchetto dei questionari compilati all’amministratore delegato di Nike Mark Parker il 5 marzo, e poco dopo iniziarono le dimissioni.

I dirigenti che hanno lasciato includono il presidente della Nike Trevor Edwards e Jayme Martin, vice presidente e direttore generale delle categorie globali. Ironicamente, un’altra partenza è stata il capo del settore diversità e inserimento, Antoine Andrews. Che un dirigente nella sua posizione sia stato coinvolto nella pulizia interna mostra che Nike stava semplicemente prestando il suo servizio alla diversità e alla promozione delle donne in azienda, per non parlare della creazione di un posto di lavoro dove le donne potessero stare al sicuro da comportamenti inappropriati da parte dei maschi superiori e colleghi.

In risposta alla partenza di Andrews, Nike ha creato una nuova posizione, chiamata chief diversity and inclusion officer, e ha nominato una donna, Kellie Leonard, per riempirla.

Nike poco curante dei prodotti destinati alle donne

Ma a parte ciò, come accennato prima, il marchio Nike si è mostrato anche poco attento alle scarpe da ginnastica da donna. Rispetto a quelle degli uomini, praticamente di seconda classe. Si ritiene che abbia una linea di prodotti debole destinata alle donne rispetto alla concorrenza, una situazione che alcune persone all’interno della società adducono ad una mancanza di interesse e finanziamenti per lo sviluppo del prodotto e del marketing destinato alle donne.

Eppure, per Nike si tratta di un grosso errore strategico. Infatti, i prodotti sportivi per donne sono quelli in più rapida crescita nel mercato. Ecco dunque la necessità di cambiare rotta in favore delle donne.

Nike, non solo accuse di maschilismo: dirigente licenziato per frode

Ma non ci sono solo scandali sessuali e sindacali in casa Nike. Un dirigente Nike licenziato si è dichiarato colpevole di aver frodato la società utilizzando il suo software per concedere a due società esterne sconti molto più elevati rispetto al gigante dello sportswear. Anche per i suoi migliori clienti all’ingrosso.

David Reichert, 51 anni, ha lavorato per Nike per quasi 15 anni come dirigente di vendita nella sua divisione abbigliamento. È stato licenziato a luglio 2014, secondo i documenti del tribunale. Reichert si è dichiarato colpevole di due capi di accusa prima del giudice distrettuale degli Stati Uniti Robert E. Jones. Ha ammesso di aver escogitato un piano che ha frodato il suo ex datore di lavoro di oltre $ 550.000 “per arricchirsi”, ha detto l’avvocato americano Assistant Ryan Bound.

In attesa della sentenza del 23 luglio, i pubblici ministeri chiederanno un anno e mezzo di prigione. Mentre attende la condanna, Reichert ha accettato di pagare $ 400.000 in restituzione del maltolto entro il 14 maggio. I procuratori cercheranno almeno $ 550.000 in restituzione, sebbene Nike possa ottenere fino a $ 1,5 milioni, Bounds ha detto al giudice.

La divisione in cui Reichert aveva lavorato ha prenotato gli ordini di acquisto da clienti all’ingrosso su un sistema informatico che girava su software localizzato in California. Mentre lavorava alla Nike, Reichert gestiva due società di abbigliamento sportivo, entrambe con sede a St. Louis, nel Missouri.

A sua volta, Reichert gestiva le sue società esterne clienti di Nike, secondo un atto d’accusa federale. Reichert ha nascosto i suoi ruoli di proprietario nelle altre due società facendo firmare il suo socio in affari sugli assegni pagati a Nike per la vendita, secondo il governo. Come dirigente senior, Reichert ha inserito gli ordini nel sistema software Nike.

Il sistema informatico assegnava un tasso di sconto predefinito a ogni cliente Nike, in genere tra il tre e il sette percento, a seconda delle dimensioni e della posizione del cliente, secondo i pubblici ministeri federali. Reichert era in grado di ignorare lo sconto predefinito sugli ordini che ha inserito per le sue due imprese, e rilasciando sconti molto più grandi che vanno dal 25 al 65 per cento.

Praticamente, da cinque a dieci volte maggiori degli sconti che Nike “ha concesso anche ai suoi migliori clienti all’ingrosso” sostiene l’accusa. Le attività di abbigliamento sportivo utilizzate da Reichert per la frode si chiamavano JJL e Fan-a -Mania. La frode si è verificata tra novembre 2012 e maggio 2014, secondo i dati del tribunale.

Intanto Adidas cresce esponenzialmente negli Usa

Se Nike piange, Adidas ride. Il produttore di abbigliamento sportivo ha registrato un altro trimestre di crescita delle vendite a due cifre in Nord America giovedì, battendo i concorrenti Nike e Under Armour sul loro territorio. Adidas ha detto che le vendite del primo trimestre nella regione sono cresciute del 21% rispetto all’anno precedente, una performance alimentato da una rinnovata attenzione per le partnership di marketing e celebrità con artisti del calibro di Pharrell Williams.

Le vendite del Nord America sono recentemente calate sia per Nike che per Under Armour. Cambiare i gusti dei consumatori verso lo street wear casual ha aiutato il marchio, che vende le famose sneakers Stan Smith. Le tendenze hanno prodotto una notevole corsa per Adidas: le vendite del Nord America ora sono aumentate del 20% o più in nove trimestri consecutivi.

CEO Kasper Rorsted ha dichiarato che la performance complessiva dell’azienda è in linea con le sue aspettative. Ha detto che la società continuerà a concentrarsi su Nord America, Cina e e-commerce. Le vendite globali sono aumentate del 10% e il reddito netto è salito del 17% rispetto all’anno precedente. Mentre gli analisti sono rimasti impressionati dai margini di profitto più ampi, i risultati non sono stati all’altezza delle aspettative e il titolo è sceso dell’1%.

Adidas è ancora molto più piccola di Nike in Nord America. Quest’ultima ha registrato vendite nel Nord America di $ 15,2 miliardi nell’anno fiscale 2017 contro € 4,3 miliardi ($ 5,1 miliardi) di Adidas. Ma lo slancio è con la società tedesca: le vendite di Nike sono diminuite del 6% in Nord America durante i tre mesi terminati a febbraio, e Under Armour ha riferito che il suo fatturato in Nord America è sceso dell’1% nel primo trimestre.

Comunque, anche Adidas non è senza problemi. Kanye West, uno dei più famosi ambasciatori del marchio, è stato sottoposto a molte critiche questa settimana dopo aver detto che la schiavitù negli Stati Uniti era stata una scelta. Rorsted ha detto a Bloomberg TV che il rapper è importante per la compagnia, ma ha rifiutato di commentare le sue osservazioni controverse.

Il CEO ha comunque riferito che Adidas non ha intenzione di abbandonare West come partner.

Nike e Facebook stringono una partnership basata sulla Realta aumentata

Nike e Facebook. Due destini che si uniscono. Nike nel bel mezzo di una tormenta dovuta alle accuse per maschilismo e Facebook per le ormai stranote vicende legate alla violazione della privacy dei suoi utenti. Eppure, si tratta di due destini che si uniscono. Nel corso della conferenza degli sviluppatori di F8, Facebook ha rivelato una partnership con il gigante dello sportswear che permetterà alle sneakerhead di acquistare scarpe in edizione limitata attraverso l’app Messenger in realtà aumentata.

Per mostrare questa funzione, Nike ha rilasciato un paio di scarpe firmate Kyrie Irving durante il keynote di apertura F8, soprannominate “Red Carpet” e sono esaurite in pochi minuti dopo l’annuncio di Facebook. Il processo per ottenerli è stato abbastanza semplice: era necessario aprire l’app Messenger, chattare con il bot SNKRS, inserire alcune emoji collegate e sbloccare la coppia di Kyrie 4s per te.

Dopo di che, un rendering virtuale della scarpa è apparso sul telefono . È una fantastica esperienza di vendita al dettaglio che Nike ha iniziato a sperimentare lo scorso anno, quando ha lanciato una funzione AR all’interno della sua app SNKRS per iOS che consente agli utenti di acquistare un esclusivo paio di Dunks SB.

Per Facebook, la partnership con Nike è solo una piccola parte delle sue ambizioni: lasciare che i brand utilizzino la realtà aumentata in Messenger per vendere i propri prodotti. Oltre a Nike, la società ha annunciato anche ASUS, Kia e Sephora come primi partner, e molte possibilità si aggiungeranno nei prossimi mesi.

Per ASUS, nel frattempo, esiste una demo in cui è possibile giocare con ZenFone 5 in AR e toccare diversi hotspot del telefono (come la fotocamera) per saperne di più sulle sue funzionalità. Lo ZenFone 5 probabilmente non venderebbe alla velocità di quei Kyrie 4s, ma è stato comunque divertente controllare il telefono di ASUS in un modo più coinvolgente di quanto potesse offrire un’immagine noiosa.

Vedremo cos’altro venderà Nike in AR su Messenger.

Il progetto animato della Nike in Cina

Nel tentativo di ispirare i giovani giocatori di basket a giocare nel miglior modo possibile la propria vita, Nike ha lanciato “The Road to HBL” in Cina. La campagna è parte del progetto Nike’s High School Basketball League (Nike HBL)’s Greater China, che mira ad aiutare i fan a vivere la loro esperienza su misura per la Nike HBL.

I fan saranno in grado di vivere un’esperienza senza precedenti, vivendo l’esperienza di un giocatore vero, creando un proprio diario di basket personalizzato e poster di squadra condivisibili. Per questa campagna, la Nike ha ingaggiato la R / GA Shanghai a lavorare a stretto contatto con giocatori, allenatori e fan della vita reale di Pechino, Shanghai e Taiwan per portare esperienze condivise.

Il team di GA ha poi consegnato i rendering dei momenti chiave, le dinamiche di squadra, le frasi chiave e la tecnica di gioco sono state realizzate in collaborazione con la società di produzione Final Frontier e lo studio di animazione Le Cube.

Parlando a The Drum del perché la campagna è stata creata, Terence Leong, che è il direttore creativo esecutivo di R / GA, spiega che proprio come la Maratona di Shanghai, HBL è uno dei maggiori investimenti di sponsorizzazione della Nike in Cina ed è ancora relativamente nuovo.

“L’ambizione di Nike China è crescere ed elevare la presenza della piattaforma. Non tutti i ragazzi delle scuole superiori sanno cosa vuol dire essere in una competizione di questo livello, l’esigenza è di creare un’esperienza per dare bambini i panni di giocatori HBL in modo che siano ispirati a esserlo”, spiega Leong.

Il processo di creazione di esperienze di vita reali simili a quelle dei giocatori di basket è stato complesso, perché ognuno vive la scuola superiore in modo diverso, secondo Leong, motivo per cui l’agenzia voleva creare abbastanza scene in modo che gli utenti potessero scegliere una combinazione unica.

Ad esempio, se l’utente è un tranquillo playmaker che è stato esplorato nella squadra, la sua storia sarà leggermente diversa da quella di un attaccante fiducioso che va per un provino. “Abbiamo intervistato oltre 100 giocatori delle scuole superiori, i loro genitori, allenatori, fan e insegnanti per trovare gli elementi più comuni e affini nello sport. Come sono entrati nella squadra? Come erano i loro allenatori? Quali sono le dinamiche di squadra? Come è stata la loro prima sessione di allenamento? In che modo i veterani li trattavano? I loro allenatori erano duri? Quali erano gli scherzi dello spogliatoio? Cosa li ha intimiditi di più? Tutto questo è stato incorporato nell’esperienza finale per renderlo autentico”, spiega Leong.

Descrivendo il processo creativo, Gus Karam, produttore esecutivo di Final Frontier, ha iniziato con lo sviluppo di alcune opere concettuali in cui l’artista di Le Cube ha creato due possibili approcci di stile per R / GA e Nike tra cui scegliere.

Dopo che lo stile è stato approvato, l’agenzia ha iniziato il processo di progettazione della famiglia dei personaggi, creando tutti gli animatic per ciascuna delle scene, stabilendo tutte le lunghezze dei colpi, i personaggi e i movimenti della telecamera. Da lì, l’animazione è stata ripulita aggiungendo colori e trame.

“Abbiamo deciso di creare un universo fantastico con una mentalità molto funzionale. L’animazione è stata progettata per una piccola esperienza sullo schermo e una prospettiva POV. Per questo motivo, era essenziale mantenere l’arte semplice e diretta. Tutti gli elementi delle illustrazioni sono lì per rendere l’esperienza più coinvolgente e guidare l’osservatore attraverso la storia”, spiega Karam.

“La tavolozza di colori in bianco e nero con piccoli dettagli colorati, personalizzati dallo spettatore, è un modo intelligente di lavorare in uno stile di graphic novel per le illustrazioni, ma aggiungendo personalità all’opera d’arte. Il lavoro di messa a punto dell’illuminazione era anche essenziale per portare i sentimenti desiderati in ogni scena e aiutare nella narrazione.”

Secondo Laurent Thevenet, senior technology director di R / GA, un progetto con un tale livello di complessità normalmente richiederebbe circa tre mesi di animazione, ma lavorando con una grande squadra di artisti esperti, è stato possibile produrre tutte le 39 scene e 210 secondi di filmati in sole sei settimane, senza compromettere la creatività o la qualità del prodotto finale.

Mentre i team disponevano di una buona infrastruttura per distribuire video usando Aliyun OSS e Aliyun CDN per garantire velocità in tutta la Cina, una delle sfide più grandi che dovevano affrontare era l’ottimizzazione delle risorse ai livelli più bassi possibili. Ciò significava che dovevano fare dozzine di test su diversi tipi di scene prima di trovare il giusto equilibrio tra qualità e bitrate.

“Abbiamo anche avuto una sfida nel fornire un’esperienza di paesaggio su WeChat Android. Quella versione semplicemente non supporta il sito Web del paesaggio, quindi abbiamo avuto due scelte: offrire un’esperienza di solo ritratto o ruotare la tela di 90 gradi. Abbiamo optato per la seconda opzion “, afferma Thevenet, aggiungendo che un’altra sfida consisteva nel sovrapporre contenuti dinamici su video come nomi e numeri su jersey senza elaborare questi video sul back-end, per evitare ulteriori tempi di attesa.”

Abbiamo lavorato con la casa di animazione per gli elementi che verrebbero sovrapposti con contenuti dinamici da fissare senza che si muovano nell’animazione. L’ultima sfida era riuscire a fornire un’esperienza moderna sui browser Tmall, Taobao, Weibo e WeChat sia su iOS che su Android “, conclude.

Nike lancia le Epic React Flyknit di colore rosa

Paradossalmente, proprio in questi giorni, Nike ha lanciato le nuove Epic React Flyknit di colore rosa. Il loro utilizzo è molteplice. Non bisogna pensare ad essere solo per un uso sportivo, dalla palestra al running. Bensì, si abbinano perfettamente con jeans all’ultimo grido, ad una maglietta elegante, un vestito per un look perfetto per l’ufficio, perfetto per l’ufficio, ad un abbigliamento semplice per passeggiate.

La Nike cerca dunque di superare lo scandalo maschilista con questo nuovo accattivante colore Pink. E probabilmente ci riuscirà, essendo, come detto, tutto sommato un marchio ancora molto amato.

Nike in breve

Nike, Inc. è una multinazionale americana impegnata nella progettazione, sviluppo, produzione e commercializzazione e vendita di calzature a livello mondiale, abbigliamento, attrezzature, accessori e servizi. La società ha sede a Beaverton, nell’Oregon, nell’area metropolitana di Portland. È il più grande fornitore al mondo di scarpe e abbigliamento sportivi e un importante produttore di attrezzature sportive, con un fatturato superiore a 24,1 miliardi di dollari nel suo anno fiscale 2012 (conclusosi il 31 maggio 2012).

A partire dal 2012, ha impiegato oltre 44.000 persone in tutto il mondo. Nel 2014 il marchio da solo aveva un valore di $ 19 miliardi, il che lo rende il marchio più prezioso tra le imprese sportive. A partire dal 2017, il marchio Nike ha un valore di $ 29,6 miliardi.

La società è stata fondata il 25 gennaio 1964, come Blue Ribbon Sports, da Bill Bowerman e Phil Knight, e ufficialmente è diventata Nike, Inc. il 30 maggio 1971. L’azienda prende il nome da Nike, la dea greca della vittoria.

Nike commercializza i propri prodotti con il proprio marchio, oltre a Nike Golf, Nike Pro, Nike, Air Jordan, Nike Blazer, Air Force 1, Nike Dunk, Air Max, Foamposite, Nike Skateboarding e filiali tra cui Brand Jordan, Hurley International e Conversare. Nike possedeva anche la Bauer Hockey (in seguito ribattezzata Nike Bauer) dal 1995 al 2008, e in precedenza possedeva Cole Haan e Umbro.

Oltre alla produzione di abbigliamento sportivo e attrezzature, la società gestisce negozi al dettaglio con il nome Niketown. La Nike sponsorizza molti atleti e squadre sportive di alto profilo in tutto il mondo, con i marchi altamente riconosciuti di “Just Do It” e il logo Swoosh.

LEAVE A REPLY