Netflix, nuovi abbonati internazionali e titolo in rialzo del 20%

Il colosso della tv on demand ha chiuso la trimestrale con utili per 51,5 milioni di dollari, contro i 40,75 dello stesso periodo del 2015, e raccoglie altri 3,57 milioni di abbonati, contro i 2 milioni previsti. Deludente il mercato statunitense

La piattaforma per lo streaming online di film e serie TV, Netflix, dopo un primo periodo di incertezza ha concluso il terzo trimestre dell’anno con un netto rialzo di utenti, grazie ai quali gli utili ed i ricavi hanno battuto il consensus. Nonostante il lento aumento degli abbonati a Netflix e le stime degli analisti che puntavano al ribasso, il colosso dello streaming ha visto volare in alto il titolo in Borsa.

Netflix: i dati dell’ultimo trimestre

L’ultimo trimestre conclusosi il 30 settembre, ha registrato utili per un totale di 51,5 milioni di dollari (12 cent ad azione), rispetto ai 40,75 milioni di dollari (9 cent ad azione) dello stesso periodo dell’anno precedente, a dispetto dei 6 cent ad azione previsti dagli analisti. Per quanto riguarda i ricavi, Netflix, ha ottenuto 2,29 miliardi di dollari rispetto ai 2,1 miliardi di dollari del settembre 2015.

netflix nuovi abbonati internazionali rialzo in borsa

In aumento i nuovi abbonati

L’obiettivo aziendale fissava l’aumento degli abbonati a 2,3 milioni di persone, ma i dati sulla crescita hanno fatto emergere un incremento pari a 3,57 milioni di nuovi abbonati. A livello mondiale Netflix ha ottenuto 3,2 milioni di utenti a differenza delle stime che prevedevano 2 milioni di nuovi utenti. Al 30 settembre 2016 gli utenti paganti sono stati stimati in 83,3 milioni ed un totale di 91,9 milioni di iscritti, i conti pubblicati dopo la chiusura dei mercati hanno fatto ottenere un rialzo del 20% al titolo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY