Netflix arriva in Italia

netflix-tv-590x407

Da oggi, la più grande piattaforma di Tv in streaming del mondo Netflix, è attiva in Italia con la presentazione ufficiale a cui parteciperanno le istituzioni.

L’azienda va ad occupare un mercato ancora vergine e con ampie possibilità di crescita, dove le istituzioni vedono prospettive di accesso e diffusione del settore cinematografico e televisivo italiano nel mondo.

Con Netflix il governo vede la possibilità non solo di investimenti nel settore, ma anche di contrasto e contenimento della pirateria, fenomeno presente in Italia ma anche all’estero, che può essere limitato dai costi bassi di questa nuova realtà sbarcata oggi nel nostro paese.

L’incontro con le istituzioni

Il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli ha incontrato il vice presidente e il direttore della global policy, Christopher Libertelli e Janneke Sloetjes, per la presentazione ufficiale dei servizi e delle strategie nel Vecchio Continente.

Per Giacomelli l’arrivo di Netflix in Italia è da considerarsi positivo per gli sviluppi nella produzione cinematografica e gli investimenti che l’azienda potrebbe riversare sui prodotti italiani nel mondo di internet, vero protagonista del futuro a cui anche la Rai dovrà adeguarsi. Con il direttore generale cinema del Mibact, Nicola Borrelli, anch’egli presente all’incontro, il sottosegretario ha sottolineato come Netflix possa stimolare la concorrenza in un’ottica salutare per il settore.

Investimenti, banda larga e neutralità della Rete sono stati al centro dell’incontro e autori, produttori e distributori saranno avvantaggiati. L’augurio del direttore generale della SIAE Gaetano Blandini invece è che i diritti d’autore siano valorizzati.

Netflix nacque negli Stati Uniti nel 1997 come società di noleggio di DVD ma ha saputo poi adeguarsi alla nuova era digitale con la visione on demand di film in streaming a partire dal 2008. Dal 2010 invece l’espansione nei mercati esteri e l’anno successivo l’inizio della produzione di contenuti originali con la serie Tv House of cards, che in italiano viene trasmessa con il nome di giochi di potere.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY