Nasce il colosso della birra mondiale: Ab InBev acquisisce SabMiller

Confermata la megafusione tra i due giganti mondiali della birra. La belga-brasiliana Anheuser-Busch InBev, proprietaria di 200 marchi tra cui Budweiser, Beck’s, Corona e Stella Artois, ha infatti acquisito per 68 miliardi di sterline (104 miliardi di dollari o 96 miliardi di euro) la sudafricana SabMiller, che controlla anche Peroni, Nastro Azzurro, Bavaria, Foster’s e Pilsner Urquell. Nasce così un mega colosso, con sede legale in Belgio, che produrrà un terzo dei boccali bevuti ogni giorno nel mondo.

Dopo settimane di trattative e partendo dalla cifra di 38 sterline, si è arrivati all’offerta finale da 44 sterline per azione, un premio di circa il 50% rispetto alla quotazione di chiusura di SabMiller il 14 settembre, prima che si venisse a conoscenza dell’opa. Secondo alcuni analisti, la trattativa ha subito un’accelerazione negli ultimi giorni a causa dal rallentamento delle economie emergenti, in primis quelle di Cina e Brasile.
Sono previsti per il nuovo gruppo ricavi pari a 64 miliardi di dollari ed una capitalizzazione di oltre 250 miliardi di euro. I due maggiori azionisti di SabMiller, Altria Group e Bevco (che possiedono il 41% del capitale), potranno scegliere tra l’offerta cash o un’offerta mista in contanti e azioni: per ogni azione SabMiller verranno offerti 0,48 azioni titoli Ab InBev e 3,78 sterline in contanti.

Questo è quanto emerge dagli accordi aziendali. Ora si attendono le decisioni delle varie autorità antitrust locali che potrebbero imporre la cessione di diversi marchi in Paesi diversi dagli Usa fino alla Cina.
Nel frattempo, le Borse hanno reagito molto positivamente alla notizia. Le azioni Ab InBev sul mercato di Bruxelles oggi hanno guadagnato il 2,4%, mentre i titoli SabMiller hanno fatto segnare sulla piazza di Londra un rialzo del 9,4% a 39,62 sterline.

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY