Mutuo Bancoposta: come funziona, tassi, tipi

Acquistare una casa è un passo molto importante, che richiede sacrifici lunghi dilazionati per più anni. In particolare perchè chiede occorre “accendere” un Mutuo e il mercato ne offre diversi. Occorre comunque valutare minuziosamente il contratto proposto dall’Istituto di credito, leggere le eventuali postille al fine di non ritrovarsi brutte sorprese nel tempo.

Tra le offerte più interessanti troviamo il Mutuo proposto da Poste italiane, la quale, in seguito alla privatizzazione graduale avviata negli anni ’90, è diventata una SPA che offre servizi finanziari alla stregua delle Banche. In realtà si tratta di più tipologie di mutui a seconda delle esigenze dei clienti. Vediamo di seguito i vari tipi di Mutuo Bancoposta.

>>> CLICCA QUI PER IL TUO PREVENTIVO DI PRESTITO PERSONALIZZATO E GRATUITO <<<

Sommario

Mutuo Bancoposta acquisto

Il Mutuo BancoPosta Acquisto è adatto per quanti hanno intenzione di finanziare l’acquisto sia della prima che della seconda casa. Le caratteristiche principali di questo tipo di Mutuo Bancoposta sono:

Condizioni chiare e senza sorprese per ogni tipo di fascia di importo richiesto

Può essere richiesto un importo fino all’80% del valore dell’immobile che si desidera acquistare

Non sono previsti costi se si sceglie di estinguere o ridurre anticipatamente il mutuo

l’iscrizione ipotecaria viene effettuata per un valore pari al 150% dell’importo del finanziamento

Questa tipologia di mutuo rientra nelle regole stabilite dal Codice di Condotta Europeo prevista per i mutui abitativi

Per poter attivare questo Mutuo occorre fissare un appuntamento con il consulente. Ciò può avvenire in 3 modi:

  • Recandosi presso un Ufficio Poste Italiane a noi più vicino;
  • Telefonando al Numero Verde 800.00.33.22;
  • Tramite il sito di Poste Italiane.

E’ anche possibile sottoscrivere la polizza Posteprotezione Mutuo. Trattasi di una copertura assicurativa facoltativa che tutela se stessi e i propri familiari. E’ possibile altresì beneficiare di uno sconto del 5% sul premio della polizza Posteprotezione Innova Casa, che vedremo più in là.

Il tasso del Mutuo Bancoposta acquisto viene determinato sulla somma di un parametro del mercato dei capitali, che può essere: IRS per il tasso fisso, Euribor per il tasso variabile, tasso BCE per il mutuo tasso variabile BCE), lo “spread”. Tali tassi vengono aggiornati mensilmente sulla base dei parametri rilevati l’ultimo giorno lavorativo del mese precedente la stipula del Mutuo Bancoposta Acquisto. Di cosa si tratta? Ecco il loro significato:

  • IRS è un acronimo che sta per Interest Rate Swap: trattasi del tasso di interesse che si adopera in caso di prestiti interbancari a lungo termine. Viene adoperato dal Mutuo BancoPosta a tasso fisso e misto relativamente a periodi a tasso fisso
  • Euribor: acronimo di Euro Interbank Offered Rate, è il tasso di interesse imposto per i prestiti interbancari a breve termine, a tasso variabile
  • Tasso BCE: per esteso Main Refinancing Operations BCE, è il tasso applicato alle operazioni di rifinanziamento della Banca Centrale Europea utilizzato per il Mutuo a Tasso Variabile Bce.

Facciamo un esempio concreto di Mutuo Bancoposta Acquisto:

Riprendiamo l’esempio che viene fatto sul sito di Bancoposta:

Mutuo a tasso fisso per acquistare una prima casa dal valore di 100 mila euro, della durata di 20 anni. A queste condizioni:

  • Spread 0,99%,
  • IRS 1,457%,
  • TAN 2,447%,
  • TAEG 2,614%,
  • Rata mensile fissata a 527,35 euro,
  • 24 rate mensili,
  • importo a Mutuo 100 mila euro,
  • interessi totali nei 2 anni 26.564,00 euro,
  • Spese di istruttoria 600,00 euro e di perizia 390,00 euro,
  • Oneri fiscali (imposta sostitutiva) 250,00 euro,
  • tutte le altre spese a zero euro.
  • Costo totale del Mutuo: 126.564,00 euro.

Mutuo Bancoposta Ristrutturazione

Se si ha già una casa e la si vuole ristrutturare, Poste Italiane SPA ha pensato anche a ciò, offrendo ai propri clienti il Mutuo Bancoposta Ristrutturazione. Con Mutuo BancoPosta Ristrutturazione è possibile infatti finanziare la ristrutturazione sia della prima che della seconda casa.

E’ possibile richiedere un importo fino al 100% del costo delle spese di ristrutturazione indicate nel preventivo. Unico limite è che esso non debba superare il 40% del valore dell’immobile.

I vantaggi che riguardano questa tipologia di Mutuo sono:

  • Condizioni contrattuali fin da subito chiare per tutte le fasce di importo
  • Non sono previste commissioni in caso di estinzione anticipata del Mutuo o di una riduzione dell’importo finanziato.
  • Come il precedente, anche il Mutuo Bancoposta ristrutturazione è sottoposto al Codice di Condotta Europeo previsto per i mutui abitativi.

Come richiedere il Mutuo Bancoposta Ristrutturazione? Per poter attivare questo Mutuo occorre fissare un appuntamento con il consulente. Ciò può avvenire in 3 modi:

  • Recandosi presso un Ufficio Poste Italiane a noi più vicino;
  • Telefonando al Numero Verde 800.00.33.22;
  • Tramite il sito di Poste Italiane.

E’ anche possibile ottenere dei vantaggi aggiuntivi:

  • E’ possibile stipulare la polizza Posteprotezione Mutuo, per tutelare se stessi e la propria famiglia, donando maggiore serenità al perseguimento dei propri progetti.
  • Ottenere uno sconto pari al 5 percento sul premio della polizza Posteprotezione Innova Casa, sempre offerto da Poste Italiane SPA.

Questi invece i tassi che vengono applicati al Mutuo Bancoposta Ristrutturazione:

  • Come per il Mutuo Bancoposta Acquisto, anche questa tipologia di Mutuo di Poste Italiane è sottoposta a questi tassi: IRS per il tasso fisso, Euribor per quello variabile, tasso BCE per il mutuo tasso variabile della Banca Centrale europea e lo “spread” (che abbiamo imparato a conoscere durante la speculazione borsistica ai danni dell’Italia nel 2011). Tali tassi vengono aggiornati ogni mese, con i parametri che vengono rilevati l’ultimo giorno lavorativo del mese precedente rispetto alla data di stipula dell’Atto di Mutuo. Ecco più da vicino i vari tassi previsti:IRS (acronimo di Interest Rate Swap): trattasi del tasso di interesse per i prestiti interbancari di lungo periodo a tasso fisso e misto rapportati a periodi di tasso fisso.
  • Euribor (acronimo di Euro Interbank Offered Rate): trattasi del tasso di interessi destinato ai prestiti interbancari di breve periodo utilizzato per il Mutuo BancoPosta sottoposto a tasso variabile.
  • Tasso BCE (il tasso della Banca Centrale Europea): utilizzato per il Mutuo a Tasso Variabile Bce.

Facciamo un esempio pratico di Mutuo Bancoposta Ristrutturazione, sempre estrapolato dallo stesso sito di Poste Italiane:

  • Importo del prestito: 100.000 euro con durata di 20 anni
  • Spread allo 0,99%
  • IRS 20 anni: 1,457%1
  • TAN 2,447%
  • TAEG 2,614%
  • Rate mensili: 527,35
  • Numero rate: 240
  • Interessi: 26.564,00
  • Spese aggiuntive: spese per istruttoria: 600 euro, spese di perizia: 390 euro, oneri fiscali 250 euro.

Tutte le altre spese sono gratuite.

Costo totale del Mutuo: 126.564,00 euro.

>>> CLICCA QUI PER IL TUO PREVENTIVO DI PRESTITO PERSONALIZZATO E GRATUITO <<<

Mutuo Bancoposta Surroga

Poste Italiane SPA offre anche l’opportunità di trasferire il Mutuo acceso presso un Istituto Bancario al fine di trovare condizioni più vantaggiose. E’ possibile fare richiesta di un Mutuo per un importo pari al debito residuo del mutuo originario per il quale ottenere “la surroga”, da 50 mila euro fino all’80% del valore totale dell’immobile.

Anche in questo caso, Poste Italiane offre condizioni fin da subito trasparenti e che non variano a trabocchetto. Il precedente Mutuo deve essere di almeno 12 mesi e con durata che va dai dieci ai trent’anni. La surroga non prevede costi e in caso di estinzione anticipata dell’importo o di una sua riduzione non sono previste spese aggiuntive. Anche il Mutuo Bancoposta Surroga è sottoposto al Codice di Condotta Europeo per i mutui abitativi.

Per attivare questa tipologia di Mutuo, bisogna fissare un incontro con un consulente di Poste Italiane SPA, recandosi presso un ufficio di Poste vicino casa o chiamando il numero Verde gratuito 800.00.33.22.

Veniamo ai tassi. Il tasso fisso o variabile viene scelto dallo stesso cliente e può essere dilazionato per due, cinque e dieci anni. Il finanziamento può essere gestito liberamente, e il tasso fisso o variabile può essere rivisto ogni due, cinque o dieci anni. Ad ogni scadenza scelta, il cliente ha la facoltà di rivedere il tasso alle condizioni di mercato vigenti in quel preciso istante, scegliendo sempre secondo la propria discrezionalità tra un tasso fisso o uno variabile. Anche in questo caso la scelta può essere eseguita ad ogni scadenza scelta per contratto.
Anche per il Mutuo Bancoposta surroga vigono i tre tassi visti per i precedenti (IRS, Euribor, Tasso Bce) e la maggiorazione dello Spread.

Vediamo come per i precedenti mutui, anche un esempio concreto per questo Mutuo:

  • Importo richiesto: 100 mila euro
  • Anni di Mutuo: 20 anni
  • Spread 1,85%
  • IRS 20 anni: 1,457%
  • TAN: 3,307%
  • TAEG 3,357
  • Rate mensili: 570,10 euro
  • Numero rate: 240
  • Interessi: 36,824
  • Spese accessorie: nessuna
  • Importo totale dovuto a Poste Italiane: 136.824,00 euro

Mutuo BancoPosta Sostituzione + Ristrutturazione

Questa tipologia di Mutuo offerto da Poste Italiane ha una duplice funzione: trasferisce il mutuo già in atto presso un altro istituto di credito e in più il cliente ottiene una somma aggiuntiva da destinare al finanziamento di spese di ristrutturazione della propria abitazione. Di qui il nome sostituzione più Ristrutturazione.

Il cliente può richiedere una cifra uguale al residuo del tuo mutuo già in atto, aumentato di una quota da destinarsi alle spese di ristrutturazione che non supera il 40% del valore commerciale dell’immobile. Anche per questo Mutuo, come per i precedenti, le condizioni contrattuali sono fin da subito chiare e immutabili per tutti i livelli di importo.

L’importo totale da richiedere col Mutuo deve essere massimo dell’80% del valore commerciale dell’immobile. Mentre l’importo minimo da finanziare deve essere di 15 mila euro. Non ci sono spese aggiuntive qualora l’importo sia estinto prima o ridotto. Anche questo Mutuo è sottoposto alle regole previste dal Codice di Condotta Europeo destinato ai mutui abitativi.

Per poter attivare questo Mutuo occorre fissare un appuntamento con il consulente. Ciò può avvenire in 3 modi:

  • Recandosi presso un Ufficio Poste Italiane a noi più vicino;
  • Telefonando al Numero Verde 800.00.33.22;
  • Tramite il sito di Poste Italiane.

La durata di questo Mutuo va da un minimo di dieci anni ad un massimo di trenta. Non sono previste commissioni in caso di estinzione anticipata o di riduzione anticipata dell’importo. L’iscrizione ipotecaria è prevista per un valore pari al 150% dell’importo messo a finanziamento.

Riguardo i tassi, il tasso fisso o variabile può essere scelto per un periodo di tempo che va dai due, cinque o dieci anni. Poste Italiane permette altresì, come nel caso del mutuo prima visto, di rivedere la scelta del tasso scelto ogni due, cinque o dieci anni. Vale a dire, quindi, ogni volta che scade la scelta fatta in precedenza. In questo modo, il tasso fisso o variabile sarà scelto in base ai tempi che corrono in quel momento. Del resto, da anni ormai si è compreso quanto il mondo della finanza sia costantemente mutevole. E anche in 2 anni le condizioni possono radicalmente cambiare.

Riguardo al Tasso del Mutuo, vale sempre il discorso fatto per i Mutui precedenti.

Mutuo BancoPosta Sostituzione + Liquidità

Veniamo ora all’ultima tipologia di Mutuo offerto da Poste Italiane Spa tramite il ramo Bancoposta. In questo caso, è possibile trasferire il mutuo stipulato presso un’altra Banca ed ottenere una cifra in più rispetto al debito residuo del mutuo precedente. Quindi, rispetto al precedente Mutuo BancoPosta Sostituzione + Ristrutturazione, con Mutuo BancoPosta Sostituzione + Liquidità viene appunto offerto come vantaggio un importo maggiorato. Anche in questo caso le condizioni contrattuali sono chiare e senza possibilità di avere brutte sorprese.

L’importo minimo finanziabile è di 15.000 euro, mentre quello massimo non deve superare l’80% del valore commerciale dell’immobile oggetto del Mutuo, con destinazione massima alla liquidità pari a 25 mila euro.

Il Mutuo Bancoposta Sostituzione + Liquidità è sottoposto, come tutti gli altri visti fino ad ora, al Codice di Condotta Europeo per i mutui abitativi.

Per poter attivare questo Mutuo occorre fissare un appuntamento con il consulente. Ciò può avvenire in 3 modi:

  • Recandosi presso un Ufficio Poste Italiane a noi più vicino;
  • Telefonando al Numero Verde 800.00.33.22;
  • Tramite il sito di Poste Italiane.

Il Mutuo BancoPosta Sostituzione + Liquidità deve avere una durata minima di dieci anni e massima di trenta. Nessuna spesa aggiuntiva per estinguere il Mutuo anticipatamente o ridurre l’importo. L’iscrizione ipotecaria viene effettuata per un valore pari al 150% dell’importo per cui si è richiesto il Mutuo.

Anche per questo Mutuo è possibile scegliere tra tasso fisso e tasso variabile. Scelta che scadrà ogni due, cinque o dieci anni dopo i quali al cliente sarà chiesto se continuare con il tasso scelto inizialmente o passare a quello alternativo. In modo da rendere il Mutuo sempre conveniente in base alle condizioni finanziarie di quel momento.

Infine, anche per il Mutuo BancoPosta Sostituzione + Liquidità vale il tasso Mutuo Bancoposta composto da IRS, Euribor, tasso BCE e “Spread”. Descritti più volte in precedenza.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY