Mutui casa: +86,1% tra gennaio e agosto 2015

L’associazione Bancaria Italiana ha presentato oggi i dati relativi ai mutui finalizzati all’acquisto di un immobile. Ebbene, nei primi otto mesi del 2015, l’Abi ha erogato mutui alle famiglie per l’acquisto di case per 28,920 miliardi di euro rispetto ai 15,543 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. È questo il miglior risultato a partire dal 2011 quando la cifra erogata aveva raggiunto i 26,9 miliardi. La somma erogata quest’anno risulta, infatti, essere molto superiore rispetto agli importi degli anni passati: 11,383 miliardi di euro nel 2013 e 13,045 miliardi di euro nel 2012 (sempre riferiti ai primi otto mesi dell’anno). Mentre, sottolinea l’Abi, le erogazioni del periodo gennaio-agosto 2015 superano già le erogazioni di tutto l’anno 2014 (25,283 miliardi di euro).

Analizzando i dati, raccolti su un campione rappresentativo di 78 banche (circa l’80 per cento del mercato), notiamo che i mutui a tasso variabile rappresentano, tra gennaio e agosto 2015, il 48,3 per cento delle nuove erogazioni complessive; emerge però anche una notevole crescita nella richiesta di mutui a tasso fisso che, ad agosto 2015, superano il 60 per cento dei nuovi finanziamenti (erano meno del 20 per cento nello stesso mese del 2014). La percentuale delle surroghe sul totale dei nuovi mutui alle famiglie per l’acquisto di immobili è, invece, pari a circa il 29 per cento.

L’associazione Bancaria Italiana ha inoltre pubblicato i dati relativi ai finanziamenti alle imprese che hanno fatto registrare nei primi otto mesi del 2015 un incremento del 15,9 per cento rispetto al corrispondente periodo dell’anno scorso. Nel medesimo lasso di tempo, le nuove operazioni di credito al consumo hanno fatto segnare una crescita del 27,2 per cento.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY