Morto Lee Iacocca, il figlio di italiani che fece grande Chrysler

E’ già stato ribattezzato il Sergio Marchionne Ante Litteram. E’ in comune hanno avuto, oltre che la grande capacità manageriale, il fatto di aver lavorato per una grande casa automobilistica americana: la Chrysler. Parliamo di Lee Iacocca, che fece grande proprio questo marchio tra gli anni ‘80 e ‘90. Mentre Marchionne lo rilanciò insieme al corrispettivo italiano, la FIAT, in una fusione a freddo che ha creato una grande casa automobilistica internazionale.

Lee Iacocca ci ha lasciati lo scorso 2 luglio. E c’è un motivo in più per commemorarlo: i suoi genitori erano italiani, precisamente di San Marco dei Cavoti, in provincia di Benevento. Ridente borgo a oltre 600 metri sopra il livello del mare, con oltre 3mila abitanti.

Tornando a Lee Iacocca, il cui nome per esteso è Lido Anthony “Lee” Iacocca (15 ottobre 1924 – 2 luglio 2019) è stato un dirigente automobilistico americano noto per lo sviluppo delle auto Ford Mustang e Pinto. Ma anche per aver fatto risorgere la Chrysler Corporation nelle vesti di Ceo a partire dagli anni ’80. E, seppur in maniera interrotta, nel corso degli anni ‘90.

È stato presidente e amministratore delegato di Chrysler dal 1978 e in aggiunta come presidente dal 1979, fino al suo ritiro alla fine del 1992. È stato l’unico dirigente negli ultimi tempi a presiedere le operazioni di due dei Big Three (vale a dire General Motors, Ford eFiat Chrysler) con diversi incarichi.

Iacocca è anche autore o coautore di diversi libri, tra cui i più celebri “Iacocca: An Autobiography” (scritto a quattro mani con William Novak) e “Where Have All the Leaders Gone?”.

Portfolio Magazine ha nominato Iacocca il 18° più grande CEO americano di tutti i tempi.

Ripercorriamo la sua carriera con Ford e Chrysler.

Lee Iacocca con Ford

Iacocca è entrato a far parte della Ford Motor Company nell’agosto del 1946. Dopo una breve esperienza in ingegneria, ha chiesto di essere trasferito alle vendite e al marketing, dove la sua carriera è cresciuta. Mentre lavorava nel distretto di Filadelfia come assistente alle vendite, Iacocca ottenne il riconoscimento nazionale con la sua campagna “56 per ’56”, offrendo prestiti su auto modello anno 1956 con un acconto del 20% e $ 56 in rate mensili per tre anni.

Il 10 novembre 1960 Iacocca fu nominato vicepresidente e direttore generale della Divisione Ford; nel gennaio 1965 il vicepresidente di Ford, gruppo di auto e camion; nel 1967, vicepresidente esecutivo; e presidente il 10 dicembre 1970.

Iacocca ha partecipato alla progettazione di diverse automobili Ford di successo, in particolare la Ford Mustang, la Continental Mark III, la Ford Escort e il revival del marchio Mercury alla fine degli anni ’60, compresa l’introduzione del Mercury Cougar e Mercury Marquis.

Alla fine, divenne il presidente della Ford Motor Company, ma si scontrò con Henry Ford II. Fu licenziato il 13 luglio 1978, nonostante il fatto che la compagnia abbia registrato un profitto di $ 2 miliardi per l’anno.

Iacocca con Chrysler

Iacocca fu fortemente corteggiata dalla Chrysler Corporation, in un momento in cui la società sembrava essere sull’orlo della cessazione dell’attività e aveva appena venduto la sua divisione Chrysler Europe in perdita a Peugeot nel tentativo di generare denaro perché la società stava perdendo milioni già in Nord America.

Iacocca si unì a Chrysler e iniziò a ricostruire l’intera azienda da zero e coinvolgendo molti ex soci. Anche da Ford, Iacocca ha portato a Chrysler il progetto “Mini-Max”, che nel 1983 ha dato i suoi frutti a Dodge Caravan e Plymouth Voyager. Henry Ford II non aveva voluto avere nulla a che fare con il Mini-Max, una versione ridisegnata del minivan, che la Toyota stava vendendo in grandi quantità in Asia e in America Latina, e la sua opinione condannata al progetto Ford. Hal Sperlich, la forza trainante del Mini-Max alla Ford, era stato licenziato alcuni mesi prima di Iacocca. Era stato assunto da Chrysler, dove i due avrebbero fatto storia automobilistica insieme.

La società avrebbe cessato l’attività se non avesse ricevuto una grande infusione di denaro, Iacocca si avvicinò al Congresso degli Stati Uniti nel 1979 e richiese con successo una garanzia di prestito. Per ottenere la garanzia, Chrysler è stata obbligata a ridurre i costi e abbandonare alcuni progetti di vecchia data, come il motore a turbina, che era stato pronto per la produzione dei consumatori nel 1979 dopo quasi 20 anni di sviluppo.

Chrysler ha rilasciato il primo di K-Car linea, Dodge Aries e Plymouth Reliant, nel 1981. Inoltre, Iacocca ha reintrodotto il grande Imperial come fiore all’occhiello dell’azienda. Il nuovo modello aveva tutte le tecnologie più recenti dell’epoca, compresa l’iniezione di carburante completamente elettronica e il cruscotto interamente digitale. Chrysler introdusse il minivan, principalmente “baby” di Sperlich, verso la fine del 1983. Guidò l’industria automobilistica in vendite per 25 anni.

A causa delle vetture K e dei minivan, insieme alle riforme attuate da Iacocca, la società si è rapidamente spostata e ha potuto rimborsare i prestiti garantiti dal governo sette anni prima del previsto.

Il progetto Jeep Grand Cherokee è stato la forza trainante del buyout di Chrysler di AMC. Iacocca guidò l’acquisizione di AMC da parte di Chrysler nel 1987, che portò la redditizia divisione Jeep sotto l’ombrello aziendale. Ha creato la divisione Eagle di breve durata, formata dai resti di AMC.

Il Grand Cherokee non sarebbe stato rilasciato fino al 1992 per l’anno modello del 1993, lo stesso anno in cui Iacocca andò in pensione.

L’anno successivo, Kerkorian e Chrysler firmarono un accordo quinquennale che includeva un ordine di bavaglio che impediva a Iacocca di parlare pubblicamente di Chrysler.

Iacocca tornò in auge nel 2005 come testimonial di alcuni spot per rilanciare il colosso automobilistico. Celebre la sua frase: “If you can find a better car, buy it.”

E’ morto a 94 anni per la complicazione del Parkinson.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY