Monte dei Paschi, eletto il nuovo candidato Alessandro Falciai

I principali soci di Monte dei Paschi, nella notte tra venerdì e sabato, hanno ufficializzato la candidatura di Alessandro Falciai come neopresidente in pectore a seguito delle dimissioni di Massimo Tononi.

I soci: Fondazione Mps, Millenium e Axa i quali rappresentano il 7% del capitale di Monte dei Paschi, dopo l’iniziale reclutamento dell’head hunter Spencer Stuart, hanno concordato per una candidatura interna al Consiglio di Amministrazione della Banca, quindi la cerchia dei nomi è stata ristretta al Vicepresidente Roberto Isolani, il quale si è reso indisponibile, Antonino Turicchi del cda di Axa il quale è stato nominato però direttore del Mef ed infine Falciai che, dopo un primo rifiuto iniziale, è tornato sui suoi passi.

mps

Chi è Alessandro Falciai

Alessandro Falciai, Ingegnere aerospaziale con Mba, dopo il suo impiego all’Agenzia Spaziale Europea, ha successivamente lavorato in Telecom Italia ed in Mediaset. Nel 2000 ha fondato la società Dmt S.p.a con la quale ha contribuito a sviluppare il digitale terrestre e le torri di telecomunicazioni in Italia. Dopo essere uscito dalla Dmt S.p.a., nel 2012 ha avviato la Holding Millenium Partecipazioni di cui è amministratore unico.

Alessandro Falciai entra a far parte di Monte dei Paschi

Nel 2014, dopo l’aumento da 5 miliardi, Falciai entra in Monte dei Paschi con una quota dell’1,2% grazie ad un investimento di circa 60 milioni di euro, successivamente aumentata al 2%. La diminuzione delle quote dei soci: Fintech, Fondazione Mps e Btg, il neopresidente ha visto crescere il suo peso azionario, superando nel 2015 anche la lista di Axa.

Nell’Assemblea dei Soci prevista per il 24 novembre, verrà proposta la sua candidatura e per la sua elezione, affinché sia valida, avrà solamente bisogno della maggioranza dei voti presenti senza la necessità di un quorum minimo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY