Monte dei Paschi: Consob convoca Corrado Passera

Dopo il ritiro ufficializzato pochi giorni fa dall’ex CEO di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, della proposta per il salvataggio di Monte dei Paschi, nella serata di ieri la Consob (Commissione Nazionale per la Società e la Borsa) ha convocato l’ex Ministro per ascoltarne le ragioni.

Al termine dell’incontro avvenuto nella sede della capitale e durato circa un’ora e mezza, Corrado Passera ha rilasciato delle brevi dichiarazioni, dopo le iniziali accuse che imputavano una totale chiusura di Monte dei Paschi nei confronti non solo di Passera ma anche degli investitori coinvolti nella manovra di salvataggio, l’ex Ministro ha commentato a mente più fredda che la decisione della Banca inizia ad essere digerita, anche se resta il rammarico di non aver potuto attuare un piano ben realizzato e che poteva contare su persone pronte ad investire, il che non è un fatto scontato in Italia.

corrado-passera

Convocato l’Amministratore Delegato Marco Morelli

Ad inizio della prossima settimana anche l’Amministratore Delegato di Monte dei Paschi, Marco Morelli, sarà ascoltato dalla Consob che in qualità di arbitro dovrà valutare le ragioni di entrambe le parti coinvolte. Attualmente Morelli sta concludendo il suo roadshow negli Stati Uniti per cercare nuovi investitori e presentare il nuovo piano di rilancio, in modo da ridurre il più possibile la quota di ricapitalizzazione.

Nel vertice tenutosi ieri oltre a Passera hanno preso parte anche l’Amministratore Delegato Fabio Gallia ed il Presidente Claudio Costamagna di Cassa Depositi e Prestiti, ma le ragioni della loro presenza non sono state rese note dagli interessati, i quali si sono rifiutati di rispondere alle domane all’uscita della sede della Consob.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY