Monete dei due euro Thailandesi è allarme in Italia

Monete truffa thailandesi da due euro

Colore, dimensioni e peso sono identiche: i due euro e i 10 bath thailandesi sono identici, ma il valore di scambio è nettamente diverso; 10 bath valgono sono 25 centesimi. Ce ne sono davvero troppe in circolazione: si tratta di una vera truffa a danno dei consumatori, commercianti e per l’intera economia italiana. E’ bene prestarci attenzione

Truffa dei due euro: Federconsumatori lancia l’allarme

10 baht thailandesi valgono appena 25 centesimi e non due euro: si tratta di una segnalazione rilevante da parte di Federconsumatori. Nella Capitale e nella città Parthenopea ci sono state numerose segnalazioni alla Polizia di Stato. In effetti, esteticamente le due monete sono molto simili: anello di colore argento circolare e cerchio dorato interno; anche il peso e le dimensioni sono perfettamente uguali (8 grammi e mezzo).

Monete truffa thailandesi da due euro

Truffa ai distributori: i 10 bath thailandesi ingannano persino i distributori

Non solo i commercianti, soprattutto, bar ed edicole ma, anche i distributori automatici sono ingannati dalle stesse dimensioni e peso del conio thailandese. preso come resto degli spiccioli dell’estremo oriente. Il vicesegretario di Federconsumatori, Sergio Veroli, ha invitato tutti quanti a “stare molto attenti quando si fanno gli scambi di denaro e di valutare bene il resto, soprattutto in prossimità dei centri interessati da un grande afflusso di stranieri e turisti, perché è più facile che si verifichino truffe o errori“.

Dalla pagina Facebook, la Polizia consiglia di “prestare attenzione al resto in monete di uno e due euro, perché facilmente confondibili con monete di altri Paesi extraeuropei con un valore inferiore e di vecchi coni”. Il cambio non è vantaggioso con il conio thailandese dato che vale appena 25 centesimi di euro, si tratta di una perdita netta di 1 euro e 75 centesimi. L’unico rimedio è quella di fare attenzione ai resti, specie quando il cassiere o il commerciante ci rende la moneta di 2 euro.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY