Moncler, tutto pronto per il progetto Genius

Moncler sta passando al digitale per promuovere il debutto del progetto Moncler Genius sul mercato. In particolare, l’azienda ha creato un video teaser che annuncia che la prima collezione arriverà nei negozi del marchio il 14 giugno. In realtà, a quella data, Moncler inizierà a vendere la collezione 7 Fragment Hiroshi Fujiwara, che è stata presentata insieme ad altre sette capsule con un’installazione a febbraio durante la settimana della moda di Milano.

Il video del teaser non stato pubblicato solo sui social media di Moncler mercoledì, ma la società ha anche invitato una selezione di rivenditori, tra cui Dover Street Market, Harrods, Stylebop, Essence.com, Barneys New York, Tsum, Saks Fifth Avenue e Bergdorf Goodman , tra gli altri, per condividerlo sulle loro piattaforme digitali. Dopo il lancio, la collezione sarà disponibile esclusivamente nei negozi internazionali di Moncler e per i prossimi cinque giorni matchfashion.com avrà l’esclusiva sulla capsula. Il debutto della collezione 7 Fragment Hiroshi Fujiwara sarà celebrata con una festa il 13 giugno al Museo del Bargello di Firenze, durante la prossima edizione della fiera internazionale Pitti Uomo.

L’etichetta italiana Moncler, in realtà, ha già trasformato la moda del lusso trasformando lo sci casual in articoli di tendenza con le sue raffinate giacche. Ora vuole guidare il settore in una produzione frenetica e l’amministratore delegato Remo Ruffini ha detto che spera che la sua azienda possa un giorno offrire nuovi prodotti per tutte le sue collezioni di piumini una volta al mese.

Sommario

Moncler, la rivoluzione pensata da Ruffini

Il cambiamento mette in evidenza la corsa dei marchi di lusso per adattarsi alle mutevoli abitudini di acquisto in quanto il settore attira i consumatori più giovani e quelli più influenzati dal ritmo veloce dei social media, che cercano costantemente nuovi articoli accattivanti. Moncler ha già annunciato che , in base a quella che definisce la sua strategia “Genius”, da giugno offrirà ogni mese una collezione in edizione limitata di piumini appositamente prodotti per l’etichetta da un designer di fama mondiale: la stella Hiroshi Fujiwara, il re dello streetwear giapponese.

Ma il cambiamento potrebbe essere più ampio, ha detto Ruffini, finendo per comprendere le principali gamme della collezione di Moncler – che rappresentano l’80% delle sue vendite – e che ora entrano gradualmente nei negozi. “Penso e spero che se tutto andrà bene, lavoreremo su base mensile per tutte le collezioni”, ha detto Ruffini a Reuters in un’intervista alla sede centrale di Moncler a Milano, aggiungendo che la revisione è ancora nelle sue fasi iniziali.

“Quando vai in un negozio a luglio trovi un concetto e quando vai a settembre ne trovi uno completamente diverso, quello lanciato in quel momento”, ha detto. La revisione risponde anche a una particolare sfida di Moncler: come mantenere crescere un business con un valore di mercato di 10 miliardi di euro ($ 11,5 miliardi) che ruota attorno a un prodotto di punta, giacche che possono costare fino a 2.000 euro.

Ruffini è accreditato di far rivivere l’azienda dopo aver acquistato nel 2003 quello che allora era un brand francese sull’orlo della bancarotta. Adottare il piano Genius comporta un aggiornamento della tecnologia e della logistica, compresi gli investimenti in un nuovo centro di attrezzature a Piacenza, vicino a Milano, rafforzando la supervisione della catena di approvvigionamento di Moncler e portando il controllo di qualità internamente.

“È davvero impegnativo. È un cambiamento di cultura in azienda dalla logistica alla produzione”, ha detto Ruffini, aggiungendo che la maggior parte della produzione rimarrà esternalizzata in modo che Moncler possa facilmente aumentare o ridurre la produzione a proprio piacimento. “La flessibilità è particolarmente importante quando si pensa su base mensile”, ha detto il 56enne imprenditore italiano. Dal momento che Ruffini ha acquisito Moncler, la valutazione della società è salita alle stelle e ora è scambiata a un prezzo elevato rispetto a molti pari di lusso.

Moncler, cos’è il progetto Genius

Moncler era in ottime condizioni finanziarie quando il suo amministratore delegato italiano, Remo Ruffini, ha recentemente deciso di modificare il suo modello di business. Con un fatturato di oltre $ 1,5 miliardi nel 2017, il produttore di giacche da sci non ha avuto bisogno di essere riogranizzato. Ma Ruffini ha visto cosa stava succedendo su Instagram ed è giunto alla conclusione che i rilasci di prodotti semestrali non li avrebbero più tagliati con i consumatori. La sua nuova strategia, che ha soprannominato Moncler Genius, prevede uscite di prodotti mensili, insieme a progetti editoriali di accompagnamento con un gruppo di otto designer di nomi in vetrina.

“L‘idea era di parlare a diverse generazioni”, dice Ruffini, “il giovane e il cittadino; donne che cercano un cappotto per un’occasione speciale; e persone che hanno un approccio più concettuale. “Presentati all’inizio della settimana della moda milanese, i Genius sono una coorte davvero impressionante, con Pierpaolo Piccioli di Valentino e i suoi mantelli couture ad un’estremità; i parka del designer di Frammenti Hiroshi Fujiwara, pesantemente influenzati dallo streetwear, sull’altro; e talenti distintivi come Simone Rocha e Craig Green nel mezzo.

“Ciò che mi ha colpito del progetto di Remo è stata l’idea di libertà, l’idea di individualità”, dice Piccioli, la cui collaborazione arriverà in ottobre. “Era un po ‘democratico.” Piccioli immagina le sue “technical Madonnas”, che sono piuttosto grandiose nonostante siano fatte con il materiale di base di Moncler, abbinate a abiti da sera e jeans e scarpe da ginnastica. Rocha, da parte sua, non ha perso tempo incorporando il parka nero e il classico gilet a soffietto nero con fronzoli verticali e perle che ha progettato per la sua collaborazione, prevista per settembre, nel suo repertorio.

“Volevo fare di questo ibrido l’esperienza tecnica di Moncler e la mia estetica femminile”, afferma. “Mi sento come se fosse una cosa positiva.” Se il concetto di Ruffini collega, potrà contare su altre marche che seguono le orme di consegna mensile di Moncler. Uno dei pregi del setup, sottolinea l’amministratore delegato, è la sua versatilità. “Abbiamo il prodotto per coprire tutte le generazioni. Ma, detto questo: le porte dell’edificio Genius sono aperte.”

In un mondo in cui i consumatori bramano la novità alla velocità di Instagram, Moncler svelerà dunque i frutti di una nuova strategia progettata per mantenere il marchio di lusso italiano da miliardi di dollari. Meglio conosciuto per le sue giacche da sci, sempre presente nei cuori, nelle menti e, come parte dell’approccio – soprannominato come dettoMoncler Genius – l’azienda sta sostituendo le sue partnership stagionali con Thom Browne e Giambattista Valli sulle sue gamme Bleu e Gamme Rouge con collezioni mensili e contenuti prodotti in collaborazione con designer ospiti tra cui Valentino Pierpaolo Piccioli, Kei Ninomiya di Noir Kei Ninomiya, Craig Green, Simone Rocha, Hiroshi Fujiwara di Fragment, Francesco Ragazzi di Palm Angels, lo stilista Karl Templer e il designer interno Moncler Grenoble Sandro Mandrino.

Le prime tappe della strategia sono state rivelate all’inizio della settimana della moda di Milano il 20 febbraio, con una stravaganza di marca da allestire al Moncler Genius Building. Di ciò che l’azienda chiama “cellule diverse, ognuna dedicata a una mente singolare, tutte che aggiungono aspetti dell’identità Moncler.” Le collezioni includeranno giacche, maglieria e accessori e arriveranno una alla volta nei negozi Moncler, online e in alcuni punti vendita all’ingrosso partner ogni mese a partire da giugno.

Poi, a ottobre, il marchio aprirà i pop-up Moncler Genius Building presso selezionati rivenditori e città come New York e Tokyo. In tutto, i contenuti in stile editoriale appariranno in stampa e in digitale. La strategia riflette un mondo che cambia. “Non puoi parlare al tuo cliente ogni sei mesi, devi parlare ogni giorno”, ha spiegato Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler. “Prima, il mondo era abbastanza statico e bastava fare uno spettacolo a febbraio, uno spettacolo a settembre.”

“Spero che la strategia Genius possa coinvolgere i giovani, una giovane generazione che parli di Moncler in tutto il mondo”, ha aggiunto Ruffini. Ma la novità è fondamentale per attirare anziani, affermati anche i consumatori di lusso. Senza una grande coorte di consumatori “vergini” all’orizzonte, gli acquirenti di lusso affermati stanno guidando una maggiore domanda di prodotti di lusso personali e si aspettano sempre novità e innovazione se vogliono rinunciare ai loro soldi, come Luca Solca, Exane BNP Paribas beni di lusso, spiegati in una colonna del 2017.

Le capsule collection sviluppate in collaborazione con i guest designer sono un modo sensato per offrire un flusso di innovazione senza correre il rischio di rivoluzionare completamente l’estetica di un marchio, ha proseguito: “L’approccio capsula sfrutta la selvaggia innovazione di un cambiamento make-or-break ma lo limita a parti attentamente mirate di una collezione, mentre il resto dell’offerta si evolve lungo un percorso incrementale.

“Moncler è uno dei numerosi marchi, tra cui Adidas, per offrire un flusso costante di novità con un approccio alla collaborazione di tipo open source. Ma rendere operativa la strategia non è facile. Moncler ha preparato il lancio di Genius per quasi due anni. “Velocità, intelligenza e flessibilità sono la chiave del successo di questo progetto”, ha dichiarato Ruffini. “Non possiamo dividere i media, le vendite e il cliente … È un unico pacchetto. Ogni mese dobbiamo consegnare questo pacchetto. Ogni mese dobbiamo rendere tutto nuovo.”

Moncler Genius arriva mentre la società continua a registrare risultati positivi, sostenendo una crescita a due cifre e sovraperformando il settore del lusso in generale, nonostante la sua dipendenza dalle sue giacche da sci e dalla crescita di rivali come Canada Goose. Nei primi nove mesi del 2017, le vendite hanno raggiunto € 736,8 milioni ($ 904 milioni), in crescita del 16% rispetto a € 639,3 milioni nello stesso periodo del 2016. Le vendite nei propri negozi sono aumentate del 19%. “Moncler potrebbe perdere quota a nuovi concorrenti nel più ampio mercato di piumini, ma questo mercato continua a crescere “, ha detto Solca.

“Inoltre, Moncler sta facendo un ottimo lavoro con l’innovazione di prodotto, il merchandising e il display in negozio – uno dei migliori del settore.” Il lancio della nuova strategia sarà seguito da analisti e altri osservatori del settore.

“Le sfilate di moda di Moncler sono state molto efficaci nell’ancorare il marchio nella parte superiore della piramide dei prezzi “, ha detto Solca. Ma Ruffini ha le idee chiare:” Non eravamo mai basati sulla moda, eravamo sempre basati sull’unicità e sull’energia – il futuro inizia il 20 di febbraio“.

Un altro dei collaboratori di Genius è il gioiello della settimana della moda di Londra, Simone Rocha, con la sua combinazione sacra di eleganza femminile e comfort funzionale. Tornato a Londra pochi giorni prima della presentazione delle prime collezioni Genius, durante la settimana della moda milanese, Rocha afferma che la collaborazione con l’etichetta è stata naturale: “Ero già un cliente”, confida, in una breve pausa dal mettere la finale tocca alla sua collezione. “Ho sempre ammirato Moncler perché è così lussuoso, mi fa pensare alla natura, alla protezione, alla raffinatezza e all’attività.”

L’etichetta è stata fondata nel 1952 nella città alpina di Monestier-de Clermont, ma i riferimenti di Rocha sembrano ancora più indietro. “Ho ricercato le donne scalatrici del diciannovesimo secolo che scalavano le montagne con le sottovesti: pensavo che fosse così forte ma femminile”, riflette. Uno sguardo dalla collezione Moncler X Simone Rocha. La collezione comprende quelle giacche firmate ma con scia di volant, trambusto, maniche esagerate e gonne al paralume; perline “cresce fuori dalle cuciture” per riflettere il “muschio e fogliame che si innalza nelle fessure delle rocce”.

Quindi, dove immagina Rocha, potremmo indossare la sua intrepida interpretazione di Moncler? “Sono mezzo cinese, quindi stavo ricordando quando ho scalato la Grande Muraglia cinese, circa 15 anni fa. Era gelida”. Potrebbe essere il momento di fare come quei Vittoriani e fare una passeggiata.

Moncler e le prospettive di crescita

Gli analisti prevedono buone prospettive di crescita per Moncler nei prossimi due anni. Le previsioni di consenso di 18 analisti sono sostenute da utili per azione stimati a salire dagli attuali livelli di € 0,991 a € 1,401 nei prossimi tre anni. Ciò indica un tasso di crescita stimato degli utili dell’11,83% all’anno, in media, che indica un futuro solido nel breve termine.

MONC è scambiato a un rapporto prezzo / utili (PE) piuttosto elevato di 37,33x. Questo ci dice che Moncler è sopravvalutato rispetto al rapporto medio del mercato italiano di 19.34x, e sopravvalutato in base ai guadagni correnti rispetto alla media del settore del lusso di 27.31x. Sappiamo già che il MONC sembra essere sopravvalutato rispetto alla media del suo settore.

Tuttavia, dato che Moncler è percepito come un titolo ad alta crescita, dobbiamo anche tenere conto della sua crescita degli utili, che viene fotografata nel rapporto PEG. Un rapporto PE di 37,33x e una crescita degli utili anno su anno attesi dell’11,83% conferiscono a Moncler un rapporto PEG piuttosto elevato di 3,16x. Quindi, quando includiamo il fattore di crescita nella nostra analisi, Moncler appare sopravvalutato, in base ai suoi fondamentali.

L’attuale sopravvalutazione di MONC potrebbe segnalare una potenziale opportunità di vendita per ridurre la tua esposizione al titolo, o se sei un potenziale investitore, ora potrebbe non essere il momento giusto per comprare. Tuttavia, basare la tua decisione di investimento su una sola metrica non è certamente sufficiente. Ci sono molte cose che non ho preso in considerazione in questo articolo e il rapporto PEG è molto monodimensionale.

 

Moncler, prima di Genius la sede a Hong Kong

Prima del lancio del progetto Genius, Moncler aveva aperto una sede a Hong Kong lo scorso novembre. Per celebrare l’apertura, Moncler ha collocato oltre 10.000 figurine Moncler in diversi punti della città, di cui 350 modelli unici sono stati creati dallo street artist Craig Costello. Un modo bizzarro per attirare l’attenzione, segnala anche un voto di fiducia a Hong Kong, con la compagnia che di solito riservava campagne così complicate ai suoi mercati principali.

“Abbiamo aperto la nostra prima sede asiatica qui [a Hong Kong] ma questo è su un altro livello “, dice il CEO di Moncler, Remo Ruffini, che è volato per l’apertura del negozio ampio 540 metri quadrati. “Finalmente abbiamo uno spazio per spiegare alla gente il nostro marchio.” L’apertura del negozio di Canton Road testimonia l’attuale buona reputazione di Moncler, con entrate superiori a 1 miliardo di euro (1,18 miliardi di dollari) per la prima volta nel 2016 e in attesa di salta di nuovo quest’anno. Gran parte di questo successo spetta a Ruffini, 50 anni, un amministratore delegato e molti altri un direttore creativo in tutto tranne il nome.

Da quando è subentrato nel 2003, ha tracciato la rapida ascesa della società da un marchio di abbigliamento sportivo invernale storico ad un modernissimo concentrato di moda. Il fulcro della strategia di Ruffini ha reso i suoi piumini distintivi in tutto il mondo. “Vende anche qui a Hong Kong come in Canada”, dice, aggiungendo che l’azienda ha giocato con la tecnologia dei tessuti per realizzare giacche più leggere per climi più caldi.

Fondamentalmente, però, Ruffini mette il successo di Moncler a due cose. “Prima siamo piuttosto giovani, e [secondo] non scendiamo mai a compromessi”, dice. Fondato a Grenoble nel 1952, Moncler è diventato un marchio molto conosciuto nell’ultimo decennio: per molti consumatori è un nome nuovo nello spazio di lusso . L’azienda deve la sua popolarità agli acquirenti più giovani per il suo approccio innovativo alla moda, dopo aver abbracciato collaborazioni con designer streetwear e d’avanguardia 10 anni prima di molte altre etichette.

“Siamo stati tra i primi; abbiamo collaborato con Junya Watanabe e Balenciaga nel 2004 “, dice Ruffini. “Ora è molto alla moda, la maggior parte degli altri marchi ha iniziato a collaborare due anni fa. Per noi ha 15 anni di lavoro.” La lista dei collaboratori di Moncler comprende anche Mary Katrantzou, Sacai e Ami, e la società sta attualmente lavorando con la stilista Off-White Virgil Abloh e con il designer inglese Craig Green, che Ruffini descrive come “uno dei i pochi geni nell’abbigliamento maschile “.

Quello che accomuna designer come Green e Abloh è che producono vestiti che non sono esteriormente commerciali. Ruffini considera questa sorta di sperimentazione un’opportunità per rafforzare il marchio Moncler. “Sono molto concentrato sulla creazione di brand e non solo sulla vendita di giacche”, afferma, aggiungendo che questo atteggiamento spigoloso si nutre delle comunicazioni aziendali e della pubblicità artistica. Ruffini può dedicarsi alla creatività, ma non la pensa così. Il suo scopo è reso evidente dal fatto che nello stesso mese di novembre ha chiuso le linee di alta moda Gamme Bleu, disegnate da Thom Browne e quella Gamme Rouge, disegnate da Giambattista Valli. L’annuncio è stato una sorpresa per il mondo della moda, ma per Ruffini era la decisione logica.

“La moda è ora molto veloce e molto volatile. La strategia precedente aveva senso sette o otto anni fa, ma il mercato è cambiato molto da allora e vuole qualcosa di nuovo, qualcosa di digitale. Abbiamo qualcosa in mente che è molto vicino a questo “, dice, alludendo all’epoca a un grande annuncio che era previsto per febbraio. Come visto, il progetto Genius.

Moncler ha pensato anche ai cani

Moncler pensa anche alla salute dei nostri amici a 4 zampe. Già da diversi mesi, ha lanciato un piumino e un maglione per cani. Secondo la compagnia, la mini collezione è stata progettata per “permettere ai nostri amici a quattro zampe di seguirci sulla neve o nei climi più rigidi, stare al caldo e protetti senza limitare il loro movimento in alcun modo.”

Le giacche sono disponibili in due stili adatti al cane, un maglione lavorato a maglia jacquard e il classico piumino di nylon di Moncler, entrambi progettati per cani di piccola e media taglia. Le giacche vanno da $ 370 a $ 450 e sono disponibili nei negozi Moncler e online.

Moncler chi è

Moncler è un marchio italiano di abbigliamento e lifestyle fondato nel 1952 da René Ramillon, noto per i suoi piumini e abbigliamento sportivo. Moncler ha preso il nome dall’abbreviazione di Monestier-de-Clermont, una città alpina nei pressi di Grenoble, in Francia. Nel 2003, il marchio è stato acquistato dall’imprenditore italiano Remo Ruffini. La sede principale di Moncler si trova in Rue du Faubourg Saint-Honoré a Parigi.

All’inizio, Moncler produceva sacchi a pelo trapuntati, un modello unico di cagoule foderato e tende con struttura telescopica e copertura esterna. Le prime giacche trapuntate sono state concepite per proteggere gli operai dal freddo. Hanno usato le giacche sopra la loro tuta nel piccolo stabilimento di montagna. Il primo a notarli e realizzare il loro potenziale è stato l’alpinista francese Lionel Terray. Il risultato ha visto la gamma specialistica “Moncler pour Lionel Terray”: giacche trapuntate, salopette, guanti, sacchi a pelo ad alta resistenza e protezione estrema che li rendono adatti ai climi più rigidi. Tutti furono messi alla prova nel corso delle spedizioni e furono gradualmente migliorati.

Nel 1954, le giacche imbottite di Moncler furono scelte per equipaggiare la spedizione italiana al Karakorum, che culminò con la conquista della seconda vetta più alta della terra da parte di Achille Compagnoni e Lino Lacedelli. Moncler ha anche accompagnato la spedizione francese che ha raggiunto la vetta del Makalù nel 1995 ed è stato il fornitore ufficiale per le spedizioni in Alaska organizzato da Lionel Terray nel 1964. In occasione delle Olimpiadi invernali di Grenoble, Moncler è diventato il fornitore ufficiale della nazionale francese di sci alpino. Fu un evento speciale che segnò anche il cambiamento del logo: il monte Eguit, che si innalza dietro il villaggio, fu sostituito dal galletto.

È stata la squadra nazionale francese di sci alpino a richiedere una variazione sulla giacca trapuntata: non era più la versione doppia, ma un capo unico più maneggevole, leggero e adatto alle esigenze della competizione. Inizialmente chiamato “Huascaran” e poi “Nepal”, con l’aggiunta di spalline in pelle per appoggiare gli sci senza danneggiare il tessuto, questa versione più flessibile e comoda della giacca è stata a tutti gli effetti il precursore dell’attuale giacca Moncler e ha annunciato il suo successo. Chantal Thomass, un designer che ha lavorato con la società fino al 1989, ha rivisto l’aspetto della giacca trapuntata e ha sostituito la zip con bottoni e rifiniture in pelliccia, raso e tessuti reversibili.

Nel 2003, Moncler è stata come detto acquistato dall’imprenditore italiano Remo Ruffini, attuale presidente e direttore creativo, che avrebbe introdotto la strategia della giacca trapuntata globale. L’IPO di Moncler alla Borsa di Milano ha avuto luogo il 16 dicembre 2013, con un valore iniziale di € 10,20. per azione.

Le azioni sono state sovraprezzate 31 volte e sono aumentate del 47% il primo giorno, con una capitalizzazione di mercato di quasi 4 miliardi di euro. Moncler ha ingaggiato la fotografa delle celebrità Annie Leibovitz nell’agosto 2013 per girare una campagna pubblicitaria.

Moncler e la lotta alla contraffazione

Moncler ha avuto, come accade a tutti i noti marchi, importanti problemi con i prodotti contraffatti. Ci sono stati un numero di incidenti in cui le giacche Moncler contraffatte sono vendute online attraverso siti Web falsi. Moncler ha istituito un sistema di verifica del codice online, per verificare la convalida del prodotto. I blog di moda online stanno aiutando i clienti online a vedere le differenze tra le giacche Moncler reali e la versione contraffatta.

Remo Ruffini chi è

Chi è Remo Ruffini che ha rilevato Moncler nel 2003? Remo Ruffini è un uomo d’affari miliardario italiano. Attuale presidente, amministratore delegato e proprietario per il 20% del marchio di moda Moncler.

Nato nel 1961 a Como, Ruffini proviene da una famiglia borghese, i suoi genitori avevano ciascuno una piccola azienda tessile. All’età di 14 anni, il giovane Remo indossava un Moncler, e oggi dice di non aver mai pensato di celebrare il 60° anniversario della compagnia come capo. L’italiano – come tanti imprenditori di successo che abbandonano la scuola – comprò Moncler dopo aver costruito e venduto un piccolo marchio di abbigliamento.

Il marchio con il gallo e i colori nazionali francesi nel logo ha poi ottenuto il 90% delle vendite in Italia, ma era altrimenti addormentato e quindi economico da ottenere. Ciò che Ruffini ha poi preso con l’etichetta è un ottimo esempio di marketing di grande successo.

Nel 1984 è tornato in Italia e ha fondato il suo marchio, la New England Company, che è stata venduta nel 2000.

Ruffini ha iniziato la sua carriera negli Stati Uniti, lavorando per l’omonima società di abbigliamento di suo padre, Gianfranco Ruffini. Nel 1999, Ruffini è diventato direttore creativo di Moncler, e pochi anni dopo ha acquistato l’azienda per “una cifra non divulgata”.

Ruffini ha introdotto nuovi colori e design a Moncler e ha collaborato con il Gruppo Carlyle per espandersi a livello internazionale.

Remo Ruffini ha trasformato una società di abbigliamento sportivo di lusso, quasi in bancarotta, Moncler, portando la società al pubblico nel 2013 in una delle più grandi IPO italiane di sempre. Attualmente è sposato, ha due figli e vive a Como.

Anche nel 2003, il fatturato di Moncler è stato di un modesto 45 milioni di euro, nel 2013 invece è stato di 570 milioni. In dieci anni, l’azienda ha aumentato il proprio fatturato di oltre dieci volte, ma solo il 25% delle vendite è realizzato in Italia, un terzo di esso è realizzato in Asia, un altro terzo nel resto d’Europa.

Moncler ha rinunciato a una produzione in Estremo Oriente e favorisce invece le fabbriche in Francia, Italia, Bulgaria e Romania. Qual è stata la ricetta per il successo? Innanzitutto, Ruffini ha recuperato il piumino dai negozi sportivi nei propri negozi monomarca, assicurando così il controllo della distribuzione. La giacca è ancora disponibile in altri negozi, ma la proporzione dei suoi 122 negozi in tutto il mondo aumenta di giorno in giorno.

Per questo motivo, come dice l’imprenditore italiano, “i filtri sono stati eliminati”. Per così dire: Moncler trova un modo diretto per la clientela, la sovranità sull’immagine del marchio risiede nella società. Eppure non è necessario finanziare i margini dei concessionari. Questo si adatta perfettamente con Ruffini che è conosciuto come perfezionista e maniaco del controllo tra i compagni.

Secondo elemento di successo è il posizionamento dei prodotti nel segmento di lusso. Moncler non è mai stato un marchio economico, ma oggi un giubbotto trapuntato costa già 740 franchi. Giacche e cappotti delle migliori linee Gamme Bleu e Gamme Rouge vanno dai 2000 franchi ai 3000 franchi e anche più al banco. Stelle come l’attrice Liz Hurley e il rapper Kanye West si lasciano fotografare nelle giacche Moncler, e in particolare le giacche lucenti sono copiate in tutto il mondo.

Dato che la storia sta andando così bene, Ruffini ha ampliato le sue collezioni. Oggi, oltre alle classiche giacche invernali, ci sono tutti i tipi di cose nella zona di prêt-à-porter, anche borse, valigie o occhiali da sole. Il tre volte vincitore del Grammy Award Pharrell Williams, musicista e cantautore, ha disegnato nel 2013 una collezione di occhiali come designer ospite. Il 16 dicembre 2013 Moncler ha avuto un IPO alla Borsa di Milano con un valore iniziale di 10,20 euro per azione. Le azioni sono state sottoscritte in eccesso per 31 volte, il che ha reso la società valutata per oltre 2 miliardi di euro.

Moncler tra i simboli dei “paninari”

Moncler divenne negli anni ‘80 dei marchi preferiti dai cosiddetti “paninari”. Giovani italiani apolitici orientati al consumatore, interessati alla moda, alla musica e alle tendenze degli Stati Uniti. Emblema di un decennio che ripudiava le ideologie, ormai ritenute vecchie e stantie. La sottocultura aveva il suo centro a Milano. Spesso erano bambini viziati di genitori ricchi, frequentavano una scuola privata – e indossavano in inverno accanto agli occhiali da sole Ray-Ban obbligatorio un piumino di Moncler. Ovviamente c’erano altri piumini, ma per la cosciente attendente al marchio Jeunesse Dorée, Moncler era quello che dovevi avere.

Sempre in quegli anni, Chantal Thomass, designer che ha lavorato con l’azienda fino al 1989, ha rivisto l’aspetto della giacca trapuntata e ha sostituito la cerniera con bottoni e rifiniture in pelliccia, raso e reversibili.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY