Modello 770/2017: possibilità di proroga al 30 settembre 2017?

Dopo l’unificazione del Modello 770 Ordinario e Modello 770 Semplificato in quello Unificato previsto per l’anno di imposta 2016, spunta la possibilità che via sia una proroga per la presentazione al 30 settembre 2017, in luogo della scadenza fissata per il prossimo 31 luglio 2017.

Il Modello 770 è una dichiarazione dei redditi da parte dei sostituti di imposta, ossia dei datori di lavoro (o Amministrazioni pubbliche) che per legge sono tenuti a sostituire il contribuente nei rapporti con l’Amministrazione fiscale, operando la trattenuta e ritenuta relativamente a compensi, retribuzioni, pensioni.

I sostituti di imposta sono obbligati a comunicare alla stessa Amministrazione tributaria, mediante una dichiarazione reddituale che abbia periodicità annuale, i dati relativi alle ritenute operate. Vediamo meglio di capire in questa guida quali sono le novità apportate al nuovo Modello 770/2017, cosa ha sostituito e se vi è la possibilità concreta di una reale proroga.

Sommario

Modello 770/2017: novità per il periodo di imposta 2016

Il Modello 770/2017 dall’anno di imposta 2016 è stato unificato ed è venuto a surrogare i precedenti modelli 770 Semplificato e 770 Ordinario: tale dichiarazione reddituale deve essere utilizzata dai sostituti d’imposta e dalle Amministrazioni pubbliche per comunicare i dati e tutte le informazioni relative alle ritenute operate su dividendi, su redditi di capitale, proventi da partecipazione o ogni altra operazione di natura finanziaria che abbia rilevanza dal punto di vista tributario.

Il Modello 770/2017 deve essere compilato anche per comunicare tutti i dati concernenti le compensazioni operate, per l’indicazione dei crediti d’imposta utilizzati e per comunicare i dati relativi alle somme oggetto di liquidazione a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Chi è tenuto a presentare il Modello 770/2017: istruzioni operative

Con Provvedimento del 2 maggio 2017 sono state recepite le istruzioni operative per procedere con la compilazione del Modello 770/2017, fornendo un quadro utile che dettagli ai soggetti obbligati a procedere con la presentazione del Modello 770/2017.

Sono tenuti a presentare la dichiarazione Modello 770/2017 tali soggetti ascrivibili alle categorie seguenti:

  • le società di capitali (società per azioni, in accomandita per azioni, a responsabilità limitata, cooperative e di mutua assicurazione);
  • gli enti commerciali equiparati alle società di capitali (enti pubblici e privati che hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali);
  • gli enti non commerciali (enti pubblici, tra i quali sono compresi anche regioni, province, comuni, e privati non aventi per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali);
  • le associazioni non riconosciute, i consorzi, le aziende speciali istituite;
  • le società e gli enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato;
  • i Trust;
  • i condomìni;
  • le società di persone (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice);
  • le società di armamento;
  • le società di fatto o irregolari;
  • le società o le associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni;
  • le aziende coniugali, se l’attività è esercitata in società fra coniugi;
  • i gruppi europei d’interesse economico (GEIE);
  • le persone fisiche che esercitano imprese commerciali o imprese agricole; • le persone fisiche che esercitano arti e professioni;
  • le amministrazioni dello Stato che operano le ritenute ai sensi dell’art. 29 del D.P.R. n. 600/73;
  • i curatori fallimentari, i commissari liquidatori, gli eredi che non proseguono l’attività del sostituto d’imposta estinto.

Cosa indicare nel Modello 770/2017

Per quanto concerne i contenuti da indicare nel Modello 770/2017, occorre fare riferimento alla composizione ed alla struttura dello stesso.

Il Frontespizio del Modello 770/2017 contiene l’informativa ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 ed i seguenti riquadri quali: tipo di dichiarazione, dati relativi al sostituto, dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione, firma della dichiarazione, impegno alla presentazione telematica e visto di conformità.

Oltre a questi, devono essere compilati i Quadri staccati:

  • Quadro SF relativo ai redditi di capitale, ai compensi per avviamento commerciale e ai contributi degli enti pubblici e privati;
  • Quadro SG relativo alle somme derivanti da riscatto di assicurazione sulla vita e capitali corrisposti in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita o di capitalizzazione nonché rendimenti delle prestazioni pensionistiche erogate in forma periodica e delle rendite vitalizie con funzione previdenziale;
  • Quadro SH relativo ai redditi di capitale, ai premi e alle vincite, ai proventi delle accettazioni bancarie, nonché ai proventi derivanti da depositi a garanzia di finanziamenti;
  • Quadro SI relativo al riepilogo degli utili e dei proventi equiparati pagati nell’anno 2016;
  • Quadro SK relativo alla comunicazione degli utili ed altri proventi equiparati corrisposti da soggetti residenti e non residenti;
  • Quadro SL relativo ai proventi derivanti dalla partecipazione ad OICR (Organismi di investimento collettivo del risparmio) di diritto italiano ed estero, soggetti a ritenuta a titolo di acconto;
  • Quadro SM relativo ai proventi derivanti dalla partecipazione OICR (Organismi di investimento collettivo del risparmio) di diritto italiano ed estero, soggetti a ritenuta a titolo d’imposta;
  • Quadro SO relativo alle comunicazioni che devono essere effettuate dagli intermediari e dagli altri soggetti che intervengono in operazioni che possono generare plusvalenze;
  • Quadro SP relativo alle ritenute operate sui titoli atipici;
  • Quadro SQ relativo ai dati dei versamenti dell’imposta sostitutiva applicata sui proventi dei titoli obbligazionari di cui al D.Lgs. n. 239 del 1996, Come presentare il Modello 770/2017;
  • Quadro SS relativo ai dati riassuntivi concernenti quelli riportati nei diversi quadri del modello di dichiarazione;
  • Quadro DI relativo all’eventuale credito derivante dal maggiore credito risultante dalle dichiarazioni oggetto di integrazione a favore;
  • Quadro ST concernente le ritenute operate, le trattenute per assistenza fiscale, le imposte sostitutive effettuate;
  • Quadro SV relativo alle trattenute di addizionali comunali all’IRPEF e alle trattenute per assistenza fiscale, nonché i relativi versamenti;
  • Quadro SX relativo al riepilogo dei crediti e delle compensazioni effettuate ai sensi del D.P.R. n. 455 del 1997;
  • Quadro SY relativo a somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e ritenute da articolo 25 del decreto legge n. 78 del 2010. Il presente prospetto deve essere altresì utilizzato per l’indicazione delle somme corrisposte ai percipienti esteri privi di codice fiscale.

Quando presentare il Modello 770/2017: spunta la proroga

La scadenza fissata per il corrente anno per procedere con la presentazione del Modello 770/2017 è il 31 luglio 2017. Tuttavia, sembrerebbe che vi sia la reale possibilità di prorogare la scadenza della presentazione del Modello 770/2017 al 30 settembre 2017.

Come procedere con la presentazione del Modello 770?

La dichiarazione dei sostituti d’imposta, Modello 770/2017, deve essere presentata esclusivamente per via telematica: direttamente dal sostituto di imposta; tramite un intermediario professionista abilitato; tramite altri soggetti incaricati (per le Amministrazioni pubbliche); tramite società facenti parte del gruppo aziendale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY