Modello 730 precompilato, on line per 30 milioni di contribuenti

Il 730 precompilato è arrivato on line. Dal 15 aprile 2016 tutti i titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati o di pensione hanno a disposizione sul sito dell’Agenzia delle Entrate un modello 730 precompilato per la dichiarazione dei redditi. Poco più di due settimane di tempo per prendere confidenza con il nuovo strumento fiscale e apportare eventuali modifiche, e dal 2 maggio si potrà procedere all’invio.
Per i contribuenti, 30 milioni quelli interessati secondo i calcoli dell’Agenzia delle Entrate, una notevole semplificazione e soprattutto, se il modello viene accettato così come predisposto dal Fisco, una garanzia per mettersi al riparo da eventuali controlli documentali, senza quindi la necessità di accumulare e conservare molte fatture e scontrini. Saranno esentati dai controlli anche coloro che inviano il modello precompilato tramite Caf, mentre il beneficio non si estende a chi si rivolge a professionisti.
Tra i 30 milioni di cittadini interessati alla dichiarazione dei redditi precompilata dal Fisco, rientrano anche 10 milioni di contribuenti che abitualmente fanno uso del modello Unico persone fisiche, e che adesso potranno optare per quello più adatto alle proprie caratteristiche, come da indicazioni dello stesso sito dell’Agenzia.

Fisco, si allarga la banca dati sulle spese degli italiani

730 precompilatoPer il Fisco, o per lo meno per i server dell’Agenzia delle Entrate e di Sogei, la predisposizione del modello 730 precompilato ha comportato un grande sforzo organizzativo con la raccolta di circa 700 milioni di informazioni aggiuntive rispetto agli anni precedenti, con le voci di spesa più frequentemente riportate nelle dichiarazioni dei redditi, per un controvalore complessivo di oltre 50 miliardi di euro.
In primo luogo sono entrati nei server i dati riguardanti le spese sanitarie degli italiani, al netto dei farmaci da banco, sulle quali sono stati raccolti 520 milioni di nuovi dati per un valore di quasi 15 miliardi di euro. A seguire, i bonus per ristrutturazioni e riqualificazione energetica, per i quali gli italiani hanno speso in totale 27,2 miliardi: in totale sono giunte al Fisco 7,4 milioni di comunicazioni di avvenuto bonifico. Notevoli anche le spese degli italiani per la previdenza complementare, che ammontano a oltre 4,7 miliardi di euro e riguardano ben 3,6 milioni di cittadini, mentre per l’istruzione universitaria le comunicazioni di avvenuta spesa per il 2015 ammontano ad appena 2,4 miliardi di euro: meno dei 3 miliardi destinati alle spese funebri.

Modello 730 precompilato on line: come accedere e avere assistenza

Accedere al proprio modello precompilato di dichiarazione dei redditi è piuttosto semplice, grazie alla possibilità di scegliere tra una varietà di chiavi di accesso al sito dell’Agenzia delle Entrate. Si può inserire il codice Pin per i servizi telematici dell’Agenzia, richiedibile attraverso il sito, le agenzie territoriali o la nuova App “AgenziaEntrate” per tablet e smartphone, oppure si possono utilizzare il codice Pin dell’Inps, il sistema NoiPA per i dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni aderenti, oppure il nuovo Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che unifica le credenziali on line per tutti i servizi pubblici e per quelli privati aderenti. In alternativa, si può sempre delegare un Caf o i professionisti abilitati.sito Agenzia delle EntrateUna volta aperte le porte dell’area di autenticazione del sito, il gioco è fatto e sarà facile scegliere il modello precompilato più consono alle proprie caratteristiche, con un promemoria sempre disponibile rispetto alle informazioni e ai dati ancora da inserire in dichiarazione.
Per chi dovesse riscontrare difficoltà nella procedura di accesso, modifica o invio della dichiarazione dei redditi precompilata, l’Agenzia delle Entrate ha predisposto diversi canali di assistenza, compreso un video tutorial on line che illustra tutti i passaggi da compiere passo dopo passo, una pagina Facebook e un canale Twitter che ospiterà sessioni aperte con i funzionari dell’Agenzia, e il tour di un ufficio mobile in camper, che a partire dal 2 maggio e per due mesi calcherà le strade di tutte le regioni d’Italia.