Milano: Reddito maternità di 150 euro al mese per i nati da gennaio

Il Comune di Milano a partire dall’inizio del prossimo anno, stanzierà il reddito di maternità di 150 euro al mese alle famiglie dei bambini nati dal 1 gennaio 2017. Saranno 1.800 i nuclei familiari a cui spetterà il contributo, in quanto in base all’Isee dispongono di un reddito inferiore ai 17 mila euro.

neonato

Buoni spesa

L’Assessore alle Politiche Sociali, Pierfrancesco Majorino, ha spiegato che il contributo non verrà erogato sotto forma di denaro, ma in buoni acquisto o tramite una carta prepagata con la quale poter acquistare beni per la prima infanzia, presso una rete di supermercati e negozi convenzionati con il Comune di Milano o da spendere in servizi legati all’assistenza al bambino come ad esempio in baby sitter sempre selezionate dal Comune.

Contributo di 300 euro

È già in corso in via sperimentale il contributo da 300 euro per alcune famiglie selezionate dal Caf, tra quelle che nel mese di settembre hanno presentato la domanda per ottenere l’assegno di maternità dall’Inps, ma con il nuovo anno la misura di sostegno dovrebbe andare a regime.

Pacchi dono

Partirà a breve a Milano anche un’altra iniziativa, per ogni bambino nato dal 15 dicembre le famiglie riceveranno una lettera dal Comune, con la quale vengono invitate a recarsi presso le farmacie Lloyds per ritirare il pacco dono. Il regalo sarà costituito da generi di prima necessità quali ad esempio: pannolini, bagnoschiuma, una tutina e prodotti per l’allattamento. La scatola dono, ha spiegato Majorino, è a costo zero per il Comune dato che i prodotti sono forniti da aziende partner quali Chicco, Fissan, OVS e Huggies. La scatola conterrà inoltre un prontuario per i neo-genitori ed un libro di favole dal titolo: Da grande voglio essere me stesso/a per insegnare ai bambini ed ai genitori ad apprezzare la diversità.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here