Migliori investimenti del 2018: quali sono?

Quali sono i migliori investimenti del 2018? Dove conviene investire nel 2018? Lo vediamo in questo articolo. Orientarsi nella giungla delle possibilità di investimento non è facile e in questa sede cercheremo di fornire una esaustiva guida sui migliori investimenti 2018 e dove conviene investire nel 2018.

Del resto, in tanti sono colti dalla cosiddetta paralisi dell’analisi. Per usare un gergo anglosassone in voga nel mondo della finanza (paralysis by analysis). Cosa vuol dire? Che mentre sei a conoscenza della miriade di opzioni di investimento disponibili, il numero di possibilità è enorme. E così passi così tanto tempo ad analizzare le tue opzioni che finisci per rimandare e mai investire affatto. E alla fine, il denaro extra da te messo a disposizione viene consumato da fatture o spese impreviste.

Dunque, se vuoi assicurarti che i tuoi soldi extra non scompaiano, devi investire subito. Una certa quantità di analisi va bene se ti aiuta a trovare le giuste opzioni di investimento per i tuoi obiettivi, ma devi comunque agire in fretta.

Ed allora, vediamo quali sono i modi migliori per investire nel 2018.

Come investire nel 2018, il mercato delle azioni

Mentre “investire nel mercato azionario” è uno dei consigli più basilari che tu abbia sicuramente letto, è anche vero che mentre tutti sanno che gli investimenti nel mercato azionario hanno storicamente ripagato, ci sono troppe persone che non si fidano dei mercati finanziari e scelgono di starsene ai margini.

Poi ci sono persone che pensano che il mercato azionario sia così sopravvalutato ora che sarebbero impazziti nell’investirci. Bada bene: nessuno ti sta dicendo di versare ogni centesimo che hai in più nelle azioni.

Invece, il suggerimento è quello di investire piccole somme di denaro nel tempo usando un metodo chiamato “calcolo del costo del dollaro”. La media del costo del dollaro ci impone di investire il nostro denaro in investimenti per un periodo di tempo qualsiasi. Potrebbero essere 12 mesi o 18 mesi. Ma anche 5 anni.

David Henderson, consulente finanziario di Jenkins Wealth, spiega come funziona la mediazione del dollaro: “Quando il mercato è alto, comprate meno azioni e quando il mercato è basso comprate più azioni” . Ciò significa che, nel tempo, si avrà un prezzo medio delle azioni inferiore utilizzando questo metodo. Ovviamente, è facile capire perché ciò sarebbe vantaggioso.

Ora che abbiamo parlato dell’importanza di investire nel mercato azionario, parliamo esattamente di dove investire i tuoi soldi. Quali sono i migliori strumenti e veicoli che possiamo usare? Questa è un’altra situazione in cui le opzioni sono schiaccianti. Tuttavia, in genere suggerisco che le persone si tuffino nei fondi comuni di investimento o negli ETF. Se disponi di un consulente finanziario che lavora per tuo conto, potrebbe essere in grado di distinguere i fondi comuni di investimento gestiti attivamente e ben gestiti, da quelli che non lo fanno.

Altrimenti, puoi investire in fondi indicizzati, che non sono gestiti attivamente ma hanno una lunga storia di solidi rendimenti. Se hai già un account di intermediazione, potresti voler mantenerlo. Altrimenti, dovrai trovare un nuovo posto per aiutarti ad investire i tuoi fondi.

Una società interessante è Betterment. Con Betterment, i tuoi soldi possono essere investiti in ETF e non richiedono una commissione per la gestione. Inoltre, scelgono gli ETF in cui investi in base alla tua propensione al rischio, agli obiettivi di investimento e ad altri fattori. Che cosa significa? Ciò significa che puoi investire i tuoi sudati guadagni, quindi sederti e goderti i rendimenti e fargli fare il duro lavoro.

Se vuoi avere più controllo sui tuoi investimenti, esistono società di brokeraggio online come Ally Financial, TD Ameritrade ed E-Trade. Le quali agevolano la gestione di tariffe basse e piattaforme facili da utilizzare. Inoltre, ci sono una moltitudine di altri “robo-advisor” tra cui scegliere.

Il miglior modo per investire nelle azioni restano comunque i CFD, i Contratti per differenza, che consentono di puntare sia al rialzo che al ribasso su tanti asset. Col vantaggio di speculare su di essi senza possederli direttamente.

Per il trading sulle azioni, così come su ogni altro asset, consigliamo di affidarvi a Broker con regolare licenza. Il che vi mette a riparo da truffe. Inoltre, di fare molta pratica tramite il Conto demo, così da spratichirvi senza mettere a repentaglio i vostri soldi reali. L’importante è non prenderlo come un gioco rischiando di non imparare nulla da esso.

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Dove investire nel 2018, i prestiti peer-to-peer

Un secondo metodo per mettere da parte un po’ di denaro in eccesso quest’anno è nelle cosiddette piattaforme di prestito peer-to-peer come il Lending Club e Prosper. Con queste aziende, sei in grado di prestare denaro alle persone in piccoli incrementi come se fossi tu la banca. La parte migliore è che puoi ottenere un tasso di rendimento abbastanza decente, solitamente al rialzo del 6% o più.

Come investitore nel prestito peer-to-peer, stai investendo in altre persone e nei loro obiettivi. È importante sapere che non presti denaro a persone che non conosci fino grandi somme. Invece, il denaro che investi è diviso in incrementi fino a 25 $ su centinaia o addirittura migliaia di prestiti.

Il prestito peer-to-peer, sebbene ancora poco conosciuto in Italia, è una valida alternativa al mercato azionario per diversi motivi. Innanzitutto, queste aziende rendono facile registrarsi e iniziare. In secondo luogo, il tasso di rendimento può variare dal 5 al 7% per prestiti più sicuri e ancora di più per i prestiti più rischiosi. Ultimo ma non meno importante, in genere puoi aprire un nuovo account con un minimo di $ 1.000.

Migliori investimenti 2018, il mercato immobiliare

Il mercato immobiliare è da considerarsi un classico che torna di moda. Dopo la crisi del 2007 i prezzi sono crollati e questo genere di investimento ha perso appeal. Ma da un paio di anni sembra esserci una inversione di tendenza. Il vero segreto per investire in immobili è, come in tutti gli altri campi, saperlo fare. Un investimento immobiliare sicuro e profittevole è sempre possibile, a prescindere dall’andamento della situazione economica del paese e dei trend di settore.

L’investitore deve saper generare reddito con gli immobili e capire le esigenze di mercato.

Ciò dipende da alcuni fattori fondamentali,ome la scelta della zona giusta e l’acquisto a un prezzo inferiore alla media. Le statistiche sembrano dirci che l’immobile sia un bene in cui conviene sempre investire e con cui è possibile trarre un vantaggio, anche con la crisi.

Bisogna conoscere tutte le “regole del gioco” per non commettere errori e mandare così a ramengo la possibilità di trarre un profitto. O, peggio, perdere una parte consistente, se non tutto, del proprio capitale.

Dunque, conviene ancora investire in immobili? Tutto sommato sì. Sia perché l’investimento immobiliare si basa su un bene sempre richiesto, sia per il motivo che alcuni dati attuali di mercato “negativi” si muovono in favore di chi intende investire.

Tre motivi per cui nel 2018 conviene investire in immobili:

I prezzi delle case si stanno ancora mantenendo bassi

Dalla crisi del 2007 in poi è possibile comprare un immobile a un costo molto più contenuto rispetto ad alcuni anni fa. Quindi il vantaggio che si trae è quello di pagare un prezzo conveniente sull’immobile su cui si intende investire.

Inoltre, la presenza di un mercato con prezzi molto bassi spinge a una maggiore propensione all’acquisto: i potenziali compratori del tuo immobile saranno più inclini ad acquistare perché percepiscono il costo come “un’occasione da non perdere”.

Sono segnali di “crisi” che un esperto di investimenti immobiliari deve trasformare in “opportunità”. Certo, occorrono anni ed anni di esperienza per conoscere approfonditamente il settore e saper applicare le strategie più efficaci in ogni contesto.

I tassi sui mutui sono ai minimi storici

Ciò per l’investitore diventa un doppio vantaggio: da un lato consente di ottenere un mutuo a condizioni favorevoli e dall’altro consente anche al tuo potenziale acquirente di poter godere delle stesse agevolazioni.

Il mercato immobiliare è in ripresa

La tendenza è partita timidamente nel 2014 e si fa è fatta man mano sempre più evidente.

Ciò diventa una conferma del sintomo di rinnovata fiducia degli italiani nel mattone. Inoltre, più di metà delle compravendite avviene nel settore residenziale.

Dopo il lungo declino durato circa un decennio, quindi, possiamo finalmente parlare di un miglioramento del mercato immobiliare.

Insomma, pare proprio che l’immobile sia da sempre uno dei migliori investimenti e continuerà ad esserlo. E anche in caso di “choc” del mercato come quello post-2007, riesce sempre a risollevarsi nel giro di qualche anno. Basta avere fiducia e pazienza. Il mattone ripaga sempre. Oltretutto, non bisogna ritenere che la zona migliore sia il centro città. Spesso anche la periferia paga bene, anzi negli ultimi anni sembra che la seconda abbia superato la prima.

Ciò in quanto molti preferiscono “scappare” dal caos del centro e perché sovente le periferie sono oggetto di piani di riqualifica e cambiamento. E’ quanto ad esempio sta avvenendo a Londra, dove il centro ormai è diventato una vetrina turistica, mentre molte zone periferiche, dopo anni di cattiva reputazione, sono in grande spolvero.

Migliori investimenti 2018, investire in se stessi

Sembra una banalità, ma investire in se stessi risulta sempre essere un ottimo investimento. Ci sono un sacco di modi per investire in te stesso che non costano un sacco di soldi. Uno dei modi migliori per migliorare te stesso potrebbe essere leggere un sacco di libri. Secondo Morgan Ranstrom, pianificatore finanziario di Minneapolis, leggere da tre a cinque libri sulle strategie di finanza personale di successo o sulle capacità di leadership ti renderà assolutamente più intelligente nel giro di pochi mesi.

Se hai più tempo, potresti leggere anche di più. Se non sei sicuro di cosa leggere, potresti anche prendere in considerazione l’iscrizione a Leaderbox, un servizio di abbonamento mensile che include libri e strategie di leadership curate da Michael Hyatt, un Guru nelle strategie di leadership. In questo caso, però, occorre conoscere l’inglese essendo la piattaforma in lingua. Ma di sicuro, farlo ci porterà ad avere un’arma in più rispetto ad altri italiani restii alla lingua straniera.

È stato affermato che i CEO delle grandi aziende leggono in media 60 libri all’anno. Questi ragazzi e ragazze gestiscono imprese per milioni o miliardi e possono ancora leggere 60 libri all’anno. Immagina quanto siano impegnati. Ora, chiediti quanto sei impegnato.

Se ti dedichi a leggere solo un libro al mese – dunque 12 libri all’anno – ti prometto che resterai stupito dai risultati.

Certo, leggere non è l’unico modo per investire in te stesso. Un altro investimento che puoi fare in te stesso è nei corsi o investire in materiale che puoi imparare da altre persone.

Oltre a leggere libri, è possibile anche seguire dei corsi di formazione. Ci sono quelli di enti di formazione appositi, quelli forniti dai Broker, o quelli fruibili su Youtube. Questi ultimi possono essere molto interessanti, sebbene il rischio è di ritrovarsi a perdere tempo con dei video molto accattivanti per il montaggio da parte del bravo autore, ma che magari poi non lasciano niente di concreto.

I corsi di formazione da parte di enti mettono invece a rischio bidone. In quanto si pagano centinaia di euro ma poi si rischia di non imparare nulla. Più interessante invece la seconda opzione, quella del materiale informativo offerto dai Broker.

Broker con regolare licenza da parte delle autorità preposte al controllo sui mercati finanziari, offrono vario materiale informativo: ebook, corsi on demand, corsi e-learning, webinar, corsi dal vivo. Il broker ha tutto l’interesse affinché noi impariamo. Dato che trae un guadagno dalle commissioni e dallo spread. Quindi non gli converrebbe avere degli utenti iscritti impreparati, che appunto non guadagnano.

Un altro modo per investire in se stessi è assumere un coach personale. Pagare cioè un consulente che segua le tue operazioni finanziarie, ti dia dei suggerimenti. Proprio come fa un personal coach nel fitness.

Infine, si potrebbe pensare di iscriversi ad un corso di laurea se si è diplomati, o ad un master se si ha già una laurea. Oggi esistono molti corso online, adatti a chi non ha tempo di recarsi in una sede fisica per seguire i corsi.

A prescindere dal modo in cui si è deciso di investire in se stessi, amiamo sempre ricordare che la formazione è qualcosa di molto importante prima di decidere di operare nel mondo finanziario.

Migliori investimenti 2018, le tante bolle

Se non si segue molto la borsa, probabilmente bisognerebbe sapere che quasi tutti i settori sono caratterizzati da una bolla: azioni, finanziarie per prestiti auto, criptovalute, debiti societari, proprietà immobiliari, debiti studenteschi, debiti con carta di credito. Il che è un effetto della crisi del 2007 e della successiva ripresa. Il precedente risale al 2004, tre anni prima l’esplosione della Grande Recessione

Certo, nessuno sa se la prossima crisi accadrà domani o tra cinque anni. Ci sono segni però che la bolla stia già per vacillare. Il modo migliore per difendersi da questi rischi è quello di non eguire la mandria. La cosa non finisce bene. Certo, non si vuole dire di allontanarsi dal mercato e starsene in trincea. Anzi. Solo che bisogna capire quali sono gli asset che potrebbero risalire nei prossimi anni mentre gli altri crollano. Come le risorse naturali e le materie prime.

Migliori investimenti 2018, le materie prime

Le materie prime e le risorse naturali rappresentano una grande opportunità di investimento nei prossimi 3-5 anni. Puoi approfittare di questa opportunità utilizzando una delle più potenti strategie di investimento, chiamata in gergo anglosassone mean reversion. L’inversione media indica che una risorsa tornerà al suo prezzo medio nel tempo. La ricerca accademica mostra prove significative che ciò è vero in tutti i decenni di trading.

In generale, la maggior parte degli investitori sa che i prezzi non salgono per sempre. Lo stesso principio funziona a prezzi inversi che non cadono per sempre. Per inserire ciò nel nostro attuale contesto di mercato, ci sono due forze al lavoro: hai la “bolla di tutto” in cui i prezzi sono saliti da anni, e hai i beni “a buon mercato e snobbati” che sono in calo da anni.

Le attività a buon mercato e snobbate sono quelle in cui il profitto è fatto in quanto tali beni “tornano indietro” sui prezzi medi. Gli investitori che stanno comprando i beni in bolla finanziaria sono destinati a grandi perdite nei prossimi anni perché le attività “torneranno”anche esse al loro prezzo medio.

Sono tanti i casi di bolle finanziarie del passato: quella dei tulipani, dei dot-com, quella immobiliare. E sebbene le persone tendano ad acquistare nei settori che stanno andando bene, quindi pagando molto col rischio di ritrovarsi con meno nelle mani, investire con successo significa acquisti a prezzi bassi e vendite a prezzi altissimi.

Ma dove conviene dunque investire per salvarsi dalle bolle?

Prodotti agricoli

Un recente titolo di Bloomberg recitava “I redditi delle aziende agricole americane hanno toccato il minimo da 12 anni.” Secondo l’USDA, i profitti delle aziende agricole sono al loro punto più basso dal 2006. Quattro anni di colture eccezionali hanno sovraffollato il mercato. Ma la popolazione mondiale continua a crescere e sempre più persone avranno bisogno di cibo. Hares of the PowerShares DBA Agricultural Fund è un modo semplice per investire in agricoltura. Il simbolo del ticker è DBA.

Uranio

Il CEO di uno dei maggiori player nel settore dell’uranio ha di recente affermato: “Il prezzo dell’uranio odierno è troppo basso per incentivare gli investimenti necessari a garantire un’adeguata produzione di uranio sul mercato.” Quando le materie prime vendono sotto costi di produzione troppo lunghi, i produttori falliscono e le forniture scendono. E poi, proprio come con gli altri prezzi delle attività, avviene la succitata reversione media.

I prezzi aumentano e alla fine la produzione risale. Ci sono quasi 60 reattori in costruzione in tutto il mondo in questo momento. Più reattori significano più bisogno di uranio e questo settore si avvicina a un mercato toro in arrivo. E, mentre la popolazione globale continua a crescere, la domanda di energia continua a crescere. C’è una grande richiesta di energia di carico di base sicura, pulita e affidabile per supportare il carico di lavoro della rete. Il nucleare è ancora una parte di quel mix di carico di base. Puoi investire nel prossimo mercato toro dell’uranio acquistando il Global X Uranium ETF (ticker URA).

Petrolio

Se molti ambientalisti sperano che il petrolio si stia davvero esaurendo, a quanto pare l’oro nero continuerà a ungere il mondo. L’Energy Information Administration prevede che gli Stati Uniti diventeranno esportatori netti di energia nel 2022 (cioè il petrolio esportato supererà quello per uso interno). L’era del predominio energetico statunitense potrebbe vederla così superare Arabia Saudita e Russia. La grande forza trainante dietro il predominio energetico americano è lo scisto. Le compagnie petrolifere non hanno più bisogno di $ 100 di petrolio per essere redditizie. Attenzione poi all’antartico e all’Alaska, dove lo scioglimento dei ghiacciai sta comportando nuove possibilità di estrarre petrolio.

Dopo il crollo del petrolio nel 2014, molti dei players deboli del settore sono andati in bancarotta. Le aziende forti hanno stretto la cinghia e hanno continuato a concentrarsi sulla tecnologia per ridurre i costi. Ora, molte compagnie petrolifere stanno facendo profitti a $ 60, dato che lo vendono a $ 100. Ciò significa che le aziende possono ora operare in un contesto di bassi prezzi del petrolio.

Se i prezzi continuano a salire, tale profitto si limiterà a migliorare la propria linea di fondo. Gli investitori possono trarre vantaggio dal crescente predominio energetico americano acquistando la SPDR S&P Oil and Gas Equipment and Services ETF (ticker XES).

Oro

Dopo un brutale mercato ribassista durato diversi anni, l’oro è entrato in un nuovo mercato rialzista già dai primi mesi del 2016. La caratteristica dell’oro è la sua lentezza. E’ come un Diesel che ci mette tempo a carburare, così come a crollare di nuovo. Ma secondo alcuni analisti, si sta prendendo la sua rivincita su un asset ultramoderno: il Bitcoin.

L’oro dovrebbe proseguire un trend rialzista per un altro triennio. È un buon momento per investire in oro, dato che siamo al centro del trend.

Comprare monete d’oro fisiche è una grande opzione, ma un modo migliore per investire nel mercato dell’oro è investire nelle aziende che estraggono oro.

È possibile acquistare una moneta d’oro fisica a $ 900 / oncia, al fine di garantire i vostri soldi contro il flusso e riflusso del mercato. Ma i guadagni in valore saranno nominali. Tuttavia, se investi in azioni di società dedite alla estrazione mineraria, i tuoi profitti (in un mercato rialzista) saranno probabilmente molto più alti. In altre parole, gli investitori possono raccogliere grandi ricompense in un mercato rialzista d’oro investendo in un paniere di titoli di aziende che lavorano nel campo dell’estrazione di oro, come l’ETF VanEck Junior Gold Miners (ticker GDXJ).

Argento

Le ragioni per acquistare argento sono quasi identiche all’acquisto di oro. Come GDXJ, l’argento offre agli investitori rendimenti interessanti. Ciò è particolarmente vero nelle ultime fasi di un mercato rialzista dell’oro quando la speculazione si riscalda. L’argento generalmente sovraperforma l’oro, come nel caso della fine dell’ultimo mercato “toro” dell’oro dalla fine del 2008 all’inizio del 2011.

Una differenza, tuttavia, è che l’argento consente anche agli investitori di sfruttare l’argento industriale, utilizzato per la produzione. E ciò significa maggiore domanda (vale a dire prezzi più elevati sul mercato).

L’argento trova una pluralità di usi industriali:

  • Argento per l’oggettistica
  • Argento nella Medicina
  • Argento in Elettronica
  • Leghe per brasatura
  • Catalisi
  • Argento per la Fotografia
  • Argento per le Nanoparticelle
  • Argento per la miscellanea

Quindi la sua domanda sarà molto alta ancora per anni. Fino a quando non sarà trovato un altro materiale duttile.

Gli investitori possono acquistare l’ETF iShares Silver Trust (ticker SLV) per approfittare di ciò.

Bitcoin

Il 2018 potrebbe essere anche l’anno delle criptovalute e del Bitcoin:

Migliori investimenti 2018, le app da scaricare

Nel mondo di oggi, smartphone e tablet dipendente, le app stanno rivestendo un ruolo ormai vitale e cruciale in ogni ambito. E ovviamente, anche quello degli investimenti. Le app per gli investimenti stanno crescendo fino a diventare una delle migliori opzioni per i nuovi investitori di essere coinvolti nel mercato azionario.

E anche gli investitori esperti possono trovare opportunità per risparmiare denaro e migliorare i loro portafogli con una delle app di investimento disponibili. Mentre si era soliti prendere un telefono e chiamare un agente di cambio per fare uno scambio, che arrivava con una commissione ripida, ora tu puoi prendere il tuo telefono e toccare lo schermo alcune volte per fare trading istantaneamente, sia gratuitamente che a un costo relativamente basso.

Se vuoi acquistare il tuo primo titolo o lo hai fatto per anni, considera queste migliori app di investimento.

1. Robinhood

Sir Robin di Locksley, meglio conosciuto come Robin Hood, divenne un personaggio famoso per rubare ai ricchi e dare ai poveri. E così è stata creata anche una app col suo nome. Robinhood offre scambi di azioni gratuite. E “libero” non significa “gratis, ma con tasse e altri costi”. Le transazioni hanno zero commissioni. Basta scaricare l’app, connettersi alla propria banca, finanziare il proprio account e si può fare trading gratuitamente.

Per lunghi orari di trading e conti di margine, è possibile effettuare l’aggiornamento a Robinhood Gold a pagamento. Il vantaggio è essenzialmente una intermediazione di titoli online senza fronzoli. Perché non hanno uffici fisici, possono eseguire un’operazione a basso costo e trasferire i risparmi a investitori come te.

L’azienda guadagna dagli utenti di Robinhood Gold e guadagna interessi sui saldi di cassa del conto.

2. Acorns

Se non vuoi pensare molto ai tuoi investimenti ma vuoi al contempo gestirli regolarmente, Acorns è la migliore opzione. Collega una carta di debito o di credito all’app e Acorns “arrotonderà” le tue transazioni successive e investirà il “ricambio” che avresti ricevuto se avessi pagato in contanti. Acorns investe automaticamente i tuoi fondi in uno dei cinque portafogli ETF gestiti professionalmente. Gli account con un saldo fino a $ 5,000 pagano solo $ 1 al mese e i conti con un saldo superiore a $ 5,000 pagano una commissione dello 0,25%.

Negli Usa, poi gli studenti universitari con una e-mail .edu, è possono utilizzare gratuitamente Acorns per un massimo di quattro anni dalla data di registrazione. I portafogli esistenti si concentrano su fondi negoziati a basso costo che offrono investimenti diversificati senza un investimento iniziale di grandi dimensioni. Insomma, è possibile fare piccoli investimenti e sommare piccoli guadagni.

3. Stash

Con costi uguali al precedente, Stash offre un metodo a basso costo per costruire un portafoglio diversificato. Tuttavia, quando Acorns investe automaticamente per te, Stash ti aiuta a imparare come prendere personalmente le migliori decisioni di investimento. L’app Stash include contenuti educativi personalizzati in base alle tue preferenze di investimento.

È possibile scegliere tra portafogli orientati ai valori focalizzati su diversi temi di investimento o creare il proprio portafoglio personalizzato. Quindi puoi impostare un piano “auto-Stash” per investimenti ricorrenti o aggiungere fondi quando lo scegli. Per qualsiasi investitore principiante, tutti i termini, gli acronimi e le frasi del mondo degli investimenti possono essere travolgenti.

Stash non offre quell’approfondimento sulle società come fanno molti broker di borsa, ma se non parli ancora la lingua degli investimenti, Stash è una scelta eccellente come punto di partenza.

4. Stockpile

Questa app offre un approccio unico all’acquisto e alla vendita di azioni. È possibile acquistare quote frazionarie di quasi tutte le società attraverso le scorte. In alternativa, è possibile finanziare un conto con una carta regalo di riserva che dà al fortunato destinatario azioni a partire da $ 5. Non ci sono canoni mensili e tutte le transazioni sono 99 centesimi.

Questa app è particolarmente interessante per genitori o nonni che vogliono avviare i giovani agli investimenti e al mercato azionario. Invece di dare una carta regalo da sfruttare per lo shopping, puoi dare loro $ 20 nel tuo stock preferito. Stockpile offre oltre 1.000 investimenti inclusi singoli titoli ed ETF.

Ad esempio, puoi donare azioni di un titolo come Disney o Apple o dare un paniere di azioni in un settore d’avanguardia, come iShares o in un altro ETF. Puoi concedere e-gift card o carte regalo fisiche o finanziare un conto tramite bonifico bancario. Questo è un regalo che paga letteralmente i dividendi.

Dove investire nel 2018, MoneyFarm

MoneyFarm è invece una piattaforma online fondata in Italia. Ha ricevuto anche un premio come miglior consulente finanziario indipendente da quotidiani di settore di livello, come Corriere Economia.

MoneyFarm è piuttosto semplice da capire e da adoperare. La piattaforma è pensata per permettere di investire in automatico grazie alla tecnologia del robot advisor che, guidato dal team di esperti interno, investe al meglio contenendo i costi e massimizzando i profitti.

Uno dei vantaggi è la quantificazione del tuo profilo di rischio con un questionario conoscitivo: grazie a un team professionale ogni cliente è assistito e riceve indicazioni sugli investimenti da effettuare per rischiare e guadagnare ciò che ci si aspetta, senza mettere a repentaglio i propri risparmi.

Puoi registrarti in maniera totalmente gratuita e senza impegno, in modo da riceve la telefonata del team della piattaforma, durante la quale potrai ricevere consigli sulla pianificazione del tuo futuro finanziario.

Non servono grosse cifre, si può partire anche da 500 euro.

Vanta portafogli bilanciati con grado di rischio contenuto. Nel 2017 hanno reso fino al 5,41%. Considerando che ormai le banche sudano per darti il 2%, si può dire che sia una ottima performance.

Investire nel 2018, i Conti deposito

Se non sei un avventuriero della finanza, ma vuoi giusto mettere a riparo i tuoi risparmi e al limite guadagnarci un minimo i conti deposito fanno per te.

Alternative simili sono i buoni fruttiferi postali oppure i BTP Italia (quando saranno emessi), due prodotti legati al caro vita, ai consumi e all’economia. Si tratta soprattutto di opzioni di risparmio, più che di investimento vero e proprio.

LEAVE A REPLY