Migliori Investimenti 2020: i più sicuri ad alto rendimento

Quali sono i migliori investimenti del 2020? Quali sono gli investimenti ad alto rendimento del 2020? Quali sono gli investimenti sicuri del 2020?

Il 2020 si avvicina e in tanti vogliono sapere dove investire i propri capitali nel corso del 2020. Una premessa va sempre fatta. Si tratta sempre di previsioni e nessuno ha la palla di vetro che gli fa sapere quali saranno i mercati migliori e più redditizi sui quali investire. Anzi, chi vi dice di sapere le verità assolute, vi sta solo mentendo e vuole truffarvi.

Il mondo dell’economia è molto incerto e cambia continuamente. Basta un evento traumatico per cambiare tutto e può rivelarsi uno scossone che colpisce il sistema economico nelle sue fondamenta. Con scosse di assestamento che continuano per mesi, se non anni, coinvolgendo più settori.

Nella prima decade degli anni 2000 ne sono arrivati tre: lo scandalo dei dot-com del 2000, l’attentato alle Torri gemelle di New York del settembre 2011 e lo scandalo dei subprime di novembre 2007. Il decennio è iniziato male dal punto di vista finanziario, si è ripreso ma ha subito un nuovo pesante contraccolpo verso la fine.

Tanto pesante che l’economia globale ha iniziato a riprendersi dal 2013. Ma alcuni settori e diverse professioni non si sono più riprese.

Il 2019 è stato caratterizzato dalla guerra commerciale che il Presidente americano Donald Trump ha innescato sul fronte cinese e su quello europeo a colpi di dazi. I quali hanno avuto ripercussioni negative su molte aziende, dato che hanno colpito settori strategici come acciaio ed alluminio, nonché quello agroalimentare.

Va però detto che la riforma da shock fiscale voluta dal Tycoon è servita per l’economia interna, che si è fortemente ripresa.

Il principale avversario attuale degli Usa, la Cina, ha invece annunciato la sua rivoluzione 2.0. Ossia, basata su una maggiore attenzione verso l’ambiente, con la volontà di scrollarsi di dosso l’etichetta di potenza maggiormente inquinante del Globo. In un’era nella quale l’Ambiente tiene maggiormente banco.

E’ stato l’anno della ripresa dell’Oro come bene rifugio, il cui valore è ripreso a volare malgrado il mercato delle azioni non sia andato così male (sappiamo che i due asset sono in rapporto inversamente proporzionale tra loro).

Mentre le criptovalute hanno conosciuto una ripresa dopo il lento declino del 2018, arrivando il Bitcoin a toccare quota 10mila dollari pressoché stabilmente. Per poi vedere scendere il proprio prezzo verso fine anno ai livelli di guardia dei 6mila dollari.

In seno all’Unione europea, però, a tenere banco è la crisi della Germania. Con la manifattura che ha “regalato” continui dati negativi, preoccupando tutta l’Eurozona. Oltre poi alla crisi di Deutchbank, il colosso bancario tedesco in profonda crisi, tanto che più di uno vede nel MES un modo, neanche troppo in mezzo alle righe, di salvarla.

L’Italia dal canto suo ha presentato sempre numeri poco esaltanti e a metà agosto ha fatto di nuovo i conti con una crisi di governo voluta da Salvini. E’ nato il Conte bis, con l’ingresso del Partito democratico ben voluto dall’Ue. Sorto soprattutto per disinnescare il tanto temuto aumento dell’Iva, ma in realtà ciò sarà controbilanciato da varie microtasse qua e là.

A tenere banco però nel nostro paese sono state alcune vertenze sindacali come quella di Mercatone Uno, Whirpool, Ilva e Alitalia. Andata bene per ora solo la seconda. Mentre la prima è già fallita, la terza si giocherà anche nelle aule di tribunale col colosso Anchelor Mittal, la quarta è ormai un problema cronico rinviato a colpi di prestiti ponte. Alias, soldi pubblici perduti.

Detto ciò, vediamo come si presenterà il 2020 e dove potrebbe essere interessante investire.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading online è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie attività di trading on line ed essere più profittevoli. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Migliori investimenti 2020, previsioni analisti

Quali sono le previsioni del 2020 sui migliori investimenti? Secondo gli analisti, le banche centrali dovrebbero dare maggiore stabilità alla crescita. Salvo ovviamente eventi traumatici esterni.

La Cina potrebbe siglare una “pace armata” con gli Usa, per proseguire la propria ristrutturazione interna. Bisogna però vedere se la vorrà Trump, visto che a fine 2020 ci saranno le elezioni. E difficilmente “The Donald” vorrà mostrarsi debole al proprio elettorato (vero e potenziale).

Nell’Unione europea a tenere banco sarà poi la questione Brexit, che sarà forse l’evento più rilevante nel vecchio continente. Sia dal punto di vista politico, che economico. Il risultato della trattativa potrebbe provocare guasti economici più a Gran Bretagna che ad Ue, o viceversa, o ad entrambi.

Dal punto di vista finanziario nel 2020 le azioni dovrebbero continuare ad avere una performance migliore delle obbligazioni. Ormai con rendimenti ai minimi storici.

Per quanto riguarda il Forex, la debolezza del Dollaro ormai crescente, potrebbe spingere gli investitori a cercare altre valute. Da valutare come reagiranno poi Euro e Sterlina alla succitata questione Brexit. Quanto all’Euro, però, bisogna anche vedere quanto incideranno gli stimoli di bilancio.

La FED nel 2020 potrebbe tagliare i tassi rispetto al livello attuale, alla luce del fatto che crescita e inflazione americana sono in calo. Tassi più bassi e ripresa degli acquisti di bond, potrebbero avere un impatto sul dollaro nel 2020.

Ecco intanto alcuni cambi su cui investire:

Nome Prezzo Var Var %

Dove investire nel 2020

Gli analisti in generale sembrano non avere dubbi: la Cina sembra essere il fronte migliore per investire. Dato che vorrà proseguire sul percorso dello sviluppo, ma con una maggiore attenzione alla questione green. I settori che andranno per la maggiore sembrano essere: tecnologia, healthcare e assicurazioni. Ma anche le A-Shares onshore.

Peraltro, gli analisti sono concordi nel dire che è meglio investire sul lungo periodo. Dato che la Cina in passato ha già dimostrato di puntare alla crescita costante.

Investimenti 2020: il Forex

Per quanto concerne il Forex, il Dollaro dovrebbe continuare a svalutarli, mentre la Sterlina potrebbe guadagnare terreno da una Brexit finalmente risolta. Le valute rifugio tradizionali come Yen e Franco svizzero dovrebbero registrare performance interessanti. Il cambio Euro Dollaro nel corso del 2020 dovrebbe continuare a salire.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading forex è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker etoro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

A beneficiarne sotto la corona potrebbero essere commercio al dettaglio, immobiliare, i finanziari e le compagnie aeree. Tutto dipende da come finirà la questione Brexit e un primo segnale si avrà con le elezioni britanniche di fine anno. Che ci diranno chi proseguirà la trattativa.

La crescita del settore fintech prosegue inarrestabile. Soprattutto quello dei pagamenti, che beneficia di un duraturo trend al rialzo e margini in miglioramento.

Per ora il settore Fintech pesa “solo” l’85% ma è destinato a crescere e a ribaltare lo strapotere detenuto ancora da liquidità e assegni. Molto importante potrebbe rivelarsi l’e-commerce, ormai in solida ascesa ma anche Libra di Facebook, che potrebbe rivoluzionare il sistema dei pagamenti una volta per tutte.

Il caro vecchio Oro potrebbe essere protagonista anche del 2020. pure grazie alla crescente volatilità dei cambi. Anzi, una ulteriore svolta potrebbe giungere nel caso in cui le più importanti banche centrali decidessero di svalutare strategicamente la propria valuta.

Migliori investimenti 2020: le criptovalute

Come non citare poi le criptovalute. A metà 2020 si verificherà un evento molto importante: il dimezzamento dei Bitcoin in circolazione. Ossia il Bitcoin Halving.

Come noto, la regina delle criptovalute non è infinita, ma è stata progettata per avere un massimo di 21 milioni di token in circolazione entro il 2140. Ciò comporterà ovviamente una maggiore difficoltà per i miners di risolvere nuove formule matematiche. Ma soprattutto una impennata del prezzo del Bitcoin. O almeno dovrebbe.

Quindi, il Bitcoin potrebbe essere un ottimo investimento, magari da farsi nel primo Q3 del 2020 e sperare che l’innalzamento sia così evidente.

In genere, se aumenta il prezzo del Bitcoin, aumenta di conseguenza anche quello delle principali criptovalute. Quindi può essere interessante investire anche in Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash e le altre che occupano la Top 10 per capitalizzazione di mercato. Per vedere quali sono, è consigliabile affidarsi a Coingecko.

Ecco le migliori criptovalute su cui investire

Logo Simbolo Nome Quotazione Var. % Market Cap

Il mercato immobiliare

Infine, il mercato immobiliare non viene dato ne in particolare rialzo, né in ribasso. Se è vero che si è lentamente ripreso dagli anni bui post-2008, a partire dal 2013, non ha vissuto un autentico sprint al rialzo.

E’ sempre consigliabile investire nelle zone che potrebbero vedere impennato il proprio valore, grazie alla nascita di una stazione dei treni, la fermata della metro, un Centro commerciale, la riqualificazione balneare, e così via.

Viceversa, occhio a zone dove potrebbero sorgere (anche a distanza di 3-5 Km) impianti per il trattamento dei rifiuti, termovalorizzatori, fabbriche, nuovi edifici che rovinano la visuale dal balcone, zone balneari in degrado, quartieri in decadimento.

Informatevi sempre bene a 360 gradi sulla zona in cui ricade l’immobile e tutti i suoi aspetti.

I Paesi dove investire nel 2020

Quali sono i Paesi dove investire nel 2020? Tra i Paesi che offrono grandi opportunità, ma ovviamente non sono esenti da svantaggi e rischi, troviamo la vicina Albania. Che attira sempre più imprenditori, specie italiani, grazie al suo regime fiscale particolarmente conveniente. Con una Flat tax al 15%.

Tra gli svantaggi e i rischi di investire in Albania troviamo la forte corruzione e il peso delle mafie patito da questo Stato. Il che vi suonerà familiare con il nostro Paese. Quindi occhio alle persone con cui vi mettete in contatto, stringete affari o millanta facili guadagni. Potrebbe trattarsi di un truffatore.

Spostandosi di poco un altro Paese dove potrebbe convenire investire nel 2020 è la Grecia. Che ha voglia di riscatto. Molti sono gli immobili qui svenduti causa la drammatica crisi, sia in centro ad Atene sia nelle zone più belle come quelle isolane turistiche. Potreste pure acquistare una casa a 40mila euro. Oggi si contano circa 200mila immobili invenduti nel paese ellenico.

Il principale problema restano però le alte tasse che fanno lievitare il costo finale. Il governo ha da anni intrapreso una politica lacrime e sangue per rientrare dal debito stipulato con l’Ue.

Se siete disposti ad uscire dai confini del Vecchio continente, un altro Paese che offre discrete opportunità sull’immobiliare è il Marocco.

Anche investire in azioni del Marocco conviene ma solo se sei capace di selezionare i migliori titoli marocchini da mettere in portafoglio.

Tra i settore che potrebbero registrare una crescita forte nei prossimi anni ci sono quelle energetico e, in modo particolare, quello delle rinnovabili. Il Marocco, infatti, ha tanto sole che può essere trasformato in energia.

Anche investire in Thailandia nel 2020 potrebbe convenire perché il paese del sud est asiatico presenta un ottimo tasso di crescita. Anche qui quello immobiliare, ma anche energie rinnovabili e comunicazioni. Il turismo pure è in ottima ascesa, essendo il paese stupendo ma purtroppo anche oggetto del vergognoso turismo sessuale.

Anche la Thailandia gode di un allettante regime fiscale, tanto che molti pensionati disposti a spostarsi di più oltre l’ormai noto Portogallo, la stanno scegliendo come meta per passare serenamente la Terza età.

Finito il potere dei fratelli Castro, Cuba si sta aprendo lentamente al mondo esterno. Due sono i prodotti che vanno per la maggiore: sigari e rum. Sui quali si può investire tramite azioni.

Nel caso dei sigari puoi investire in azioni della società inglese Imperial Tobacco che ha in mano la metà del capitale della Habanos S.A. insieme alla Cubatabaco. Allo stesso modo puoi anche investire in azioni di società che operano nella produzione del rinomato rum cubano.

Per poterlo fare è opportuno affidarsi a Broker seri e rinomati, con regolare licenza Consob e CySEC. Di seguito vediamo i tre migliori.

Migliori investimenti 2020: il trading online

Trading con la piattaforma con eToro

Se siete intenzionati ad investire nel mondo delle azioni, le società che sembrano essere destinate ad andare meglio sembrano essere proprio quelle impegnate nelle energie rinnovabili e il settore green in generale.

Il primo Broker che vi indichiamo è eToro (clicca qui per saperne di più), Broker con sede in Cipro e iscritta alla prestigiosa CySEC. Severa commissione di vigilanza cipriota.

eToro vanta quasi 11 milioni di iscritti per i suoi servizi sempre innovativi, innovatori, convenienti e accattivanti.

Il primo che vi segnaliamo è CopyTrader, meglio noto come Copy trading. Grazie a questo servizio, è possibile imparare guadagnando. Gli stessi Broker copiati, chiamati Popular trader guadagnano tramite commissioni su ogni trader che li copia.

Il Social trading è una Community dove i trader possono confrontarsi, darsi consigli e suggerimenti sul trading online e le sue varie sfaccettature.

Infine ci sono i Copyportfolios, panieri di asset appartenenti alla stessa categoria, gestiti da algoritmi automatici, ma sempre supervisionati da tecnici “in carne ed ossa”.

Per quanto concerne le commissioni, eToro è spread-only, quindi non prevede commissioni sul trading ma solo lo spread.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Trading con la piattaforma 24option

Il secondo Broker che vi suggeriamo è 24option (clicca qui per saperne di più), oltre che per la sicurezza, anche per i segnali di trading in quanto curati da Trading Central. Società specializzata in materia, insignita per 9 anni consecutivi con i prestigiosi Technical Analyst Awards. Ha tre sedi: New York, Parigi e Hong Kong. Ed offre tanti altri servizi di tranding online.

Interessanti poi sono gli ebook interattivi, mediante i quali l’utente può imparare sul trading in maniera coinvolgente e attiva.

Anche qui non troviamo le commissioni, ma è spreads-only. Anche 24option è commission free dunque.

Per ricevere gratuitamente i segnali di 24option clicca qui.

Trading con la piattaforma Plu500

Chiudiamo il novero dei Broker più affidabili con Plus500 (clicca qui per aprire una demo gratuita), che consente di fare trading con margine (servizio CFD, acronimo di Contract For Difference) nei mercati del Forex, azioni, materie prime, ETF e criptovalute.

A sua volta, Plus500 si distingue per la sicurezza, dato che sottopone a chi vuole iscriversi dei quesiti sul trading per comprendere se sono preparati al mercato del trading online.

Anche Plus500 non prevede e lo spread è conveniente.

Per saperne di più sul broker Plus500 clicca qui.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.