Migliori criptovalute: quali sono e su quali investire

Quali sono le migliori criptovalute su cui investire? Sebbene esistano da 11 anni – almeno considerando solo quelle come oggi le intendiamo, visto che qualche primo tentativo è stato fatto tra gli anni ‘90-2000 – solo da qualche anno le criptovalute stanno interessando investitori e risparmiatori.

In particolare, da quando il Bitcoin, la prima criptovaluta col sistema Blockchain oggi alla base di quasi tutte le criptovalute e adattato anche per altri contesti, ha sfiorato i 20mila dollari di quotazione a fine 2017.

In quell’anno, mese per mese, più il Bitcoin saliva di prezzo, più saliva la febbre da criptovaluta. E più questo asset, fino ad allora noto solo a qualche trader navigato e ai nerd, iniziava a diventare mainstream. Ossia, noto alla massa. Anche grazie ai mass-media che si sforzavano di spiegare in maniera semplice cosa fosse e come funzionava.

L’interesse che si allargava a macchia d’olio per il Bitcoin ha generato la nascita costante di nuove criptovalute. Tant’è che oggi hanno superato abbondantemente quota mille. Sebbene alla fine solo una ventina siano quelle consolidate e con una capitalizzazione di rilievo.

Ma ha generato anche un pericoloso fenomeno: quello delle truffe. Con tante piattaforme che, sfruttando nel proprio nome termini come Bitcoin, Crypto, Dubai, Now e tutti i termini che possano riferirsi a guadagni virtuali, cospicui e immediati, sono proliferate con altrettanta velocità. Sfruttando altresì un mezzo semplice per arrivare ai comuni cittadini ignoranti in materia: le app per smartphone e tablet.

Paesi come Russia e Cina hanno bandito le criptovalute perché ritenute un mezzo pericoloso, mediante il quale si potevano introdurre capitali stranieri nel paese. Un mezzo per corrompere, finanziare attività terroristiche ed illecite. Il che è anche vero, e si è verificato. E’ l’altra faccia della medaglia di questa tecnologia e nuova opportunità economica.

Diverse cono però le banche che stanno adottando la Blockchain al fine di non restare indietro, così come le piattaforme di money transfer stanno adottando sempre più criptovalute.

Dopo la suddetta cavalcata, però, il Bitcoin ha iniziato a calare di prezzo. Dando fiato a quelle teorie che lo ritengono una bolla finanziaria come quella dei dot-com.

In effetti il Bitcoin si è stabilizzato su prezzi molto meno lusinghieri di quelli, ma alcuni esperti non escludono un nuovo rialzo.

Fatta questa premessa, vediamo cosa sono le criptovalute e su quali si potrebbe investire. Premettendo sempre che non esistono previsioni infallibili e tutte vanno prese con le molle. Dato che nessuno ha i super poteri e la sfera di cristallo. E chi vi dice il contrario è solo un truffatore dal quale bisogna diffidare.

Migliori criptovalute: quali sono

Logo Simbolo Nome Quotazione Var. % Market Cap

Piattaforme migliori per fare trading sulle criptovalute

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Criptovalute cosa sono

Le criptovalute sono le valute digitali o virtuali, che prendono il nome dalla crittografia sottostante su cui reggono. Mentre le prime valute sperimentali iniziarono ad apparire negli anni ’80, le criptovalute come le conosciamo oggi sono nate nel 2009, con il rilascio di Bitcoin per opera del misterioso Satoshi Nakamoto.

Cosa le rende così attraenti? Fin da quando i primi trader hanno deciso che sarebbe stato utile usare le valute comuni per il trading, i governi hanno cercato di controllare la loro offerta e distribuzione. La maggior parte delle valute di tutto il mondo rimane sotto il controllo dei responsabili delle politiche governative, le quali influenzano la quantità di denaro creata e la velocità con cui possono essere acquistata e venduta.

Le criptovalute, al contrario, sono decentralizzate e non soggette a supervisione da parte dei governi e delle centrali banche. Anziché condurre transazioni in sterline o dollari, le parti accettano di trasformare in criptovaluta la loro unità di scambio utilizzando un sistema peer-to-peer.

Le transazioni vengono verificate direttamente tra gli utenti, senza necessità di supervisione governativa. In questo modo, i sostenitori delle criptovalute credono che rivoluzioneranno il modo in cui usiamo i soldi.

A lungo sono state soprattutto attenzionate da una comunità relativamente piccola di appassionati di tecnologia. Poi l’interesse per le criptovalute è esploso come detto a livello di massa negli ultimi anni. Tali valute sono considerate utili ai flussi di denaro globali senza la necessità di intermediari come le banche. Il che rende teoricamente molto più rapido ed economico trasferire i beni da una persona all’altra.

E l’assenza di intervento da parte del governo significa che non vi è alcuna manipolazione del valore delle valute attraverso la loro politica monetaria. I governi e il settore aziendale guardano le criptovalute con interesse, riconoscendo che hanno reali potenziali benefici.

Ben Bernanke, ex presidente della Federal Reserve degli Stati Uniti, ha dichiarato: “[Le valute virtuali] possono mantenere una promessa a lungo termine, in particolare se le innovazioni promuovono un sistema di pagamento più veloce, più sicuro ed efficiente”.

Criptovalute, cos’è la Blockchain

Spesso scambiata per una criptovaluta, la blockchain è in realtà la tecnologia che sostiene le valute come bitcoin e litecoin e mantiene le transazioni sicure.

Proprio come le criptovalute sono decentralizzate, il database distribuito di blockchain di una valuta è di proprietà della rete di utenti della valuta piuttosto che da governi o istituzioni. Utilizzando la tecnologia “ledger distribuito”, blockchain fornisce una registrazione pubblica condivisa dei cambiamenti nella proprietà di un bene.

Criptovalute e altri criptoassets (il termine generico per i diversi tipi di monete digitali, poiché non tutti cercano di essere valute) come Ethereum si basano sulla blockchain, che registra quando vengono creati e scambiati i token.

Criptovalute come investire

Le strade per investire sulle criptovalute: tramite i Broker, ossia le piattaforme per il trading. Utilizzando le criptovalute come un asset finanziario, alla stregua di valute, azioni, indici azionari, materie prime, metalli preziosi. E farlo tramite i Contract for difference, contratti finanziari che consentono di investire senza possedere direttamente il bene. E poter investire sia sul rialzo che sul ribasso dell’asset.

Diffidate da piattaforme che promettono guadagni facili e cospicui, senza alcuna conoscenza in materia. Sono solo delle truffe.

L’altra strada è quella degli Exchange, ossia sfruttare i rialzi del prezzo dei token tramite siti di cambio. In realtà poche sono le criptovalute previste dagli Exchange, quindi in taluni casi occorre cambiare prima quella che si possiede in quelle previste, e poi fare il secondo passaggio.

Dato che gli Exchange sono sovente preda di attacchi da parte degli Hacker, il consiglio è quello di spostare i propri soldi su wallet esterni. Possibilmente offline.

Criptovalute su cui investire nel 2019

Bitcoin [BTC]

Bitcoin ha festeggiato il suo decimo compleanno il 3 gennaio 2019 e molti la danno ancora come la criptovaluta su cui conviene investire di più quest’anno.

Tra questi, John McAfee. Un volto ben noto nel settore della crittografia e fondatore del popolare software antivirus, McAfee è molto positivo su Bitcoin. Ha predetto che Bitcoin avrebbe toccato $ 1 milione entro il 2020.

Se guardiamo al potenziale della moneta, le recenti notizie infrangono i titoli dei volumi di trading di Bitcoin che hanno raggiunto livelli record in Venezuela. Inoltre, la borsa NASDAQ aggiungerà l’indice BTC ai suoi servizi di trading. Il che dovrebbe far volare ulteriormente il suo prezzo.

Ethereum [ETH]

Dopo il Bitcoin, Ethereum è la seconda più grande criptovaluta e uno dei migliori altcoin a lungo termine più potenti e promettenti. Molte grandi società di blockchain stanno investendo in ethereum. Fondata nel 2017, l’Enterprise Ethereum Alliance ha oltre 200 organizzazioni che stanno testando una versione della blockchain di Ethereum in vari settori.

Ethereum è il titolare del credito poiché si basa su una tecnologia blockchain in grado di trascendere applicazioni di sola valuta. È una scelta popolare tra i clienti aziendali in quanto può integrare protocolli di smart contract nella sua blockchain.

Binance Coin [BNB]

Binance Coin [BNB] è la moneta ufficiale del mercato di Binance in cui avviene la negoziazione di criptovalute (escluse le valute legali). Un investitore non beneficia solo di un aumento del volume degli scambi, ma anche le commissioni di transazione su Binance che sono pagate in BNB rispetto a Bitcoin ricevono un grande sconto fino al 50% nell’anno di utilizzo.

Binance sta lanciando presto lo scambio decentralizzato, Binance DEX, per test pubblici. Binance DEX sarebbe disponibile su tutte le piattaforme, inclusi Windows, Linux, Mac OS, iOS e Android.

Stellar [XLM]

Come Ethereum, la blockchain di XLM è il suo principalepunto di forza. Con l’integrazione di protocolli di contratto intelligenti, Stellar è molto richiesta non solo dalle società di servizi finanziari ma anche dalle grandi società. Dopo aver collaborato con IBM e KlickEx, ha ridimensionato la sua blockchain in nuove regioni.

 

Molte banche hanno implementato la tecnologia blockchain di Stellar per gestire i pagamenti in valuta multipla ricevuti dai clienti di IBM.

Ripple [XRP]

Ripple non è molto indietro nella guerra dei migliori investimenti di criptovaluta a lungo termine del 2019. Sta diventando la scelta più calda per il go-to blockchain per le istituzioni bancarie e finanziarie. Grazie al suo XRP, la moneta di Ripple può essere utilizzata come intermediario in futuro per tempi rapidi di elaborazione delle transazioni e partnership transfrontaliere.

Ad esempio, se stai effettuando un pagamento in yen giapponese e devi inviare il pagamento al Regno Unito, la blockchain di Ripple potrebbe convertire istantaneamente yen in XRP e poi XRP in sterline.

Ora, tutti i pagamenti senza carta effettuati tramite la rete di pagamenti internazionali FX di American Express su un conto Santander U.K. vengono instradati attraverso la blockchain di Ripple e processati all’istante.

Occorre aggiungere che Ripple viene vista come una criptovaluta anomala per due motivi. Primo, perché collabora con banche e money transfer anziché fargli la guerra. Secondo, perché viene emessa da laboratori centralizzati con sede a San Francisco. Quindi non tramite mining decentralizzato.

NEM [XEM]

NEM e la sua moneta XEM è un altro top performer nella watchlist di criptovaluta. Sia al dettaglio che all’impresa, NEM non si concentra solo sui clienti aziendali. Il suo obiettivo principale sono stati i pagamenti e i trasferimenti peer-to-peer. Con sede a Singapore, NEM Foundation ha già collaborato con l’ente governativo Malesia Digital Economy Corporation (MDEC) per gestire l’infrastruttura digitale, la sicurezza e le consulenze sulle leggi relative alla tecnologia in Malesia.

Litecoin [LTC]

Popolarmente noto come “Bitcoin-Lite”, Litecoin è uno dei migliori altcoin a lungo termine su cui investire. Dopo essere uscito da Bitcoin nel 2011 tramite Fork (la prima della storia), Litecoin è pronta per diventare il prossimo peer-to-peer di pagamento con la più veloce velocità di elaborazione dei blocchi che intriga i minatori. Questa moneta crittografica ha un algoritmo di prova del lavoro più decentralizzato rispetto al Bitcoin.

Ha inoltre implementato l’upgrade SegWit (Segmentated Witness) alla sua blockchain che aiuta ad aumentare la capacità di blockchain riducendo al contempo i tempi e le spese di liquidazione delle transazioni.

Komodo [KMD]

Komodo è relativamente nuovo per mantenere la posizione nell’elenco delle migliori criptovalute a lungo termine 2019. Con la piattaforma blockchain di Komodo, si ha la possibilità di scegliere tra transazioni anonime trasparenti, con la tecnologia utilizzata per mistificare la fonte di quelle transazioni che si evolvono da quella criptovaluta.

Questa criptovaluta basata sulla privacy è fondamentalmente una piattaforma di crowdfunding e un combustibile per la tecnologia smart contract agonostica della lingua. Komodo ha stretto una partnership con AWS per dimostrare 1 milione di transazioni al secondo di capacità di elaborazione.

Monero [XMR]

Monero è una moneta virtuale che rafforza i protocolli progettati per proteggere la privacy e l’anonimato del mittente e destinatario di monete. E il merito va al suo uso delle firme ad anello con il suo protocollo noto come CryptoNote. Con Monero, il firmatario effettivo rimane sconosciuto; quindi la privacy assicurata.

Inoltre, un indirizzo stealth (una chiave di spesa monouso simile a OTP) viene generato da un mittente di XMR, la moneta di Monero, che consente al destinatario di tali fondi di essere in grado di rilevare e spendere quei fondi.

Verge [XVG]

Verge è migliorata al punto da poter essere considerata come la migliore criptovaluta a lungo termine 2019. Nella recente mania delle monete private in cui le transazioni non sono rintracciabili, Verge sta guadagnando popolarità. La caratteristica fondamentale di Verge è l’uso di reti multiple basate sull’anonimato come I2P e Tor per oscurare gli indirizzi IP degli utenti. Verge offre tempi rapidi di liquidazione della transazione sulla sua blockchain.

Fornisce inoltre più portafogli mobili sicuri, tra cui il portafoglio Android Tor per l’anonimato mobile. I detentori di Verge (XVG) possono ora guadagnare premi come NetCents, e ha stretto una partnership con ZOMONGO. La rete digitale di ZOMONGO comprende oltre 90.000 punti vendita di ZOMONGO, 3,5 milioni di camere d’albergo e 22 aeroporti principali.

Tron [TRX]

Guardando le prestazioni di queste criptovalute, Tron ha descritto un esempio di come una valuta digitale dovrebbe diventare rialzista. A prescindere dal mercato ribassista, TRX ha registrato un’impennata del suo prezzo, e poiché è basso da metà dicembre del 2018, Tron ha moltiplicato il prezzo. Detiene l’ottavo posto su coinmarketcap con l’attuale capitalizzazione di mercato di $ 1,608,694,802 USD.

Tron è avanti anche nel campo della beneficenza. Secondo le ultime notizie, la Fondazione TRON ha donato $ 250.000 alla campagna di sensibilizzazione #VoiceYourLove organizzata dall’Associazione ALS che mira a scoprire nuovi trattamenti e farmaci per i pazienti con sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Pundi X [NPXS]

Indipendentemente dal fatto che il mercato della crittografia sia ancora lontano dai punti alti che potrebbe raggiungere, Pundi X (NPXS) è una di quelle monete che sta lentamente e costantemente guadagnando popolarità.

 

Pundi X (NPXS) desidera aprire la strada per rendere le forme digitali di denaro accessibili a più persone. Pundi X [NPXS] ha cambiato l’attività di vendita al dettaglio con la sua soluzione POS (point of sale) basata su blockchain. Consente all’azienda di acquistare, vendere e riconoscere tutti i metodi di pagamento, inclusa la valuta digitale. PundiX ha conquistato la ribalta nel quarto trimestre del 2018 quando ha lanciato il primo cellulare al mondo basato su blockchain Xphone. Il quale utilizza il sistema operativo esclusivo della società: la funzione X.

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY