Microsoft: chiusura del primo trimestre in positivo

I risultati fiscali pubblicati da Microsoft relativi al primo trimestre fiscale, hanno riportato un utile di 4,7 miliardi netti ed un reddito complessivo di 20,5 miliardi di dollari. Il bilancio in positivo è stato reso possibile grazie alle ottime performance di Cloud ed Office di casa Redmon, la versione commerciale della suite Office è salita al 5% mentre la versione Consumer ha ottenuto un +8%, stessa percentuale realizzate dal settore Cloud. In calo le entrate dal settore Mobile (-72%) ampiamente prevedibile data la mancanza di aggiornamenti dei modelli Lumia, un dato che fa pensare ad una strategia Microsoft che punti al Surface Phone per rilanciare la casa produttrice nella fascia alta del mercato.

microsoft

Surface

I prodotti Surface di Microsoft hanno ottenuto risultati positivi, realizzando nei tre mesi di riferimento 926 milioni di dollari con una crescita pari al 36% rispetto all’anno precedente. Con la linea Surface, Microsoft, è riuscita a distinguersi in originalità e qualità grazie ai modelli Surface Pro 4 e Surface Book, inoltre a breve la famiglia Surface accoglierà l’arrivo di un nuovo membro: Surface All-in-One.

Grazie alla chiusura del trimestre fiscale in positivo e al recente acquisto di Linkedin, le azioni di MSFT sono salite nel mercato azionario al di sopra di 60 dollari, quotazione che non avveniva dal 1999.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY