Novembre è il mese delle tasse: a partire da 1350€ a persona

mese delle tasse

Un nuovo allarme in arrivo per i contribuenti, in arrivo un terremoto, non un sisma pronto a radere a suolo le nostre città, ma uno pronto a destabilizzare e a far tremare i nostri conti, un terremoto fiscale. Previste per novembre infatti delle tasse che partono da 1350 euro a testa! Sarà un mese delle tasse!

Il mese delle tasse: la stangata per i contribuenti

Novembre, secondo il Cgia di Mestre, insieme a giugno, luglio e dicembre, è uno dei mesi in cui gli italiani sono costretti a tirare fuori più liquidità dal proprio portafoglio per far fronte alle imposte statali. mese delle tasse

Quali sono le imposte che si dovranno fronteggiare?

La prima fra tutte e più corposa è “l’Ires“, imposta sul reddito delle società di capitali, subito dopo c’è l’Iva, pagata da circa 5,2 milioni di lavoratori autonomi ed imprese. Poi troviamo l’Irpef, imposta sul reddito delle persone fisiche ed infine l’Irap, acronimo di imposta regionale attività produttive, anche questa con un target di 5 milioni di individui.

Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma come bisogni rendere più semplice il rapporto tra la pubblica amministrazione e le attività economiche.

E’ stato anche calcolato che per pagare tutte le tasse nel giro di un anno si impiegano 30 giorni lavorativi. Questi trenta giorni racchiudono tutto l’itinere di ogni singolo contribuente che deve documentarsi, capire quali imposte pagare, prendere e compilare la dovuta modulistica, fare code, recarsi dal commercialista e fare tutto ciò che deve per non essere perseguito penalmente. Inoltre deve fare i conti con i tempi non proprio corti, degli uffici pubblici e del personale che ci lavora. Un paragone viene spontaneo ad esempio con l’Irlanda, dove è stato calcolato che i giorni per tutte queste procedure scendono a 10 e permettono un risparmio temporale non indifferente.

Ecco dunque perché novembre è considerato come un mese delle tasse.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY