Mercato unico USA – Europa: non sogni ma solide realtà

euro-dollaro

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea si avviano a creare uno spazio di libero commercio. Una tale operazione non si vedeva da molto tempo, l’ultima di queste dimensioni sancì la nascita dell’odierna UE.

La grandezza dell’operazione è certificata dai numeri. L’Europea e gli Usa assieme generano il 47% del Pil mondiale. Il giro di affari sommato delle due aree raggiunge i 2 miliardi di euro (e quindi 2,7 miliardi di dollari). Il numero delle transazioni Usa-Ue equivale a un terzo delle transazioni mondiali.

Non sarà facile unire i due mercati. I lavori inizieranno tra qualche mese e dureranno due anni. Le cose da fare sono molte: eliminare dazi e tariffe, innanzitutto, ma anche standardizzare le norme sui servizi finanziari, garantire le stesse protezioni per gli investimenti sia di oltreoceano che europei, decidere regole uguali per l’industria e così via.

Non sarà facile perché gli Usa e l’Ue sono diversi in molte cose. Una distanza apparentemente insormontabile è quella tra le due etiche. Alcune norme degli Stati Uniti sono semplicemente amorali (non immorali si noti bene), come quelle sulle armi e sugli Ogm. Su questo fronte Barroso ha rassicurato che l’Europa non aprirà a compromessi di sorta.

Insomma, è necessario un po’ di sforzo, ma i vantaggi di questa operazione non sono da poco. Inietterà nelle casse europee 83 miliardi (all’anno) di solo commercio, mentre saranno 65 i miliardi che andranno a riempire le casse degli Stati Uniti. Non solo: l’ampliamento delle attività commerciali porterà i due colossi dell’Occidente fuori dalle sacche della crisi, visto che il commercio è l’arma più naturale per far ripartire un’economia in recessione. Tutto ciò si tradurrà in un aumento del PIL dello 0,5% sia negli Usa che nell’Ue e, soprattutto, nella creazione di milioni di posti di lavoro. Certo, sembrano numeri altisonanti e fuori dalla realtà, ma a pronunciarli sono stati nientemeno che Van Rompuy e Barrosso, rispettivamente Presidente del Consiglio Europeo e Presidente della Commissione Europea.

Tutto auspicabile? A dire la verità no. La creazione di grossi mercati unici, alla fine dei giochi, ha dimostrato che ad avvantaggiarsi sono le economie – sempre all’interno dello spazio comune – che esportano di più. Ovviamente anche chi importa ha grossi benefici, visto che un’import “scontato” fa respirare le casse dello Stato, ma è solo l’export a garantire una crescita economica reale. Non c’è alcun dubbio che il primato dell’export sarebbe appannaggio degli americani: il dollaro vale meno dell’euro e potrebbe valere ancora meno. Il sistema Usa, infatti, è capace di svalutare la propria moneta grazie al pompaggio di liquidità (per ora regolare) della Federal Reserve. L’Unione Europea non ha questa possibilità.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

2 commenti

  1. Ah, sì lo hanno detto Van Rompuy e Barrosso. Allora mi tocco i cosidetti zebedei. Bisognerebbe nominarli a Nigel Farage questi due tipi. Mamma mia che coppia!

  2. “Certo, sembrano numeri altisonanti e fuori dalla realtà, ma a pronunciarli sono stati nientemeno che Van Rompuy e Barrosso, rispettivamente Presidente del Consiglio Europeo e Presidente della Commissione Europea.”
    Posso esprimere scetticismo proprio perché sono stati questi due signori a pronunciarli?

LEAVE A REPLY