Mercato over the counter (OTC): cosa significa, come funziona, rischi

Cos’è il Mercato over the counter? Cosa significa mercato over the counter? Il mercato over the counter è una truffa? Cosa significa OTC?

Se vi state ponendo queste domande, evidentemente avete letto o sentito del mercato over the counter. E vi starete chiedendo di cosa si tratta. Di seguito forniremo un po’ di informazioni sul mercato Over the counter (otc).

Migliori piattaforme per fare trading

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Mercato Over the counter cos’è

Cos’è il mercato Over the counter? Conosciuto anche, e soprattutto, con l’acronimo OTC, si tratta di un titolo negoziato in un contesto diverso da un Exchange formale come il New York Stock Exchange (NYSE), il Toronto Stock Exchange o il NYSE MKT. Precedentemente noto come American Stock Exchange (AMEX).

La frase “over-the-counter” può essere utilizzata per riferirsi a titoli che operano attraverso una rete di concessionari anziché su una centrale centralizzata. Si riferisce anche a titoli di debito e altri strumenti finanziari, come i derivati, che sono negoziati attraverso una rete di concessionari.

Mercato Over the counter come funziona

Come funziona il mercato Over the counter? Per molti investitori, c’è poca differenza pratica tra OTC e le principali borse. Miglioramenti nella quotazione e negoziazione elettronica hanno facilitato una maggiore liquidità e una migliore informazione. Tuttavia, ci sono differenze chiave tra i mezzi di transazione.

In una borsa, ogni parte è esposta alle offerte di ogni altra controparte, che potrebbe non essere il caso nelle reti di concessionari. C’è meno trasparenza e regolamentazione severa su questi scambi, così gli investitori poco sofisticati assumono rischi addizionali e potrebbero essere soggetti a condizioni avverse.

OTC Markets Group cosa sono

Cosa sono gli OTC Markets Group? I gruppi OTC Markets gestiscono alcune delle reti più conosciute, come il mercato OTCQX Best, il mercato dei capitali OTCQB e il mercato aperto rosa. Questi mercati includono titoli non quotati che sono noti per essere negoziati su Over the Counter Bulletin Board (OTCBB) o sui fogli rosa.

Sebbene il Nasdaq operi come una rete di concessionari, gli stock di Nasdaq non sono generalmente classificati come OTC perché il Nasdaq è considerato una borsa valori. Viceversa, gli stock OTCBB sono spesso titoli azionari o sono offerti da società con record di credito cattivo. Il mercato OTCQX Best comprende titoli di società che hanno le maggiori capitalizzazioni di mercato e una maggiore liquidità rispetto agli altri mercati.

L’OTCBB scambia titoli che sono piccoli e in via di sviluppo e che riferiscono alle autorità di regolamentazione. Le scorte di lenzuola rosa sono disponibili in un’ampia varietà.

Mercato over the counter è sicuro?

Il mercato Over the counter è sicuro? Le azioni sono solitamente negoziate OTC perché la società è piccola e non può soddisfare i requisiti di quotazione in borsa. Conosciuto anche come titoli non quotati, questi titoli sono negoziati da broker-dealer che negoziano direttamente tra loro tramite reti di computer e per telefono.

I dealer agiscono come market maker e l’OTC Bulletin Board è un sistema di quotazione inter-dealer che fornisce informazioni di trading. Alcune grandi aziende note sono quotate sui mercati OTC.

Ad esempio, OTCQX commercializza Allianz, BASF, Roche e Danone. Le ricevute di deposito americane, che rappresentano azioni di un titolo azionario negoziato in una valuta estera, sono spesso negoziate in OTC, perché la società sottostante non desidera soddisfare i rigorosi requisiti di cambio.

Strumenti come le obbligazioni non sono negoziati in uno scambio formale e sono anche considerati titoli OTC. La maggior parte degli strumenti di debito sono negoziati dalle banche di investimento che fanno mercati per questioni specifiche. Un investitore deve chiamare la banca che fa il mercato in quella obbligazione e chiede preventivi per comprare o vendere un’obbligazione.

OTC cosa significa?

Cosa significa OTC? E’ appunto l’acronimo di Over the counter, che a sua volta indica un mercato che avviene fuori da quello ordinario. Infatti, questo termine si utilizza anche per i medicinali venduti fuori banco o senza prescrizione medica.

Mercato over the counter rischi

Quali sono i rischi del mercato Over the counter? L’architettura dei mercati OTC aiuta a spiegare perché i titoli strutturati (che dividono il rischio delle attività sottostanti in diverse fette, ciascuno dei quali è venduto separatamente) hanno affrontato problemi durante la recente crisi finanziaria.

Anche i derivati su crediti, la carta commerciale, le obbligazioni municipali e i prestiti agli studenti cartolarizzati hanno avuto problemi. Tutti sono stati scambiati su mercati OTC, che erano liquidi e funzionavano piuttosto bene durante i tempi normali. Ma non riuscirono a dimostrare resistenza alle interferenze del mercato e divennero illiquidi e disfunzionali nei momenti critici.

Ciò ha portato a due gravi complicazioni: l’incapacità di valutare le partecipazioni e l’incapacità di venderle:

a) Senza mercati liquidi e ordinati, non vi era alcun processo di scoperta dei prezzi e, a sua volta, non era un modo facile e definitivo per valutare i titoli. Il fallimento del processo di scoperta dei prezzi ha aggravato i problemi delle banche e di altre società finanziarie durante la recente crisi rendendo più difficile soddisfare i requisiti di informativa e comunicazione sul valore delle loro posizioni in titoli e derivati.

Non solo non c’erano prezzi di mercato diretti efficienti, spesso non c’erano prezzi di riferimento (che sono prezzi di attività simili a quelli che vengono valutati). Di conseguenza, le attività e le posizioni una volta valutate ai prezzi di mercato sono state invece valutate attraverso modelli che a volte non erano adeguatamente informati dai prezzi di riferimento. Questi problemi di valutazione hanno ulteriormente abbassato i prezzi dei titoli interessati.

b) I concessionari, affrontando una crisi sul lato finanziario dei loro bilanci e detenendo una quantità eccessiva di attività illiquide dall’altra, si sono ritirati dai mercati. Il balzo della volatilità ha reso particolarmente pericoloso e costoso per i concessionari continuare a fare mercati. Senza i concessionari, non c’era scambio, specialmente in titoli come obbligazioni di debito collateralizzate, alcuni titoli municipali e derivati di credito.

Senza acquirenti, gli investitori non potevano ridurre le perdite scambiando per perdere posizioni e non potevano vendere quelle posizioni per soddisfare le richieste di maggiori margini o garanzie per impegnarsi a contrarre prestiti che avevano stipulato per acquistare quegli strumenti. Questa illiquidità nei mercati OTC ha contribuito alla profondità e all’ampiezza della crisi finanziaria.

Le principali iniziative di riforma normativa in corso negli Stati Uniti, nell’Unione europea e in altri mercati finanziari sviluppati stanno affrontando direttamente questi problemi. In alcuni casi il commercio viene spostato dai mercati OTC ai mercati di scambio.

In altri, il processo di compensazione post-negoziazione delle transazioni OTC viene spostato sempre più in stanze di compensazione (note anche come controparti centrali di compensazione). Anche le relazioni commerciali per le transazioni OTC fanno parte degli sforzi di riforma. Il ruolo del concessionario nei mercati OTC non è, tuttavia, affrontato esplicitamente se non attraverso requisiti di capitale possibilmente più elevati.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY