Mercato dell’auto in crescita del 17,2%

Il mercato dell’auto in Italia continua ad andare molto bene e si registra un ulteriore incremento rispetto ai mesi passati. Nel mese di settembre sono state, infatti, immatricolate 130.071 autovetture con un aumento del 17,2% rispetto allo stesso mese del 2014. Questo è quanto emerge dai dati diffusi nella giornata di ieri dal Ministero delle Infrastrutture.

Nei primi nove mesi dell’anno le consegne complessive sono state 1.196.270, con un incremento del 15,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Dato che scaturisce da un decremento delle vendite a società (-2,8%) e da un incremento delle vendite a privati (+24,6%).
Fiat Chrysler guida la ripresa con un incremento del 20,3% e con 36.900 immatricolazioni, permettendo al gruppo di raggiungere una quota di mercato pari al 28,4%. Nello specifico, a fine settembre Jeep ha fatto registrare una crescita del 251,1% (grazie soprattutto alla Renegade), Alfa Romeo dell’11% e di Lancia Chrysler del 3,8%. I modelli FCA più venduti lo scorso mese sono stati: Panda (auto più venduta in assoluto), Ypsilon, Punto, 500L e 500X.
Discorso diverso per Volkswagen che ha visto un calo dell’1,37% sul nuovo e dell’1,44% sull’usato; la quota di mercato della casa di Wolfsburg scende al 6,82%. D’altro canto, Audi ha registrato un aumento del 18,35% con 4.889 vetture vendute, Seat del 5,26% con 921 vetture, e Skoda del 22,07% con 1.300 veicoli immatricolati.
In generale, in Italia, se dovesse procedere così la tendenza, si potrebbe arrivare a 1.560.000 auto vendute nell’anno con un aumento considerevole rispetto al 2014 (1.359.767); numeri però ancora ben lontani dai 2 milioni di veicoli immatricolati negli anni pre-crisi economica.

Nuovi aggiornamenti dal fronte Dieselgate. Ieri sono usciti i dati ufficiali: i veicoli taroccati con motore diesel euro5 tipo EA 189 in Italia sono 648 mila (361 mila Volkswagen, 197 mila Audi, 35 mila Seat, 38 mila Skoda e 15 mila veicoli commerciali). Si aspettano a giorni le decisioni in merito a tempistiche e modalità degli interventi di manutenzione.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY