Mediaset: Vivendi punta a diventare il secondo azionista

La società francese Vivendi dopo aver superato la soglia del 3% del capitale di Mediaset, ha comunicato che non smetterà di acquistare le azioni stando alle condizioni di mercato e se possibile punta a diventare il secondo maggiore azionista, con una quota che oscilla tra il 10 ed il 20%.

Nonostante gli attriti nati lo scorso aprile per la mancata esecuzione da parte di Mediaset del contratto con il quale si dava inizio ad una partnership strategia, Vivendi non perde di vista il valore della società italiana.

mediaset

Il contenzioso Mediaset Premium

La partnership strategica tra Vivendi e Mediaset prevedeva la produzione e la distribuzione congiunta di programmi tv e la creazione di una nuova piattaforma televisiva mondiale. L’avvio di questa operazione congiunta sarebbe dovuto essere l’acquisizione da parte di Vivendi del 100% di Mediaset Premium e del 3,5% del capitale sociale di Mediaset, in cambio del 3,5% del capitale di Vivendi, tuttavia l’acquisizione di Mediaset Premium ha fatto nascere un contenzioso tra le due società. Nonostante le diatribe l’interesse strategico di Vivendi per sviluppare la propria attività in Europa meridionale non ha vacillato.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY