Mediaset e Vivendi, continuano i problemi, a rischio il calcio

mediaset

Continuano i dissidi tra Vivendi e Mediaset. La società del Biscione aveva iniziato ad avviare delle trattative con la società francese già nella scorsa primavera per farle acquistare e conseguentemente risanare parte di Premium, in crisi.

La nuova beffa di Vivendi a Mediaset

I mancati accordi amichevoli riusciti e l’aver poi intrapreso una causa legale per mancato risoluzione del contratto, effettuata da Mediaset, ha veramente chiuso i ponti con l’azienda francese televisiva. Lo stesso proprietario, Pier Silvio Berlusconi, aveva annunciato che tutto quello che stava succedendo era ben noto che l’unica cosa da fare in questo momento sarebbe stata di attendere l’udienza firmata per il giorno 8 novembre. Tuttavia, i francesi comunicato la cessazione dell’interim management, ossia la clausola che congelava per Premium la gestione aziendale.mediaset Da questo momento in poi per Mediaset la situazione si fa sempre più dura, in quanto dovrà giocarsi l’esclusiva di partite e coppe all’asta, senza avere l’assoluta certezza di riuscire a farle entrare nel proprio pacchetto. Ciò potrebbe tradursi in ulteriori perdite che farebbero precipitare le azioni e l’intera società milanese più in profondità.

Che sia dunque questo un estremo tentativo dei francesi per ritornare a trattare per Premium a prezzi più mitigati?

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY