Mastercard multata per 570 milioni di euro dall’Ue, i motivi

Il colosso dei bancomat, Mastercard, è stato multato pesantemente dall’Unione europea, per 570 milioni di euro. La motivazione sta, secondo la Commissione che ha preso questa dura decisione, nell’abuso di posizione dominante.

Più precisamente, Mastercard “avrebbe limitato la possibilità per i commercianti di beneficiare di condizioni migliori offerte dalle banche stabilite nel mercato unico”. E ancora, sarebbe colpevole di aver “aumentato artificialmente i costi dei pagamenti con carta a scapito dei consumatori e dei commercianti europei” e “impedito ai commercianti l’accesso ai servizi di pagamento con carta transfrontaliera”, violando così le norme sull’abuso di posizione dominante.

Occorre comunque dire che Mastercard ha collaborato con la Commissione, ottenendo in cambio una riduzione della multa pari al dieci percento. Vediamo nel dettaglio cosa ha commesso Mastercard per meritarsi una simile pena.

Mastercard imponeva alle banche di applicare commissioni

Scendendo nei particolari, Mastercard richiedeva alle banche acquirenti di applicare le commissioni di interscambio del paese in cui il rivenditore era stabilito. Prima del 9 dicembre 2015, periodo nel quale i regolamenti sulle commissioni interbancarie hanno introdotto i massimali, questi diritti variavano in maniera sensibile da uno Stato all’altro.

In virtù di questo, quanti risiedevano in quei paesi con una commissione interbancaria elevata, non potevano beneficiare delle tariffe più basse offerte dall’acquisizione di banche situate in altri stati membri.

Le indagini nei confronti di Mastercard sono partire nell’aprile 2013. Si è quindi giunti alla conclusione che i dettaglianti pagavano di più e si sono rivalsi sui consumatori. Il che ha ridotto così la concorrenza transfrontaliera e adulterato il mercato.

Inoltre, le regole imposte dal colosso del circuito interbancario, hanno altresì “hanno ai dettaglianti di percepire commissioni più basse e hanno ristretto la concorrenza transfrontaliera tra banche, in violazione delle norme europee sui cartelli e sull’abuso di posizione dominante”.

L’indagine perviene pertanto alla conclusione che Mastercard ha modificato le regole in vista dell’ingresso del regolamento “Interchange fee”.

Come si difende Mastercard

Mastercard ha dichiarato che la vicenda pone “fine a un’indagine riguardante le regole di acquiring di Mastercard a livello centrale europeo, in vigore fino al 2015”. Sottolineando che la sanzione “si riferisce ad un periodo di tempo limitato, meno di 2 anni, e non richiederà alcuna modifica delle attuali pratiche commerciali”.

Non contesta invece l’importo commutato dall’antitrust europeo, che invece ritiene “coerente con l’importo precedentemente comunicato da Mastercard che sarebbe stato preso in carico nell’ultimo trimestre 2018”.

La società tiene anche a precisare di vedere la chiusura della vicenda come un’importante pietra miliare per se stessa. Impegnandosi in futuro a concentrarsi maggiormente su quanto sa fare meglio. Vale a dire sviluppare e fornire soluzioni di pagamento sicure e semplici capaci di creare valore reale appannaggio dell’utenza finale. Vale a dire una platea molto larga che va dai consumatori ai clienti, passando per rivenditori fino ad istituzioni.

Mastercard cos’è

Mastercard Incorporated (stilizzata come MasterCard dal 1979 al 2016 e mastercard dal 2016 al 2019) è una multinazionale americana di servizi finanziari con sede in Purchase, New York, Stati Uniti. Il quartier generale delle operazioni globali si trova a O’Fallon, nel Missouri, negli Stati Uniti, un comune della contea di St. Charles, nel Missouri.

In tutto il mondo, la sua attività principale consiste nell’elaborare i pagamenti tra le banche di commercianti e le banche emittenti le carte o le unioni di credito degli acquirenti che utilizzano il credito, il credito e le prepagate del marchio “Mastercard” per effettuare acquisti. Mastercard Worldwide è stata una società quotata in borsa dal 2006. Prima della sua offerta pubblica iniziale, Mastercard Worldwide era una cooperativa di proprietà delle oltre 25.000 istituzioni finanziarie che emettono le sue carte di marca.

Mastercard, originariamente conosciuta come “Interbank” e “Master Charge” dal 1966 al 1979, è stato creato da diverse banche della California come concorrente di BankAmericard emesso da Bank of America, che in seguito divenne la carta di credito Visa emessa da Visa Inc.

Mastercard storia

Le banche originarie dietro Mastercard erano United California Bank (successivamente First Interstate Bank e successivamente fuse in Wells Fargo Bank), Wells Fargo, Crocker National Bank (anche successivamente fuse in Wells Fargo) e Bank of California

Nel 1966, questo gruppo di banche della California costituì l’Interbank Card Association (ICA). Con l’aiuto di Marine Midland Bank di New York (ora HSBC Bank USA), queste banche si unirono con l’ICA per creare “Master Charge: The Interbank Card”. La carta ricevette un notevole impulso nel 1969, quando la First National City Bank entrò a far parte, fondendo la sua proprietà Everything Card con Master Charge.

Nel 1968, l’ICA e Eurocard avviarono un’alleanza strategica, che di fatto permise all’ACI di accedere al mercato europeo, e per Eurocard essere accettato sulla rete ICA. Il sistema delle carte di accesso del Regno Unito è entrato a far parte dell’alleanza ICA / Eurocard nel 1972.

Nel 1979, “Master Charge: The Interbank Card” è stato rinominato “MasterCard”. Nel 1997, Mastercard ha rilevato la carta di accesso; il marchio Access è stato poi ritirato. Nel 2002, MasterCard International si è fusa con Europay International, un’altra grande associazione di emittenti di carte di credito, di cui Eurocard era entrata a far parte nel 1992. A metà del 2006, MasterCard International ha cambiato nome in MasterCard in tutto il mondo. Ciò è stato fatto per suggerire una scala più globale delle operazioni.

Inoltre, la società ha introdotto un nuovo logo aziendale aggiungendo un terzo cerchio ai due che erano stati utilizzati in passato (il familiare logo della carta, simile a un diagramma di Venn, è rimasto invariato). Allo stesso tempo è stata introdotta una nuova tagline aziendale: “The Heart of Commerce”.

Nell’agosto 2010, MasterCard ha ampliato la sua offerta di e-commerce con l’acquisizione di DataCash, un fornitore di servizi di elaborazione dei pagamenti e frodi / gestione con sede nel Regno Unito. Nel marzo 2012, MasterCard ha annunciato l’espansione del suo programma di pagamenti mobili senza contatto, compresi i mercati in Medio Oriente. Nella primavera 2014, MasterCard ha acquisito Pinpoint, la principale società australiana di gestori di premi, per un importo non divulgabile.

Mastercard ha collaborato con Apple nel settembre 2014 per incorporare una nuova funzionalità di portafoglio mobile nei nuovi modelli di iPhone di Apple, consentendo agli utenti di utilizzare più facilmente la propria Mastercard e altre carte di credito. A luglio 2016, Mastercard ha introdotto il nuovo rebranding , insieme a un nuovo logo aziendale. Inoltre, hanno cambiato il loro nome di servizio da “MasterCard” a “mastercard”.

Nel mese di agosto 2017, Mastercard ha acquisito Brighterion, una società del Delaware con sede a San Francisco, in California, che fornisce un portafoglio di tecnologie di intelligenza artificiale e apprendimento automatico. Brighterion detiene diversi brevetti.

Mastercard quotazione in Borsa

La società, che era stata organizzata come una cooperativa di banche, ha avuto un’offerta pubblica iniziale il 25 maggio 2006, vendendo 95,5 milioni di azioni a 39 dollari ciascuna. Lo stock è quotato sul NYSE con il simbolo MA, con una capitalizzazione di mercato di $ 236,15 miliardi a partire da agosto 2016.

Mastercard, precedenti casi giuridici

Mastercard, insieme a Visa, è stato citato in giudizio in una class action da parte degli operatori ATM che afferma che le regole delle reti di carte di credito fissano in modo efficace le tariffe di accesso all’ATM. La causa afferma che si tratta di una restrizione al commercio in violazione della legge federale.

La causa è stata presentata dal Consiglio nazionale ATM e da operatori indipendenti di sportelli automatici. Più specificamente, si afferma che le regole di rete di Mastercard e Visa vietano agli operatori ATM di offrire prezzi inferiori per le transazioni su reti PIN-debito che non sono affiliate con Visa o Mastercard.

La causa dice che questa fissazione dei prezzi aumenta artificialmente il prezzo che i consumatori pagano con gli ATM, limita le entrate che gli operatori bancari guadagnano e viola il divieto dello Sherman Act contro restrizioni irragionevoli del commercio.

Johnathan Rubin, un avvocato dei querelanti, ha dichiarato: “Visa e Mastercard sono i capigruppo, gli organizzatori e gli esecutori di una cospirazione tra le banche degli Stati Uniti per fissare il prezzo delle tariffe di accesso ATM per tenere a bada la concorrenza.”

Sia Mastercard che Visa hanno pagato circa $ 3 miliardi di danni derivanti da una causa per azioni collettive presentata da Hagens Berman nel gennaio 1996. Il contenzioso menziona diversi attori della vendita al dettaglio come querelanti, tra cui Wal-Mart, Sears, Roebuck & Co., e Safeway.

Nell’ottobre 2010, Mastercard e Visa hanno raggiunto un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti in un altro caso antitrust. Le società hanno accettato di consentire ai commercianti di visualizzare i propri loghi di rifiutare determinati tipi di carte (perché le commissioni di interscambio differiscono) o di offrire sconti ai consumatori per l’utilizzo di carte più economiche.

Il 27 novembre 2012 un giudice federale ha emesso un’ordinanza che concede l’approvazione preliminare a una proposta di risoluzione di una causa di class action presentata nel 2005 da commercianti e associazioni di categoria contro Mastercard, Visa e molte carte di credito emittenti. La causa è stata presentata a causa della fissazione dei prezzi e di altre pratiche commerciali anticoncorrenziali adottate da Mastercard e Visa.

La maggior parte dei querelanti di classe nominata ha obiettato e ha promesso di rinunciare alla transazione. Gli oppositori si oppongono a disposizioni che potrebbero bloccare le azioni legali future e persino impedire ai commercianti di escludere parti significative della soluzione proposta. Stephen Neuwirth, avvocato in rappresentanza di Home Depot, ha dichiarato: “È ovvio che Visa e Mastercard sono disposti a effettuare un pagamento consistente a causa della portata delle pubblicazioni rilasciate. È tutto un quid pro quo e ai negozianti come l’Home Depot viene negato la possibilità di rinunciare a quel quid pro quo e dire che questo è un cattivo affare.”

I querelanti sostengono che Visa, Mastercard e le principali emittenti di carte di credito si sono impegnate in una cospirazione per fissare le commissioni di interscambio, note anche come tasse di scorrimento, che sono addebitati ai commercianti per il privilegio di accettare carte di pagamento a livelli artificialmente elevati. Nella loro denuncia, i ricorrenti hanno anche affermato che i convenuti ingiustamente impedivano ai commercianti di incoraggiare i clienti a utilizzare forme di pagamento meno costose quali carte a basso costo, contanti e assegni.

L’accordo prevede l’equivalente in denaro di un 10 riduzione del punto base (0,1 percento) delle tariffe swipe addebitate ai commercianti per un periodo di otto mesi. Questo periodo di otto mesi probabilmente inizierebbe a metà del 2013. Il valore totale dell’insediamento sarà di circa 7,25 miliardi di dollari.

Mastercard e le varie partnership

Mastercard, Comerica Bank e il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti si sono uniti nel 2008 per creare la carta di debito prepagata Direct Express Debit Mastercard. Il governo federale utilizza il prodotto Express Debit per emettere pagamenti elettronici a persone che non dispongono di conti bancari, che vengono spesso definiti collettivamente come “unbanked”. Comerica Bank è la banca emittente della carta di debito.

Le carte Direct Express offrono ai destinatari una serie di protezioni per i consumatori.

Nel giugno 2013, Mastercard ha annunciato una partnership con British Airways per offrire ai soci il passaporto in contanti multivaluta dell’Executive Club, che consentirà ai membri guadagnare punti extra e effettuare pagamenti multi-valuta. La carta Passport consente agli utenti di caricare fino a dieci valute (euro, sterlina, dollaro USA, lira turca, franco svizzero, dollaro australiano, dollaro canadese, dollaro neozelandese, dirham americano e rand sudafricano) a una tariffa bloccata.

Quando viene utilizzata, la carta seleziona la valuta locale per garantire il miglior tasso di cambio, e se la valuta locale non è già caricata sulla carta, i fondi vengono utilizzati da altre valute.

Programmi di carte multivaluta simili sono usati da fintech aziende come Centtrip, Caxton e Metro Bank, utilizzando la credibilità di Mastercard e l’accettazione globale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY