Marlboro pensa ad investimento in cannabis

Le azioni collegate al settore della Cannabis stanno vivendo un importante fermento. Grazie al fatto che sempre più paesi stanno adottando la canapa per vari scopi. Ma anche perché alcuni colossi si stanno avvicinando a questo settore per nuovi progetti d’investimento. Si pensi a Coca-Cola, che vuole lanciare una bevanda con la marijuana o Marlboro, con Altria, il colosso cui fa capo la nota marca di sigarette, che ha avviato colloqui con il produttore canadese di marijuana Cronos.

Non è ancora chiaro se Marlboro vuole rilevare la società o acquistare solo una sua quota. Fatto sta che, come sovente accade, basta una notizia per scuotere i mercati (si pensi a quanto sta accadendo dopo l’arresto della figlia del fondatore di Huawei in Canada). Infatti, le azioni di Cronos sno aumentare del 15% sul listino canadese.

Come dicevamo, la cannabis è un settore in forte ascesa. Il ricco Canada ha legalizzato la sua coltivazione e vendita dallo scorso ottobre. Inoltre, il consumo di Cannabis viene consentito da sempre più paesi negli Usa. Gli analisti calcolano in 11 miliardi di dollari il giro d’affari per il settore nel 2018. la crescita sarà esponenziale, al punto che arriverà a 75 miliardi di dollari entro il 2030. Quindi, molti stanno fiutando, e fumando, l’affare.

Prima abbiamo accennato all’interesse della Coca-Cola per la cannabis. Con la possibilità di realizzare una bevanda al gusto di cannabis. Ma anche Constellation Brands (il produttore della birra Corona), che vuole produrre un nuovo drink a base di marjuana.

La cannabis ha subito negli ultimi anni un restyling. In primis, ha subito trattamenti di «ripulitura», grazie al fatto che il contenuto di Thc, la sostanza psicotica in essa contenuta, è ormai prossima allo zero. Inoltre, la cannabis viene sempre più rivalutata per scopi terapeutici. E non solo dalla cosiddetta medicina alternativa. I medicinali ufficiali a base di cannabis stanno crescendo sempre più.

⇒ CLICCA QUI PER INVESTIRE LEGALMENTE SULLA CANNABIS CON 24OPTION

Marlboro, chi è il colosso che punta sulla cannabis

Marlboro è un marchio americano di sigarette, attualmente di proprietà e fabbricato da Philip Morris USA (una filiale di Altria) negli Stati Uniti, e di Philip Morris International (ora separata da Altria) al di fuori degli Stati Uniti. Richmond, in Virginia, è la sede del più grande impianto di produzione di sigarette di Marlboro. Marlboro è il marchio di sigarette più venduto a livello mondiale dal 1972.

Philip Morris, un fabbricante di sigarette con sede a Londra, nel 1902 aprì una filiale di New York per vendere molti dei suoi marchi di sigarette. Il marchio “Marlboro” è stato registrato negli Stati Uniti nel 1908, anche se nessuna sigaretta è stata commercializzata con questo nome fino al 1923.

Nel 1924, il marchio è stato lanciato. Sono stati inizialmente commercializzati come “sigarette di lusso d’America” e venduti principalmente in hotel e resort. Intorno agli anni ’30, stava iniziando a essere pubblicizzato come una sigaretta da donna, basato sullo slogan “Mild As May”. Il nome è stato preso da una strada di Londra dove si trovava la fabbrica britannica di Philip Morris. Tuttavia, già nel 1885, un marchio chiamato “Marlborough” veniva già commercializzato come “preferito dalle donne” di Philip Morris & CO.

⇒ CLICCA QUI PER INVESTIRE LEGALMENTE SULLA CANNABIS CON 24OPTION

Negli anni ’30, la pubblicità per la sigaretta si basava principalmente sul modo in cui la sigaretta filtro era femminile, nel tentativo di attirare il mercato di massa. A tal fine, il filtro aveva una fascia rossa stampata intorno a sé per nascondere le macchie di rossetto, definendolo “Consigli di bellezza per tenere la carta dalle labbra”.

Poco prima della seconda guerra mondiale, le vendite del marchio ristagnavano a meno dell’1% delle vendite di tabacco negli Stati Uniti e fu ritirato brevemente dal mercato. Dopo la guerra, Camel, Lucky Strike e Chesterfield erano le uniche sigarette comuni. Dopo gli scienziati hanno pubblicato uno studio importante che collegava il fumo al cancro del polmone negli anni ’50, Philip Morris ha riposizionato Marlboro come sigaretta maschile per adattarsi a una nicchia di mercato di uomini che erano preoccupati per il cancro ai polmoni.

All’epoca, le sigarette filtrate erano considerate più sicure delle sigarette non filtrate, ma fino ad allora erano state commercializzate solo per le donne. Gli uomini all’epoca hanno indicato che mentre loro considererebbero il passaggio a una sigaretta filtrata, erano preoccupati di essere visti fumare una sigaretta venduta alle donne.

Il pacchetto rosso e bianco è stato progettato dal designer Frank Gianninoto. L’emblema è posto sopra il mazzo e ha la popolare espressione latina Veni, vidi, vici (“Sono venuto, ho visto, ho conquistato”), scritto da Giulio Cesare. Il riposizionamento di Marlboro come sigaretta da uomo è stato gestito dall’inserzionista di Chicago Leo Burnett. La campagna proposta doveva presentare una schiera di figure virili: capitani di mare, sollevatori di pesi, corrispondenti di guerra, operai edili, ecc. Il cowboy doveva essere stato il primo di questa serie. Mentre Philip Morris era preoccupata per la campagna, alla fine hanno dato il via libera.

La quota di mercato di Marlboro è salita da meno dell’1% al quarto marchio più venduto. Questo convinse Philip Morris a lasciare la fila di figure virili e ad attaccare con il cowboy, più tardi conosciuto come Marlboro Man. Dal 1963, la pubblicità televisiva utilizzava il tema di Elmer Bernstein da The Magnificent Seven. Alla fine degli anni ’60, furono introdotti i Marlboro “Longhorn 100’s”. Sebbene fossero codificati a colori con oro, erano sigarette dal sapore pieno, non luci.

Nel 1972, Marlboro divenne la marca di tabacco più venduta al mondo. Al fine di rispettare una sentenza del tribunale del 2006 negli Stati Uniti contro Philip Morris USA, Inc., et al., Philip Morris (e tutte le altre aziende produttrici di sigarette) non possono usare parole come “Luci”, “Ultra-luci”, “Medio”, “Lieve” o qualsiasi designazione simile che dia un’impressione errata di essere più al sicuro del normale sigarette dal sapore pieno. Quindi Marlboro e altre compagnie di sigarette devono invece usare solo codici a colori; ad esempio, Marlboro Lights ora si chiama Marlboro Gold Pack.

Philip Morris ha risposto alla popolarità di Pall Mall, il marchio numero tre, spingendo Marlboro Special Blends, una sigaretta a basso costo. Pacchetto di sigarette Marlboro con un avvertimento sulla saluteIn 2013 , Philip Morris International ha introdotto “Marlboro 2.0”. Il design del pacco è stato cambiato; il rosso scuro è stato sostituito con un rosso più chiaro, il “Marlboro” e il logo Philip Morris sono diventati costoluti e trasparenti, e nel 2017 è stato introdotto uno speciale “SmartSEAL” per mantenere fresche le sigarette conservate per un periodo più lungo.

⇒ CLICCA QUI PER INVESTIRE LEGALMENTE SULLA CANNABIS CON 24OPTION

I pacchetti Marlboro 2.0 sono disponibili principalmente in Europa e in alcune parti dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina, ma non negli Stati Uniti, Canada, Australia (a causa del semplice imballaggio) e in Nuova Zelanda. Nel 2015, Philip Morris ha annunciato che avrebbero introdotto un “Filtro Firm” per le varianti Marlboro Red, Gold, Silver Blue, Ice Blast e White Menthol.

L’amministratore delegato di Philip Morris per il Regno Unito e l’Irlanda, Martin Inkster, ha affermato che la tecnica del filtro fisso è stata aggiunta per “offrire qualità che si può percepire ed è un modo più pulito per spegnere la sigaretta”.

Negli anni ’20, la pubblicità per la sigaretta si basava principalmente sul modo in cui la sigaretta filtro era femminile, nel tentativo di attirare il mercato di massa. A tal fine, il filtro aveva una fascia rossa stampata intorno a sé per nascondere le macchie di rossetto, definendolo “Consigli di bellezza per tenere la carta dalle labbra”. Il pacchetto rosso e bianco è stato progettato dal designer Frank Gianninoto. Il riposizionamento di Marlboro come sigaretta da uomo è stato gestito dall’inserzionista di Chicago Leo Burnett. La campagna proposta doveva presentare una schiera di figure virili: capitani di mare, sollevatori di pesi, corrispondenti di guerra, operai edili, ecc.

Il cowboy doveva essere stato il primo di questa serie. Mentre Philip Morris era preoccupata per la campagna, alla fine hanno dato il via libera. La quota di mercato di Marlboro è salita da meno dell’1% al quarto marchio più venduto. Questo convinse Philip Morris a lasciare la fila di figure virili e ad attaccare con il cowboy, più tardi conosciuto come Marlboro Man.

Dal 1963, la pubblicità televisiva utilizzava il tema di Elmer Bernstein da The Magnificent Seven. Nel corso degli anni, Philip Morris ha realizzato molti annunci pubblicitari su cartelloni, poster e riviste. Philip Morris realizzò anche vari cartelloni pubblicitari relativi allo sport, adesivi e altri cimeli nel corso degli anni, principalmente promuovendo il marchio Marlboro attraverso le sue partnership di team McLaren e Ferrari in luoghi come la Russia e Monaco.

Attraverso i licenziatari, Philip Morris vende vari prodotti di merchandising, come accendini, posacenere, occhiali da sole e altri accessori, che a volte vengono distribuiti al gruppo target come parte delle promozioni promozionali. Nel 1983, fu lanciata la campagna “Marlboro Adventure Team Adventure Camp”, per la quale i partecipanti dovevano candidarsi, con in palio una collezione di abbigliamento e accessori.

Cannabis cos’è

La cannabis, nota anche come marijuana tra gli altri nomi, è una droga psicoattiva proveniente dalla pianta di cannabis utilizzata a scopo medico o ricreativo. La principale parte psicoattiva della cannabis è il tetraidrocannabinolo (THC), uno dei 483 composti noti presenti nella pianta, inclusi almeno altri 65 cannabinoidi.

La cannabis può essere usata fumando, vaporizzando, all’interno del cibo o come estratto. La cannabis ha effetti mentali e fisici, come la creazione di una sensazione “alta” o “sballata”, un cambiamento generale nella percezione, un umore elevato e un aumento di appetito. L’esordio degli effetti avviene in pochi minuti quando viene fumato e tra 30 e 60 minuti quando viene cotto e mangiato. Durano tra le due e le sei ore.

⇒ CLICCA QUI PER INVESTIRE LEGALMENTE SULLA CANNABIS CON 24OPTION

Gli effetti collaterali a breve termine possono includere una diminuzione della memoria a breve termine, secchezza delle fauci, alterazioni della capacità motoria, occhi rossi e sentimenti di paranoia o ansia. Gli effetti collaterali a lungo termine possono includere dipendenza, diminuzione della capacità mentale in coloro che hanno iniziato da adolescenti e problemi comportamentali nei bambini le cui madri hanno usato cannabis durante la gravidanza.

Gli studi hanno trovato una forte correlazione tra l’uso di cannabis e il rischio di psicosi, anche se il rapporto causa-effetto è discusso. La cannabis è usata principalmente per la ricreazione o come medicinale, sebbene possa anche essere usata per scopi spirituali. Nel 2013, tra 128 e 232 milioni di persone hanno usato cannabis (dal 2,7% al 4,9% della popolazione globale di età compresa tra i 15 ei 65 anni). È la droga illegale più comunemente usata sia nel mondo che negli Stati Uniti.

I paesi con il più alto uso tra gli adulti a partire dal 2018 sono lo Zambia, gli Stati Uniti, il Canada e la Nigeria. Nel 2016, il 51% delle persone negli Stati Uniti aveva mai usato cannabis. Circa il 12% lo aveva usato nell’ultimo anno e il 7,3% lo aveva usato il mese scorso. I primi utilizzi registrati risalgono al 3 ° millennio aC. Dall’inizio del XX secolo, la cannabis è stata soggetta a restrizioni legali. Il possesso, l’uso e la vendita di cannabis sono illegali nella maggior parte dei paesi del mondo.

La cannabis medica si riferisce all’utilizzo raccomandato dalla medicina della cannabis, che si svolge in Canada, Belgio, Australia, Paesi Bassi, Germania, Spagna e 31 stati degli Stati Uniti. Nel settembre 2018 la cannabis è stata legalizzata in Sudafrica, mentre il Canada ha legalizzato l’uso ricreativo della cannabis come detto nell’ottobre 2018.

Cannabis utilizzi

Ecco i 4 principali utilizzi della Cannabis:

Medicina

La cannabis medica, o marijuana medica, può riferirsi all’uso della cannabis e dei suoi cannabinoidi per trattare la malattia o migliorare i sintomi; tuttavia, non esiste un’unica definizione concordata. Il rigoroso studio scientifico della cannabis come medicina è stato ostacolato dalle restrizioni sulla produzione e da altri regolamenti federali. Esistono prove limitate che suggeriscono che la cannabis può essere utilizzata per ridurre la nausea e il vomito durante la chemioterapia, per migliorare l’appetito nelle persone con HIV / AIDS e per trattare il dolore cronico e gli spasmi muscolari.

Il suo uso per altre applicazioni mediche è insufficiente per le conclusioni sulla sicurezza o efficacia. L’uso a breve termine aumenta il rischio di effetti avversi sia minori che maggiori. Gli effetti indesiderati comuni comprendono vertigini, sensazione di stanchezza e vomito. Gli effetti a lungo termine della cannabis non sono chiari.

Le preoccupazioni includono problemi di memoria e cognizione, rischio di dipendenza, schizofrenia nei giovani e il rischio che i bambini la prendano per caso vedendola in casa.

Uso ricreativo

La cannabis ha effetti psicoattivi e fisiologici quando viene consumata. Gli effetti immediati desiderati dal consumo di cannabis includono il rilassamento e l’euforia, un’alterazione generale della percezione cosciente, una maggiore consapevolezza delle sensazioni, aumento della libido e distorsioni nella percezione del tempo e dello spazio. A dosi più elevate, gli effetti possono includere l’immagine corporea alterata, le illusioni uditive e / o visive, le pseudoallucinazioni e l’atassia da compromissione selettiva dei riflessi polisinaptici.

In alcuni casi, la cannabis può portare a stati dissociativi come depersonalizzazione e derealizzazione. Alcuni effetti collaterali indesiderati immediati includono una diminuzione della memoria a breve termine, secchezza delle fauci, alterazioni della capacità motoria e arrossamento degli occhi.

A parte un cambiamento soggettivo nella percezione e nell’umore, gli effetti fisici e neurologici a breve termine più comuni includono aumento della frequenza cardiaca, aumento dell’appetito e consumo di cibo, abbassamento della pressione sanguigna, deterioramento della memoria a breve termine e di lavoro, coordinamento psicomotorio e concentrazione. Alcuni utenti possono sperimentare un episodio di psicosi acuta, che di solito si riduce dopo sei ore, ma in rari casi, i consumatori pesanti possono provare sintomi che persistono per molti giorni.

Uso spirituale

Molte antiche religioni usavano la cannabis per motivi religiosi. In India già addirittura dal 2000 AC. Nella cultura moderna l’uso spirituale della cannabis è stato diffuso dai discepoli del movimento Rastafari.

⇒ CLICCA QUI PER INVESTIRE LEGALMENTE SULLA CANNABIS CON 24OPTION
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY