Mario Draghi non esclude la possibile estensione del Qe

Nella conferenza stampa tenutasi nella giornata di ieri, il Presidente delle BCE, Mario Draghi, non ha anticipato nulla sulle future azioni della Banca Centrale Europea, rimandando al mese di dicembre il quadro che definirà le decisioni per i mesi successivi. Nella riunione del consiglio che si terrà il prossimo 8 dicembre, anche se Draghi non ha rilasciato nessuna promessa esplicita relativa all’estensione del Qe, ha lasciato intendere che tale manovra sarà uno dei punti di discussione, oltre a come la BCE potrà essere in grado di far fronte alla scarsità di alcuni titoli da acquistare.

draghi

Di nuovo in aumento l’inflazione

L’aumento dei prezzi dell’energia ha influito sull’inflazione, facendola rialzare con un + 0,4%, Draghi ha però tenuto a sottolineare che, se si decurta la percentuale relativa al prezzo del petrolio, l’inflazione base non dà segni di rialzo da diversi mesi. Le previsioni della BCE nel quadro Marcoeconomico, prosegue Mario Draghi, si stanno realizzando nella crescita moderata ma stabile e l’aumento graduale dell’inflazione ma con rischi al ribasso, soprattutto legati ad eventi fuori dall’eurozona, nella quale a breve, verrà comunicata la decisione dell’agenzia canadese Dbrs sul rating portoghese, senza la quale i titoli del Portogallo verrebbero esclusi dal Qe.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY