Marijuana, Borsa Toronto assegnerà con sorteggio il simbolo POT per boom richieste

liberalizzazione droghe leggere
Cannabis sequestrata

Tutti pazzi per la marijuana. No, non stiamo parlando di un liceo o di una allegra comitiva di adolescenti. Bensì, dei mercati finanziari che stanno sempre più aderendo all’interesse per questa “magica” erba. Sempre più apprezzata non solo per usi ricreativi, ma anche per utilizzi medici. Anche nella bacchettona Italia, seppur con le solite leggi poco chiare e ambigue.

Ultimo grande Stato a legalizzare la marijuana è stato il Canada. E basta solo dire che, per il boom di richieste, la Borsa di Toronto ha deciso di affidare a una lotteria il delicato compito di trovare a chi affidare il simbolo azionario “Pot” collegato alla Marijuana (Pot significa proprio marijuana in inglese).

Il simbolo Pot si è liberato dopo che il gruppo minerario Potash si è fuso con Agrium prendendo il nome di Nutrien. Così, fato ha voluto che si liberasse proprio uno dei simboli che in borsa sta tirando di più: la marijuana appunto. E ora tutti vorrebbero accaparrarselo.

Così, la Borsa di Toronto ha deciso di affidare ad un sorteggio l’assegnazione del simbolo.

⇒ CLICCA QUI PER INVESTIRE LEGALMENTE SULLA CANNABIS CON 24OPTION

Pot non è l’unico simbolo legato alla marijuana già esistente sulla Borsa. Canopy growth è quotata sotto il simbolo Weed (erba), mentre l’Eth Harvest è quotato dietro il simblolo Mj, abbreviazione di Mary Jane.

Borsa di Toronto in breve

La Borsa di Toronto (spesso abbreviata in TSX) è una borsa valori con sede a Toronto, Ontario, Canada. È il 12° più grande scambio al mondo per capitalizzazione di mercato. Con sede nella Exchange Tower nel distretto finanziario di Toronto, TSX è una consociata interamente posseduta dal Gruppo TMX per il trading di titoli azionari senior. Una vasta gamma di attività commerciali dal Canada e dall’estero sono rappresentate nello scambio.

Oltre ai titoli convenzionali, lo scambio elenca diversi fondi scambiati in borsa, società per azioni a ripartizione, fondi di investimento e fondi di investimento. Altre società minerarie e petrolifere e del gas sono quotate alla Borsa di Toronto rispetto a qualsiasi altra borsa.

Borsa di Toronto nascita

La Borsa Valori di Toronto probabilmente proveniva dall’Association of Brokers, un gruppo formato da uomini d’affari di Toronto il 26 luglio 1852.

Nessun record delle transazioni del gruppo è sopravvissuto. È tuttavia noto che il 25 ottobre 1861 ventiquattro broker si radunarono nella Sala Massonica per creare e partecipare alla Borsa di Toronto. Tra il 1852 e il 1870 furono fondati altri due scambi distinti, orientati alle merci: lo scambio di Toronto nel 1854 e lo scambio di azioni e miniere di Toronto nel 1868. Inizialmente il TSE aveva 13 elenchi, ma raggiunse il 18 nel 1868 (una maggioranza di obbligazioni e problemi della banca).

Molte banche dell’Alto Canada fallirono durante il 1869, il che bloccò qualsiasi tipo di commercio nella città poiché il mercato era troppo piccolo. Un mercato rialzista nel 1870 rafforzò la fiducia degli investitori e otto dei 24 broker originari si unirono nuovamente per ristabilire la TSE.

L’Exchange fu incorporato da un atto dell’Assemblea Legislativa dell’Ontario nel 1878. TSE è cresciuto continuamente in termini di dimensioni e in azioni scambiate, salvo per un periodo di tre mesi nel 1914, quando lo scambio fu chiuso per paura di panico finanziario a causa della prima guerra mondiale.

Il giorno del “Wall Street Crash” del 1929, lo scambio di Toronto era meglio collegato a New York e ricevuto le cattive notizie prima di Montreal (prima del 1931, scambi di comunicazioni via telefono o tramite fili privati dei broker, poiché non erano ancora interconnessi con il ticker). Nel pomeriggio, le sue tre azioni più popolari sono diminuite di almeno l’8%: International Nickel, Hiram Walker and Brazilian Light & Power). Il giorno successivo, un numero record di 331.000 azioni è passato di mano al TSE, con una perdita complessiva di valore del 20% (a Montreal, 525.000 azioni e una perdita del 25%.)

Nel frattempo, una corsa all’oro della Columbia Britannica nel 1890 stimolò la domanda di capitale di start-up, ma gli scambi di Montreal e Toronto ritenevano le iniziative troppo rischiose. Il boom fu gestito dalla Borsa di Toronto e dalla Borsa di Mining, fondata nel 1896 e che si unì alla sua rivale Standard Stock and Mining Exchange nel 1899.

La SSME, dopo anni di alti e bassi, fu amalgamata alla Borsa di Toronto nel 1934. Mentre a Toronto si è registrata un’impennata duratura nel commercio minerario (materie prime o titoli), a Montreal il volume del mercato azionario è in calo. Toronto si è trovata una reputazione come centro finanziario per l’industria mineraria e dal 1934 il volume totale degli scambi sul TSE ha superato quello di Montreal.

Il TSE si spostò su Bay Street nel 1913 e nel 1937 aprì un nuovo piano commerciale e quartier generale in un edificio Art Deco, ancora sulla Baia. Nel 1936, la Borsa di Toronto diventò la terza più grande del Nord America.
⇒ CLICCA QUI PER INVESTIRE LEGALMENTE SULLA CANNABIS CON 24OPTION

Borsa di Toronto oggi

Nel 1977, lanciò l’indice TSE 300 e introdusse il CATS (Computer Assisted Trading System), un sistema di trading automatizzato, e cominciò usarlo per la quotazione di titoli meno liquidi. Nel 1983, il TSE ha lasciato il suo quartier generale in Art Deco a Bay Street e si è trasferito nella Exchange Tower. Il vecchio edificio TSE divenne in seguito il Design Exchange, un museo e un centro educativo.

Il 23 aprile 1997, il mercato commerciale della TSE si chiuse, diventando così la seconda più grande borsa del Nord America a scegliere un ambiente floorless, elettronico (o commerciale virtuale).

La Bourse de Montréal / Montreal Exchange si è assunta la responsabilità del trading di derivati e la Borsa Valori di Vancouver e la Borsa di Alberta si sono fuse per formare il trading di Venture Exchange canadese (CDNX) in titoli junior. La Canadian Dealing Network, la Borsa di Winnipeg e la parte azionaria della Borsa di Montreal si sono successivamente fuse con CDNX.

Nel 2000, la Borsa di Toronto è diventata una società a scopo di lucro. Nel 2002 il suo acronimo è stato rinominato in TSX ed è diventato una società pubblica.

Piattaforme per investire sulla cannabis

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY