Manovra 2017: modifiche al DEF chiusura di Equitalia nel 2017

chiusura equitali e canone rai manovra 2017

La manovra 2017, con la nuova “Legge di Stabilità” ha apportato le ultime modifiche al “DEF“, documento di economia e finanza, che sono state dichiarate dal premier Matteo Renzi in un video messaggio.

Manovra 2017: dalla chiusura di Equitalia al minor costo del Canone Rai.

Le principali modifiche che verranno apportate dal 2017 e di cui si parla di più in questi giorni sono le due sopra citate, in particolare, quella che ha fatto più scalpore è stata la dichiarazione sulla chiusura di Equitalia. Renzi ha così commentato su Twitter ha riguardo:

“Equitalia era simbolo di approccio vessatorio. La chiudiamo come detto un anno fa. Pagare meno, pagare tutti”

In più ha poi aggiunto che “Chi deve pagare paga”, ma lo farà con meno interessi. Tuttavia, la manovra 2017, nei confronti di Equitalia, deve ancora ricevere le opportune rifiniture prima di essere avviata.

Meno rilevante risulta essere invece la diminuzione del Canone Rai che scende a 90 euro.chiusura equitali e canone rai manovra 2017

Manovra 2017: 1 miliardo per la sanità

La novità forse più importante è quella che riguarda la sanità, per cui è stato stanziato 1 miliardo di euro per il nuovo piano vaccini o per l’acquisto di farmaci costose per malattie mortali come l’epatite C o farmaci oncologici. Una parte di questo miliardo verrà destinata all’assunzione di medici ed infermieri. Il tutto è stato spiegato e confermato dal ministro Lorenzin.

Miglioramenti anche per le pensioni, i cui fondi aumentano di 7 miliardi per coprire il prossimo triennio.
Stanziati anche 600 milioni per le famiglie, ma ancora da specificare gli interventi che verranno attuati seguendo questa direzione.

Il documento, DEF, con la manovra 2017 verrà inviato domani, lunedì 17 a Bruxelles dove riceverà le considerazioni dell’Unione Europea.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY