Lotteria degli scontrini, come funziona e quali sono premi

Cos’è la Lotteria degli scontrini? Come funziona la Lotteria degli scontrini? Quali sono i rischi della Lotteria degli scontrini? Quando partirà la Lotteria degli scontrini?

Sempre più italiani si stanno ponendo le domande di cui sopra, su questa novità pensata dal Fisco italiano per combattere l’evasione fiscale, nonché disincentivare l’utilizzo dei contanti.

La novità partirà dal 1° gennaio 2020 e per poter partecipare servirà rilasciare il proprio codice fiscale al bar o presso un determinato esercizio commerciale.

Vi potranno partecipare solo le persone maggiorenni, dato che viene considerato in tutto e per tutto una Lotteria. Sono esclusi anche quanti non sono residenti in Italia, dato che non posseggono un Codice fiscale. Documento imprescindibile per potervi prendere parte.

Agenzia delle Entrate e Agenzia delle Dogane-Monopoli stanno lavorando di connubio per organizzarla. Allettanti i premi, essendo 3, con estrazione mensile e una annuale. Il primo estratto del mese avrà 50.000 euro di premio, il secondo 30.000 e il terzo 10.000 euro. L’estrazione annuale, che si terrà a fine anno, sarà di un milione di euro. Dal 2021 sono previste anche estrazioni settimanali.

Il fortunato vincitore potrà richiedere il premio entro novanta giorni dalla vincita. Altrimenti, la sua giocata finirà per rimpinguare il montepremi annuale.

Qual è lo scopo di questa iniziativa? Incentivare i consumatori a richiedere lo scontrino agli esercenti, anche per transazioni di importo basso. Generalmente, quelle che fanno emettere meno scontrini. L’importo minimo è comunque di 1 euro.

Come tutte le novità, anche questa comporta dei rischi. Soprattutto per quanto riguarda l’organizzazione del tutto. Man mano che se ne verrà a conoscenza, sempre più persone richiederà lo scontrino (questo per fortuna), ma, in concomitanza dovrà anche farsi registrare dall’esercente. Tuttavia, non è ancora chiaro dove questo Codice fiscale andrà inserito e in che modo. Quindi, le resse nei negozi e nei bar sono dietro l’angolo.

Insomma, si rischia il solito caos all’italiana, fatto di ingolfamenti e litigi tra parti.

Infine, occorre aggiungere che, essendo questa iniziativa stata pensata per combattere l’evasione fiscale fomentata dall’uso del contante, chi paga col bancomat, carta di credito, App o bonifico (cioè tutte le alternative al contante) ha più chances di vincere. In quanto il pagamento con questi mezzi dà diritto ad un raddoppio dei biglietti.

Lotteria degli scontrini cos’è

Si tratta di una iniziativa pensata dal Governo al fine di incentivare le persone a richiedere in primis sempre lo scontrino, anche per transazioni di 1 euro (la cifra minima per poter partecipare) e per incentivare l’uso del bancomat o di altro pagamento diverso dal contante. Per far sì che la transazione sia tracciabile e non eluda i controlli. Come invece accade quando si paga in contanti.

Lotteria degli scontrini quando partirà

L’iniziativa partirà dal primo gennaio 2020.

Lotteria degli scontrini come funziona

Sarà lanciato un portale online all’interno del quale il consumatore potrà tenere traccia dei propri biglietti virtuali, ottenuti dopo aver fatto un acquisto per il quale è stato emesso uno scontrino.

Per potervi partecipare, occorrerà effettuare un acquisto superiore ad 1 euro, pretendere lo scontrino e lasciare il proprio codice fiscale al rivenditore.

Ad oggi, non è ancora stato chiarito se deve essere l’esercente a inserirlo manualmente o sarà il sistema ad inserirlo in automatico. Forse all’inizio si procederà con la prima modalità e poi, una volta andato a regime, si passera all’automatismo.

Lotteria degli scontrini rischi

Il rischio principale riguarda il caos che può crearsi all’interno di bar o negozi ogni qualvolta si debba inserire il CF del cliente che ha effettuato un acquisto. Il primo passo da fare è quello di procurarsi i registratori di cassa di ultima generazione. Può darsi però che dopo il primo inserimento, esca in automatico.

Si immagini se il tutto debba essere svolto manualmente nelle grandi città con centinaia di clienti al giorno.

Lotteria degli scontrini obiettivo

Come detto, l’obiettivo principale di questa iniziativa è la lotta all’evasione fiscale. Autentica piaga dell’economia italiana. Nel nostro Paese, infatti, risultano 190,9 miliardi di tasse evase secondo uno studio della società inglese Tax Research SSL.

Lotteria degli scontrini premi

Ci saranno in tutto 4 estrazioni annuali, 3 mensili ed una a fine anno. Questi i premi:

  • Primo estratto del mese: 50.000 euro
  • Secondo estratto del mese: 30.000 euro
  • Terzo estratto del mese: 10.000 euro
  • Estrazione annuale di fine anno: un milione di euro

Dal 2021 sono previste anche estrazioni settimanali.

Lotteria degli scontrini chi può partecipare

Tutte le persone maggiorenni e residenti in Italia, previo utilizzo di metodi di pagamento alternativi al classico contante.

Lotteria degli scontrini conviene partecipare

Tutto sommato sì, visto che quanto meno, dopo un acquisto di almeno 1 euro, si ha la possibilità di vincere allettanti premi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY