Londra: Tre startup nate da giovanissime italiane

In Inghilterra tre giovani donne importano il talento italiano nel mondo delle startup. Stiamo parlando di Jessica Tanghetti, Sara Brunelli e Angelica Krystle Donati.

london

In Inghilterra tre giovani donne importano il talento italiano nel mondo delle startup. Stiamo parlando di Jessica Tanghetti, Sara Brunelli e Angelica Krystle Donati.

Hanno partecipato recentemente ad una serie di incontri organizzati da iStarter in collaborazione con Ersel per la promozione dell’imprenditoria made in Italy; sono le CEO di tre Startup emergenti e innovative nei settori del crowdfunding, delle aste online e del real estate.

Per chi non conoscesse iStarter si tratta del primo acceleratore italiano a Londra. iStarter seleziona idee e team brillanti, aiuta le startup a divenire imprese in grado di reggersi autonomamente e di ottenere investimenti da business angel o da venture capital.
iStarter è una società per azioni interamente privata con ad oggi circa 60 equity partner, tutti giovani imprenditori o manager già affermati nel loro settore con competenze complementari tra di loro e con un’età media al di sotto dei 35 anni.

Sommario

Jessica Tanghetti – Be Art


Jessica Tanghetti studia economia all’università di Brescia, per poi trasferirsi a Londra dove è cultural partners in residence al King’s college. La sua idea di impresa nel campo del crowdfunding troverà ampio riscontro proprio nella city inglese.

Cosa fa Be Art?

Essenzialmente rappresenta un’opportunità concreta per artisti, musei, fondazioni, curatori, gallerie, accademie, fiere ed editori per raccogliere fondi e realizzare nuovi progetti, coinvolgendo una web community internazionale e potenzialmente illimitata.
Jessica spiega che la sua idea è “una realtà interattiva condivisa da tutti coloro che si nutrono di arte: chi da un punto di vista professionale e chi invece da quello della passione”.

Sara Brunelli – BidtoTrip

sara brunelli
Sara Brunelli parte da Cesena per trasferirsi a Londra con BidtroTrip, la piattaforma di aste online simile ad Ebay da lei fondata.
In una sua confessione a Italiankingdom, Sara, spiega perchè ha scelto la city londinese per poter lanciare la sua startup: “Londra credo sia la città, almeno in questo momento, più adatta allo sviluppo della mia azienda. Volevamo iniziare a lavorare sul mercato inglese: quale città se non questa? Inoltre Londra è incredibilmente viva, piena di opportunità e di tante persone con il desiderio di costruire qualcosa di grande.”

Grazie all’aiuto di iStarter è riuscita a trovare l’appoggio necessario a progettare e realizzare l’execution della piattaforma web.
Sempre su Italiankingdom aggiunge: “vivere a Londra mi sta dando grande positività, l’energia che respiri qui ti rende ancora più determinata. Se dovessi essere sincera, non ho incontrato grandi difficoltà nell’ambientarmi: i ragazzi di iStarter sono un eccellente punto di riferimento professionale, e anche personale.”

Insomma, non si può nascondere che Londra possa definirsi la meta preferita dagli Startupper europei.

Ma cosa fa BidtoTrip?

Si tratta di un sito web di aste online dedicato al viaggio, nel quale è possibile prenotare pernottamenti in hotel a 4 e 5 stelle super o lusso a prezzi non replicabili sul mercato. Sembrerebbe un’idea interessante!
Gli utenti, dopo essersi registrati al sito, pagheranno una piccola fee per entrare nella contrattazione dell’asta, che, se sarà vinta, darà l’opportunità di vincere il soggiorno con uno sconto superiore al 90%.
Un progetto che ha fatto subito gola tra gli investitori londinesi, registrando un record di raccolta di capitali su Seeders durante le operazioni di crowdfunding.

Quali sono, i consigli per futuri imprenditori e i progetti futuri di Sara?
“Ad un italiano pronto a partire direi, senza ombra di dubbio, di buttarsi e di non avere paura di nulla: questa città ha tanto da offrire sia professionalmente che culturalmente. Progetti per il futuro… Sicuramente rendere globale la mia azienda, e portarla fino agli USA. Voglio diventare una cittadina del mondo”.

Angelica Krystle Donati – Houzen

angelica donati
Angelica è la primogenita di Milly Carlucci (presentatrice televesiva italiana) e del marito Angelo Donati.
Angelica Krystle Donati si laurea nel 2006 alla LSE – London School of Economics, intraprendendo subito una carriera bancaria in Goldman Sachs. Nel 2009 lascia l’attività finanziaria per conseguire una Master in business administration ad Oxford.
Qui incontrerà i partner per la sua idea: Houzen.

Di cosa si tratta?

Houzen è una piattaforma intelligente che cerca di abbinare le case ai giusti inquilini entro 24 ore.
Attiva quindi nel campo degli affitti, Houzen tirerà fuori la sua piena utilità proprio nel bel mezzo del “post-brexit” per rimodellare il mercato degli affitti.
Questa piattaforma metterà in collegamento il gran numero di agenti mobiliari sparsi per la city londinese e dintorni con un controllo puntuale sulla cessione degli immobili.
Chi cerca casa troverà la soluzione giusta in modo rapido, semplificando i processi di affitto e consentendo un taglio sulle inefficienze dei vari operatori immobiliari.

LEGGI ANCHE:
Saldi, Confcommercio: gli italiani sono pronti a spendere più dello scorso anno
Guida alla normativa fiscale per le attività mediche

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY