Lo scalping sul Forex: significato e tecniche

Cos’è lo scalping e conviene farlo sul Forex? Ecco alcuni consigli e tecniche per fare trading con questo metodo.

Fare scalping significa fare trading molto velocemente. Uno scalper apre un trade e lo chiude dopo pochi secondi o minuti. La caratteristica del trader che fa scalping è innanzitutto quella di scegliere mercati molto liquidi e veloci su cui operare, ma anche quella di accontentarsi di pochi punti ad operazione, a fronte di un rischio altrettanto minimo.

Un’operazione di scalping ha quindi take profit e stop loss molto stretti, anche di soli 3 o 4 punti dall’entrata. Chi fa scalping spesso apre e chiude tantissimi trade ogni giorno, con lo scopo di raggiungere dei piccoli profitti. Tali guadagni tuttavia devono essere in grado di coprire i costi dell’operazione stessa – commissioni per il mercato regolamentato e spread per il Forex – ed è questo uno degli ostacoli principali da superare in quest’attività.

Sul Forex lo spread solitamente ammonta tra i 2 e i 4 PIP, quindi chi vuole intraprendere la strada dello scalping sul Forex, deve necessariamente trovare un broker online conveniente per il proprio modo di fare trading veloce.

Tra le tecniche di scalping più utilizzate dai trader professionisti, c’è quella di entrare in controtrend. Cosa significa? Esistono molte tecniche di questo tipo, che ognuno plasma secondo la propria operatività. In linea generica, il rimbalzo più favorevole è quello che avviene su supporti o sotto le resistenze (anche di breve periodo). Basta quindi tracciare delle linee per un riferimento maggiore, acquistare sui supporti e vendere sulle resistenze.

In quei punti – che siano superati o meno – il prezzo tende a cedere qualche PIP in controtrend, che sono fondamentali per il profitto dello scalper.

Un altro metodo per fare scalping è quello di utilizzare le bande di Bollinger (settate a 20 periodi con una deviazione standard di 2) per aumentare la percezione di quando il prezzo possa arrivare ad un massimo relativo e rimbalzare. Solitamente l’andamento di un dato strumento finanziario può cambiare direzione quando tocca o supera le bande di Bollinger, che comunque non devono essere troppo inclinate. Ciò significa che se il prezzo tocca e supera la banda inferiore non inclinata verso il basso, allora potrebbe presto risalire. Allo stesso modo, nel caso in cui il prezzo tocca e supera la banda superiore non inclinata verso l’alto, allora tenderà a scendere nuovamente.

Per fare scalping su un trend, si può utilizzare – insieme alle bande di Bollinger – anche una media mobile semplice a 14 o 15 periodi. Quando il prezzo ha una direzione ben precisa con un trend abbastanza accentuato, il prezzo tenderà a rimbalzare sulla media mobile inclinata verso la direzione del trend. L’apertura dell’operazione avviene quindi sulla media mobile con un target di pochi punti o fino alla banda di Bollinger.

Lo scalping è considerato in definitiva uno dei metodi più utilizzati per fare trading ma presuppone anche una buona dose di autocontrollo e disciplina, affinché risulti profittevole nel lungo periodo.

Salva

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

1 commento

LEAVE A REPLY