L’italiana Prysmian contribuirà alla realizzazione di 3 parchi eolici in Francia

Le energie rinnovabili si stanno facendo sempre più largo nei paesi industrializzati, consci sempre più della loro importanza. In Italia, come vedremo, abbiamo il primato per energia solare prodotta. Sebbene il Paese che sta crescendo di più in questo settore sia la Cina.

Anche la Francia si sta dando da fare, sebbene contribuiremo ad un nuovo progetto fotovoltaico in maniera importante proprio noi italiani. Una bella notizia per il Made in Italy, oltre che per l’ambiente in generale. La italiana Prysmian Group, leader mondiale nel settore dei sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni, si è aggiudicata tre importanti progetti per la realizzazione di collegamenti in cavo per parchi eolici offshore in Francia per il valore di oltre 200 milioni di euro.

Infatti, Eolien Maritime France (joint venture tra l’azienda francese EDF Energies Nouvelles e la società canadese Enbridge) ha assegnato a Prysmian la progettazione, fornitura, installazione di collegamenti in cavo inter–array per i due parchi eolici offshore di Fécamp e Courseulles-sur-Mer, di proprietà di EMF e wpd offshore, situati al largo della costa della Francia del Nord.

I primi due parchi eolici hanno un valore che supera i 200 milioni e i lavori inizieranno il prossimo autunno. Il terzo, dal valore di venti milioni di euro, che sarà realizzato a Saint Nazaire, sarà invece realizzato di concerto con la società Louis Dreyfus Travocean. In questo caso, però, il contratto deve ancora essere definito.

A presentare il progetto è Hakan Ozmen, EVP Projects BU di Prysmian Group: «Queste nuove importanti commesse confermano che abbiamo tutti i requisiti per raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi di crescita nel mercato dei parchi eolici offshore. Gli investimenti fatti hanno rafforzato sia la nostra capacità produttiva sia quella di installazione e ora il mercato ci sta dando fiducia».

Nel concreto, Prysmian si occuperò di fornire i cavi sottomarini tripolari da 33 kV con isolamento XLPE, lunghi circa 345 km.

Il lavoro di Prysmian per i 3 parchi eolici sarà così ripartito: a Fécamp i cavi Prysmian collegheranno 83 turbine dalla potenza complessiva di 498 MW, mentre a Courseulles-sur-Mer collegheranno 75 turbine dalla potenza complessiva di 450 MW. A Saint Nazaire, invece, Prysmian fornirà cavi, accessori e tutti i servizi di collegamento per le 80 turbine per una potenza complessiva di 480 MW.

Si tratta dei primi parchi eolici di una certa grandezza in territorio transalpino.

Alessandro Panico, Sales Team Manager – Offshore Wind di Prysmian Group, ha così descritto il progetto che vede coinvolta la sua azienda in Francia: «Queste commesse segnano un traguardo significativo per Prysmian perché rappresentano i primi progetti di grande rilevanza in questo mercato e dimostrano che la nostra ambizione di diventare un fornitore di soluzioni chiavi in mano in grado di servire l’intera supply chain è credibile e sostenibile».

Prysmian Group cos’è

Il Gruppo Prysmian è una multinazionale italiana con sede a Milano che produce cavi e sistemi di trasmissione e trasmissione di energia elettrica. Prysmian Group ha un fatturato di oltre 11 miliardi di euro e circa 30.000 dipendenti in 50 paesi, 112 impianti di produzione e 25 centri di ricerca e sviluppo. Prysmian Group è una società pubblica, quotata alla Borsa Italiana nell’indice FTSE MIB.

Prysmian Group storia

Il Gruppo Prysmian è stato creato nel 2011 attraverso la fusione di Prysmian e Draka. Nel 2009, il produttore di cavi italiano Prysmian ha fatto un’offerta di acquisto per Draka, ma i dubbi hanno cominciato ad emergere in agosto. Prysmian ha ritirato i colloqui di acquisizione all’inizio di settembre.

Nell’ottobre 2010, il produttore francese di cavi Nexans ha fatto un’offerta di € 15 / azione per acquistare il 43,9% della società detenuta da Flint Beheer, un fondo di investimento di proprietà della ricca famiglia Fentener van Vlissingen. Nexans ha dichiarato che avrebbe venduto le attività di telecomunicazione di Draka. Tuttavia, Draka respinse l’offerta di Nexans e il 22 novembre 2010 accettò invece la nuova offerta di Prysmian di € 17,20 / azione (9,1 volte l’EBITDA). Prysmian intendeva integrare le operazioni di Draka nella propria, piuttosto che scomporla; i costi di integrazione sono stimati a 170 milioni di euro in tre anni. La fusione di Prysmian e Draka e l’integrazione delle due società leader del mercato sono culminate nella creazione del più grande produttore di cavi via cavo per fatturato, il Gruppo Prysmian.

Draka è stata fondata nel 1910 da Jan Teewis Duyvis nei panni di Hollandsche Draad & Kabel Fabriek. Nel 1970 Draka fu acquisita da Philips e divenne parte della divisione Wire and Cable di Philips. Attraverso un buyout finanziato da Parcom e Flint Beheer, Draka divenne indipendente nel 1986, a quel punto nacque il nome Draka. In precedenza aveva una joint venture con Alcatel-Lucent per la produzione di fibra ottica, ma ha acquistato il 49,9% del suo partner per 209 milioni di euro nel dicembre 2007.

Prysmian Srl è stata creata da Goldman Sachs della divisione cavi e sistemi di Pirelli & CSpA Goldman Sachs ha siglato un accordo il 1 ° giugno 2005 per l’acquisto delle due società che hanno costituito la divisione: Pirelli Cavi e Sistemi Energia SpA e Pirelli Cavi e Sistemi Telecom SpA. L’operazione è stata completata il 28 luglio 2005, previa approvazione regolamentare da parte dell’autorità antitrust.

Energia solare cos’è

L’energia solare è luce radiante e calore proveniente dal sole che viene sfruttata utilizzando una gamma di tecnologie in continua evoluzione come il riscaldamento solare, il fotovoltaico, l’energia solare termica, l’architettura solare, le centrali elettriche a sali fusi e la fotosintesi artificiale.

E’ un’importante fonte di energia rinnovabile e le sue tecnologie sono generalmente caratterizzate come solari passivi o solari attivi a seconda di come catturano e distribuiscono l’energia solare o la convertono in energia solare. Le tecniche solari attive includono l’uso di sistemi fotovoltaici, energia solare concentrata e riscaldamento solare dell’acqua per sfruttare l’energia. Le tecniche solari passive comprendono l’orientamento di un edificio al sole, la selezione di materiali con una massa termica favorevole o proprietà di dispersione della luce e la progettazione di spazi che circolano naturalmente. La grande quantità di energia solare disponibile ne fa una fonte di energia molto attraente.

Il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite nella sua valutazione mondiale del 2000 ha rilevato che il potenziale annuale dell’energia solare era di 1.575-49.837 exajoule (EJ). Questo è più volte superiore al consumo energetico mondiale totale, che nel 2012 era di 559,8 EJ.

Nel 2011, l’Agenzia internazionale per l’energia ha affermato che “lo sviluppo di tecnologie energetiche sostenibili, inesauribili e pulite per l’energia solare sarà enormemente più lungo benefici a lungo termine: aumenterà la sicurezza energetica dei paesi facendo affidamento su risorse indigene, inesauribili e per lo più indipendenti dalle importazioni, migliorando la sostenibilità, riducendo l’inquinamento, abbassando i costi di mitigazione del riscaldamento globale e mantenendo i prezzi dei combustibili fossili più bassi di altri. Sono globali, quindi i costi aggiuntivi degli incentivi per il dispiegamento anticipato dovrebbero essere considerati investimenti per l’apprendimento, devono essere saggiamente spesi e devono essere ampiamente condivisi”.

Energia solare potenzialità

La Terra riceve 174 petawatt (PW) di irraggiamento solare in entrata (insolazione) nell’atmosfera superiore. Circa il 30% viene riflesso nello spazio mentre il resto viene assorbito da nuvole, oceani e masse terrestri. Lo spettro della luce solare sulla superficie terrestre è per lo più distribuito sulle gamme visibile e vicino all’infrarosso con una piccola parte nel vicino-ultravioletto. La maggior parte della popolazione mondiale vive in aree con livelli di insolazione di 150-300 watt / m², o 3,5-7,0 kWh / m² al giorno.

La radiazione solare viene assorbita dalla superficie terrestre, gli oceani – che coprono circa il 71% del globo – e atmosfera. L’aria calda contenente l’acqua evaporata dagli oceani sale, provocando la circolazione atmosferica o la convezione. Quando l’aria raggiunge un’altitudine elevata, dove la temperatura è bassa, il vapore acqueo si condensa in nuvole, che piovono sulla superficie terrestre, completando il ciclo dell’acqua. Il calore latente della condensazione dell’acqua amplifica la convezione, producendo fenomeni atmosferici come il vento, i cicloni e gli anti-cicloni.

La luce solare assorbita dagli oceani e le masse terrestri mantiene la superficie a una temperatura media di 14 ° C. Con la fotosintesi, le piante verdi convertono l’energia solare in energia immagazzinata chimicamente, che produce cibo, legno e la biomassa da cui derivano i combustibili fossili. L’energia solare totale assorbita dall’atmosfera terrestre, dagli oceani e dalle masse terrestri è di circa 3.850.000 exajoule (EJ ) all’anno.

Nel 2002, questa era più energia in un’ora rispetto al mondo utilizzato in un anno. La fotosintesi cattura circa 3.000 EJ all’anno in biomassa. La quantità di energia solare che raggiunge la superficie del pianeta è così vasto che in un anno è di circa il doppio di quanto potrà mai essere ottenuto da tutte le risorse non rinnovabili della Terra di carbone, petrolio, gas naturale e uranio estratto combinato.

Energia solare, quando è stata scoperta

Nel 1878, all’Esposizione Universale di Parigi, Augustin Mouchot dimostrò con successo un motore a vapore solare, ma non poteva continuare lo sviluppo a causa del carbone economico e di altri fattori. Nel 1897, Frank Shuman, un inventore statunitense, ingegnere e pioniere dell’energia solare, costruì un piccolo motore solare dimostrativo che funzionava riflettendo l’energia solare su scatole quadrate piene di etere, che ha un punto di ebollizione inferiore all’acqua, e furono montate internamente con tubi neri che a loro volta alimentavano un motore a vapore.

Nel 1908 Shuman formò la Sun Power Company con l’intento di costruire grandi centrali solari. Lui, insieme al suo consulente tecnico A.S.E. Ackermann e il fisico britannico Sir Charles Vernon Boys, hanno sviluppato un sistema migliorato usando specchi per riflettere l’energia solare su scatole di collettori, aumentando la capacità di riscaldamento nella misura in cui ora si poteva usare acqua invece di etere. Shuman costruì quindi un motore a vapore su larga scala alimentato da acqua a bassa pressione, che gli permise di brevettare l’intero sistema di motori solari entro il 1912. Human costruì la prima centrale termica solare del mondo a Maadi, in Egitto, tra il 1912 e il 1913. La sua pianta trogoli parabolici per alimentare un motore da 45-52 kilowatt (60-70 hp) che pompava più di 22.000 litri (4.800 imp., 5.800 US gal) di acqua al minuto dal fiume Nilo ai campi di cotone adiacenti. Sebbene lo scoppio della prima guerra mondiale e la scoperta di petrolio a buon mercato negli anni ’30 scoraggiò il progresso dell’energia solare, la visione e il progetto di base di Shuman furono risuscitati negli anni ’70 con una nuova ondata di interesse per l’energia solare termica.

Il 2 luglio 1916 in quel di New York, Shuman fu citato dai media che sostenevano l’utilizzo dell’energia solare, dicendo: “Abbiamo dimostrato il profitto commerciale dell’energia solare nei tropici e abbiamo dimostrato in particolare che dopo che le nostre riserve di petrolio e carbone sono esaurite, la razza umana può ricevere energia illimitata dai raggi del sole”.

Italia prima per energia solare prodotta

Il nostro paese è primo al mondo per l’utilizzo del fotovoltaico. Infatti, in Italia l’energia solare copre ben l’8% dei suoi consumi energetici. Seguono in classifica la Grecia con il 7,4% e la Germania con il 7,1%. a stilarla l’Agenzia internazionale dell’energia (IEA), organizzazione intergovernativa dell’Ocse che raccoglie 29 fra i paesi più industrializzati al mondo.

Il rapporto Snapshot of Global PV Markets spiega che la capacità produttiva mondiale del fotovoltaico nel 2015 è cresciuta di 50 GW (gigawatt), arrivando ad almeno 227 GW. La crescita maggiore è stata in Cina, con 15,3 gigawatt in più nel 2015, seguita da Giappone (11 GW), Usa (7 GW), Ue (7 GW) e India (2 GW). Tuttavia, la regione del Mondo che produce maggiormente energia solare è quella dell’Asia-Pacifico, la quale da sola rappresenta il 59% del mercato globale dell’energia solare.

Dopo il podio, seguono Belgio e Giappone (intorno al 4%), poi la Bulgaria, la Repubblica ceca e l’Australia (intorno al 3,5%). Molto male le due superpotenze economiche, Cina e Usa, che coprono rispettivamente l’1% e meno dell’1% del proprio fabbisogno energetico. Classificandosi così rispettivamente 21ma e 25ma.

La Cina sta però recuperando terreno crescendo più di tutti gli altri Paesi (i dati sono del 2015, dunque si presume abbia scalato posizioni), mentre l’Italia sta perdendo colpi riguardo i nuovi mercati dell’energia.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY