Libra, Facebook lancia criptovaluta: come funziona e rischio privacy

E alla fine, criptovaluta fu. Facebook, dopo vari rumor e le immancabili preoccupazioni riguardo la privacy, entro il 2020 lancerà la propria criptovaluta, che si chiamerà Libra.

Come avevamo annunciato a marzo, il Social network ideato da Mark Zuckerberg per gioco ai tempi del liceo, aveva ingaggiato senza troppo clamore il team di Chainspace. Una piccola startup fondata da ricercatori dell’università di Londra.

Chainspace aveva a sua volta pubblicato un whitepaper nel mese di agosto 2017 dove erano descritti i suoi piani al fine di realizzare una “piattaforma di contabilità distribuita per alta integrità elaborazione trasparente delle transazioni all’interno di un sistema decentralizzato.” Dunque tutte le caratteristiche di una Blockchain.

Si è poi anche diffusa la notizia che 4 ricercatori su 5 autori del suddetto whitepaper di Chainspace si stavano unendo al gruppo blockchain di Facebook. La società con sede a Manlio Park ha anche chiarito di non aver acquisito la tecnologia Chainspace, ma solo gran parte del suo personale.

Si era anche parlato di una trattativa di Facebook con la piattaforma di pagamenti basata su blockchain: Algorand. La sua idea, sempre secondo le prime indiscrezioni, sarebbe quella di utilizzare una piattaforma per le rimesse sulla sua popolarissima app di messaggistica WhatsApp in determinati mercati.

Inizialmente si era parlato anche di un altro nome. Non di una criptovaluta dal nome Libra, ma FaceCoin. Con lo scopo di battere sul tempo la concorrenza di Telegram e Signal, altre app di messaggistica che pure stanno lavorando alla creazione di una propria criptovaluta.

Del resto, il lancio della criptovaluta Libra da parte di Facebook non sorprende. Visto che già in passato il Social Network ha provato a lanciarsi nel mondo delle monete virtuali. Si pensi a Facebook Credits, lanciata nel 2011 ma durata appena due anni. E al successivo Facebook Gifts e infine ai pagamenti via Messenger testati negli Usa nel 2015 ed estesi in Europa due anni dopo.

Vedremo se questa criptovaluta sarà adottata e sarà scambiata su qualche exchange. Per ora il metodo migliore per fare profitti sulle criptovalute consiste nel negoziare sulla quotazione. Sfruttando piattaforme come eToro (qui trovi il sito ufficiale) è possibile per esempio copiare le operazioni sulle criptovalute degli investitori più esperti, un vero vantaggio per chi inizia.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Ma torniamo a Libra di Facebook. Vediamo cos’è, come funziona e tutto quanto concerne la nuova criptovaluta.

Libra criptovaluta di Facebook cos’è

Facebook ha finalmente rivelato i dettagli della sua criptovaluta, la quale come detto si chiamerà Libra. La quale ti permetterà di comprare cose o inviare denaro a persone con tariffe quasi nulle. Prevede anche un wallet sulle app di messaggistica WhatsApp e Messenger dal nome Calibra.

Facebook ha pubblicato il suo white paper che spiega Libra e il suo testnet per elaborare i nodi del suo sistema blockchain prima del lancio pubblico che dovrebbe arrivare nella prima metà del 2020. Facebook non controllerà del tutto Libra, ma otterrà invece un solo voto nella sua governance come altri membri fondatori della Libra Association, tra cui Visa, Uber e Andreessen Horowitz, che hanno investito almeno $ 10 milioni ciascuno nelle operazioni del progetto.

L’associazione promuoverà la piattaforma di sviluppatori e block Libra open source con il proprio linguaggio di programmazione Move, oltre a iscriversi alle imprese per accettare la Bilancia per il pagamento e persino offrire sconti o premi ai clienti.

Libra criptovaluta Facebook: il rischio privacy

Facebook sta lanciando una società controllata chiamata anche Calibra che gestisce la sua crittografia e protegge la privacy degli utenti non mescolando mai i pagamenti tramite Libra con i tuoi dati di Facebook in modo che non possano essere utilizzati per il targeting degli annunci.

La tua vera identità non sarà legata alle tue transazioni visibili pubblicamente. Ma Facebook / Calibra e altri membri fondatori della Libra Association guadagneranno interessi sul denaro contante degli utenti, che sono tenuti in riserva per mantenere stabile il valore di Libra.

L’offerta audace di Facebook per creare una valuta digitale globale che promuova l’inclusione finanziaria, in realtà ha più privacy e decentramento integrati rispetto a molti previsti. Invece di cercare di dominare il futuro di Libra o spremere immediatamente tonnellate di denaro, Facebook sta invece portando i pagamenti nel suo dominio online.

Il vicepresidente della blockchain di Facebook, David Marcus, ha spiegato il motivo della compagnia e il legame con la sua principale fonte di entrate durante un briefing presso l’edificio storico di San Francisco a Mint: “Se si verifica più commercio, quindi più piccole imprese venderanno dentro o fuori le piattaforme, vorranno acquistare più annunci sulla piattaforma. Quindi andrà bene per la nostra attività pubblicitaria.”

Insomma, Facebook vede ovviamente in Libra anche un grosso tornaconto in termini di business aziendale.

Libra criptovaluta di Facebook come funziona

Come funziona Libra, la nuova criptovaluta di Facebook? Per capirlo, è meglio scorporare il suo funzionamento nei vari attori che ne fanno parte:

The Libra Association

Facebook sapeva che le persone non si sarebbero fidate di essa alla luce dei problemi legati alla privacy degli ultimi tempi. Così il social network ha reclutato i membri fondatori dell’Associazione Libra, una no-profit che sovrintende lo sviluppo del token, la riserva di beni reali che gli danno valore e le regole di governance della blockchain.

Ogni membro fondatore ha pagato un minimo di $ 10 milioni per aderire e opzionalmente diventare un gestore nodo di validazione (ne parleremo più avanti), ottenere un voto nel consiglio dell’Associazione Libra e avere diritto a una quota (proporzionale al proprio investimento) dei dividendi dagli interessi guadagnati sulla riserva di Libra, in cui gli utenti pagano la valuta fiat per ricevere la criptovaluta.

I 28 futuri membri fondatori dell’associazione sono così suddivisi per categoria:

  • Circuiti di pagamento: Mastercard, PayPal, PayU (braccio fintech di Naspers), Stripe, Visa
  • Tecnologia e mercati: Booking Holdings, eBay, Facebook / Calibra, Farfetch, Lyft, Mercado Pago, Spotify AB, Uber Technologies, Inc.
  • Telecomunicazioni: Iliad, Vodafone Group
  • Blockchain: Anchorage, Bison Trails, Coinbase, Inc., Xapo Holdings Limited
  • Venture Capital: Andreessen Horowitz, Iniziative innovative, Ribbit Capital, Thrive Capital, Union Square Ventures
  • Organizzazioni non profit e multilaterali e istituzioni accademiche: Creative Destruction Lab, Kiva, Mercy Corps, Women’s World Banking

Facebook dice che spera di raggiungere 100 membri fondatori prima del lancio ufficiale della criptovaluta ed è aperta a chiunque soddisfi i requisiti, inclusi i concorrenti diretti come Google o Twitter.

L’Associazione Libra ha sede a Ginevra, in Svizzera e si riunirà ogni due anni. Il paese è stato scelto per il suo status neutrale e il forte sostegno all’innovazione finanziaria, compresa la tecnologia blockchain.

Quali sono i requisiti per aderire all’Associazione? Per aderire all’associazione, i membri devono disporre di un mezzo rack di spazio sul server, una connessione Internet dedicata a 100 Mbps o superiore, un ingegnere per l’affidabilità del sito disponibile a tempo pieno e una sicurezza di livello aziendale.

Le aziende devono raggiungere due delle tre soglie di un valore di mercato di $ 1 miliardo o di $ 500 milioni nei saldi dei clienti, raggiungere 20 milioni di persone l’anno e / o essere riconosciute quali primi 100 leader del settore da un gruppo come Interbrand Global o S & P.

Gli investitori focalizzati sulla crittografia devono avere più di $ 1 miliardo di asset in gestione, mentre le attività di Blockchain devono essere state in attività per un anno, avere sicurezza e privacy di livello aziendale e detenere o puntare oltre $ 100 milioni in attività. E solo fino a un terzo dei membri fondatori può essere gestito da aziende criptate o eccezioni invitate singolarmente.

Facebook accetta anche organizzazioni di ricerca come le università e le organizzazioni non profit che soddisfano tre delle quattro qualità, tra cui lavorare sull’inclusione finanziaria per più di cinque anni, raggiungere più paesi, una top 100 di Charity Navigator o qualcosa di simile e / o $ 50 milioni di budget.

La Libra Association sarà responsabile del reclutamento di altri membri fondatori che fungeranno da nodi di validazione per la blockchain, la raccolta di fondi per far ripartire l’ecosistema, progettare programmi di incentivi per premiare gli early adopters e distribuire le sovvenzioni di impatto sociale.

Un consiglio con un rappresentante di ciascun membro aiuterà a scegliere l’amministratore delegato dell’associazione, che nominerà un gruppo dirigente e eleggerà un consiglio di amministrazione da cinque a diciannove rappresentanti.

Ogni membro, incluso Facebook / Calibra, riceverà solo un voto o l’1% del voto totale nel consiglio dell’Associazione Libra. Questo fornisce un livello di decentralizzazione che protegge da Facebook o da qualsiasi altro giocatore dirottando la Bilancia per il proprio guadagno.

Evitando la proprietà esclusiva e il dominio su Libra, Facebook potrebbe evitare un ulteriore controllo da parte dei legislatori che la stanno già investigando per un mare di violazioni della privacy e comportamenti potenzialmente anticoncorrenziali.

Nel tentativo di prevenire le critiche dei legislatori, l’Associazione Libra scrive: “Accogliamo l’inchiesta pubblica e la responsabilità. Ci impegniamo a dialogare con i regolatori e i responsabili delle politiche. Condividiamo l’interesse dei politici per la stabilità permanente delle valute nazionali”.

Libra valore

Una Libra è un’unità della criptovaluta omonima rappresentata da un carattere unicode a tre linee orizzontali ondulate ≋. Il valore di una Libra è destinato a rimanere ampiamente stabile, quindi è un buon mezzo di scambio, in quanto i commercianti possono essere certi che non verranno pagati una Libra oggi che valga meno domani.

Il valore della Libra è legato infatti a un paniere di depositi bancari e titoli di Stato a breve termine per una serie di valute internazionali storicamente stabili, tra cui il dollaro, la sterlina, l’euro, il franco svizzero e lo yen.

L’Associazione Libra mantiene questo paniere di attività e può modificare l’equilibrio della sua composizione se necessario per compensare le maggiori fluttuazioni dei prezzi in una qualsiasi valuta estera, in modo che il valore di una Bilancia rimanga coerente.

Il nome Libra deriva dalla parola per un’unità romana di misura del peso. Facebook sta cercando di invocare un senso di libertà finanziaria giocando sulla radice francese “Lib”, che significa libero.

L’Associazione Libra sta ancora ideando il valore esatto iniziale di Libra, ma è destinata ad essere vicino al valore di un dollaro, euro o sterlina quindi è facile da concettualizzare. In questo modo, un litro di latte negli Stati Uniti potrebbe costare da 3 a 4 Libra, simile ma non esattamente uguale a quello dei dollari. L’idea è che incasserai dei soldi e manterrai un saldo di Libra che puoi spendere per acquisti di beni e servizi online.

Sarai in grado di scambiare la tua valuta locale con Libra e viceversa attraverso alcune app di portafoglio, tra cui Calibra di Facebook, app portafoglio di terze parti e rivenditori locali come negozi di alimentari o di abbigliamento. Certo, occorre capire quanto e quando ciò diventerà una realtà anche in Europa. E soprattutto in Italia.

Come usare Libra

Come usare Libra? Attraverso i wallet collegati alla stessa come Calibra di Facebook e altri che saranno costruiti da terze parti. Anche il diffusissimo PayPal. L’idea è di inviare denaro ad un amico o di pagare per qualcosa di semplice come inviare un messaggio di Facebook.

Calibra verrà lanciato accanto alla valuta Libra su iOS e Android all’interno di Facebook Messenger, WhatsApp e un’app standalone. Quando gli utenti si registrano per la prima volta, verranno sottoposti a un processo anti-frode Know Your Customer in cui dovranno fornire un ID di foto rilasciato dal governo e altre informazioni di verifica.

Avranno bisogno di condurre due diligence sui clienti e segnalare attività sospette alle autorità. Potrai anche richiedere Libra, e Calibra offrirà un metodo accelerato di pagamento dei commercianti mediante la scansione del tuo o del loro codice QR. Alla fine vuole offrire pagamenti in negozio e integrazioni con sistemi di point-of-sale come Square.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY