Lettera dall Ue: dialogo con Roma e correzione obiettivi entro il 27

Arrivata la lettera dall Ue con toni più pacati di quello che si pensava. Sembra che più che di critiche o di giudizi, si parli solo di chiarimenti. La commissione europea vuole dunque costruire un piacevole dialogo con Roma e ha infatti chiesto spiegazioni sul perché ci siano state queste correzioni negli obiettivi di bilancio. A tal proposito, il vice presidente della Commissione Valdis Dombrovskis e il commissario degli affari monetari Pierre Moscovici domandano “spiegazioni sulla revisione degli obiettivi e del divario sostanzioso rispetto agli impegni presi nella primavera scorsa”. lettera dall ueInfatti, il governo italiano si era preso l’onere di ridurre il deficit strutturale dello 0,6% nel 2017, cosa che probabilmente non accadrà viste le correzioni “di tiro” della nuova manovra per la Legge di Stabilità 2017.

Le reazioni e le risposte dall’Italia alla lettera dall’Ue

La risposta principale è stata quella del ministro dell’economia Pier Carlo Padoan che ha considerato “assolutamente normale” la missiva da Bruxelles e ha specificato che senza le spese dei terremotati e dei migranti, il nostro deficit sarebbe addirittura inferiore al 2%, cioè davvero rasente lo zero. Invece il vice ministro dell’economio Enrico Zanetti è sembrato più flessibile e ha rettificato come sia sempre possibile effettuare quei piccoli cambiamenti che potrebbero correggere il tiro della manovra rispetto alle direttive europee. Piccolo cambiamenti sì, ma ovviamente grandi stravolgimenti no.
Un ulteriore commento atto a calmare gli animi particolarmente accesi di questi giorni viene dal presidente del gruppo dei socialdemocratici all’Europarlamento, Gianni Pittella, secondo cui “si sta facendo molto clamore per poco” e si dice sicuro che si giungerà ad un accordo perché nessuno vuole mettere in dubbio le ragionevoli spese fatte dall’Italia per aiutare i migranti, difendere le frontiere dell’Ue e aiutare le città colpite dal terremoto.

Entro quando le risposte per la lettera dall Ue?

Al di là di tutto questo discorso su cosa vuole l’Europa e cosa vorrebbe l’Italia, sono state fatte esplicite richieste di una risposta sulla correzione di questo obiettivi, entro giovedì 27 ottobre, entro domani. Resteremo a vedere alla risposta italiana, quali saranno le reazioni dalla commissione europea di Bruxelles.