Legge di stabilità: cosa è e perchè presto faremo (ancora) i conti

palazzo-madama-legge-stabilita

Entro il 15 ottobre l’Italia dovrà obbligatoriamente mettere mano alla c.d. Legge di stabilità, il provvedimento che stabilisce gli spostamenti di entrate e di uscite relativamente al prossimo triennio. Un provvedimento tra i più importanti del 2013, che l’Italia gestirà con un governo traballante e con un contesto di forte aleatorietà. Ma cosa è la Legge di stabilità? E perchè tutti vorrebbero rimetterci mano?

Cosa è la Legge di stabilità

La Legge di stabilità è una manovra di finanza pubblica tra le più importanti del nostro Paese insieme alla legge di bilancio. Con tale provvedimento, il governo cerca di individuare, per il triennio di riferimento, quali sono le manovre di finanza pubblica in entrate e in uscita. La Legge di stabilità è, in altri termini, una sorta di “finanziaria” pluriennale, tanto da avere sostituito gran parte dell’importanza che avevano le ordinarie manovre annuali.

Quando va “fatta” la Legge?

Il disegno di legge che contiene il provvedimento di stabilità va presentato ogni anno, entro il 15 ottobre, dinanzi al Parlamento. In ogni caso, il momento di presentazione del disegno è collegato a quello della decisione di finanza pubblica, a cui è riferito in un arco temporale di 30 giorni. Con le due presentazioni così ravvicinate, il legislatore ha voluto individuare una maggiore omogeneità di predisposizione dei due documenti, che dovrebbero beneficiare di un contesto più simile nel corso della definizione del documento di programmazione e di quello successivo.

Cosa contiene la Legge di stabilità

Stabilito quanto sopra, cerchiamo di capire cosa contenga la Legge di stabilità, e perchè è bene prendere la massima familiarità con tale provvedimento. Nella sua prima parte la Legge prevede una serie di dati di natura prevalentemente finanziaria: sono pertanto contemplati i saldi netti da finanziarie e da ricorso al mercato (cioè, l’indebitamento dello Stato), l’eventuale variazione delle aliquote delle imposte, l’importo dei c.d. “fondi speciali”, l’importo destinato al rinnovo dei contratti pubblici, le norme sull’attuazione del patto di stabilità interno e del patto di convergenza, e così via.

Al documento sono inoltre allegate una serie di tabelle che riepilogano gli importi delle singole manovre, in parte corrente in parte capitale, e le spese in conto capitale. Sempre in allegato al disegno di legge di stabilità vi è un prospetto che riepiloga gli effetti triennali sui saldi di finanza pubblica. Vi è infine una nota tecnica illustrativa (una sorta di nota integrativa, per gli appassionati di bilanci d’esercizio), che funge da corredo al disegno, spiegandone i principali termini di calcolo.

Perchè la crisi di governo potrebbe creare qualche problema alla Legge

Come sopra anticipato, la Legge di stabilità va presentata al Parlamento entro il 15 ottobre, ed è pertanto il Parlamento stesso a doverla approvare. Se il governo non ha la maggioranza parlamentare, è probabile che Camera e Senato possano rispedire al mittente il provvedimento.

Ad ogni modo, non tutto è perduto. Berlusconi ha in proposito dichiarato che “se il governo proporrà una legge di stabilità realmente utile all’Italia, noi la voteremo. Se bloccheranno l’aumento dell’Iva senza aumentare altre tasse noi lo voteremo. Se, come si sono impegnati a fare, taglieranno anche la seconda rata Imu, noi voteremo favorevolmente“. Insomma, la possibilità di evitare ritardi sembra essere ben più che una mera utopia.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Classe 1982, laureato in economia, specializzato in marketing internazionale, collabora con alcuni dei principali network editoriali italiani. Appassionato di finanza, presta servizi di consulenza editoriale dal 2002.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here