Legge di Bilancio 2020, le novità in arrivo

Il 15 ottobre è stato licenziato dal Consiglio dei Ministri il testo della Legge di Bilancio 2020. E con esso, il Decreto Fiscale e il Documento Programmatico di Bilancio dovuto all’Unione europeo entro il 15 ottobre di ogni anno.

Il Governo Conte bis si è mosso facendo attenzione al deficit/PIL fissato al 2,2%. Il quale dovrebbe scendere all’1,8% nel 2021 e all’1,4% nel 2022.

Ma soprattutto, occorre fare attenzione a non far aumentare l’Iva. Vera bandiera che ha fatto nascere il nuovo esecutivo. Ma occorreva anche trovare 23 miliardi di euro per scongiurarlo.

Ma entriamo nel merito e vediamo quali sono le novità della Legge di Bilancio 2020.

Legge di Bilancio 2020 novità, il taglio del cuneo fiscale

Partiamo dal taglio del cuneo fiscale, ossia ridurre il peso delle trattenute fiscali. Si tratta di un taglio di 3 miliardi destinati però ai lavoratori e non alle imprese.

Novità Legge di Bilancio 2020: lotta al contante

Uno dei punti più discussi di questa manovra finanziaria è la lotta all’uso del contante. Che faciliterebbe l’evasione e la corruzione. Il Governo prevede così il cashback, vale a dire la possibilità di ridurre l’IVA sulle operazioni effettuate con carte e bancomat.

Sono previste delle multe da €30 fino a €2.000 per i commercianti che si rifiuteranno di accettare i pagamenti elettronici. Molto però si baserà anche sulle denunce dei clienti stessi.

Legge di Bilancio 2020, Quota 100 non si tocca

Quota 100 non sarà toccata, almeno fino al 31 dicembre 2021. Giorno previsto della sua scadenza. Non ci saranno modifiche neppure alle finestre d’uscita.

Saranno prorogate anche Opzione Donna e Ape Social. Confermata pure l’esenzione dal canone RAI per gli anziani a basso reddito e le agevolazioni per le famiglie.

Si pensa poi alla possibilità di inserire asili nido gratuiti, ma anche la realizzazione di nuove strutture destinate all’infanzia.

Soppressione del superticket

Dal 1° settembre del 2020 si avrà la cancellazione del superticket sanità. Oltre ad interventi appannaggio di cittadini diversamente abili e lo stanziamento di fondi per l’assistenza, mobilità e diritto al lavoro.

Legge di Bilancio 2020, tanti i provvedimenti green

E veniamo alla tematica ambientale, diventata sempre più sentita dopo l’effetto Greta. Il Governo vuole stringere con le imprese un “patto verde” per modificare la produzione a monte. E facilitare la salvaguardia dell’ambiente. Si parla di “Industria 4.0”.

Sono previsti nuovi fondi di finanziamento statale e territoriale per realizzare investimenti privati sostenibili.

Previste poi misure con l’obiettivo di stimolare le imprese e i loro investimenti. Oltre alle infrastrutture sociali e al risparmio energetico.

Ci sarà poi il Bonus Facciate, utile per la ristrutturazione esterna degli edifici. Così da ottenere anche una riqualificazione dei centri urbani. Si consegue un duplice obiettivo: individuale e collettivo.

Infine, sono previste detrazioni per gli edifici, la riqualificazione energetica, gli impianti di micro-cogenerazione, l’acquisto di mobili e di elettrodomestici che abbiano una classe energetica superiore.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY