Legge di Bilancio 2017: nuove misure di sostegno alle Startup

Con la legge di bilancio 2017 verranno introdotte nuove misure di sostegno alle startup, le quali andranno a rafforzare le agevolazioni già presenti nella legge 221 del 2012. Se la Camera ed il Senato non modificheranno il disegno di legge, alle neonate aziende verranno affiancate degli sponsor che si faranno carico delle perdite relative ai primi esercizi.

Chi sono gli sponsor

Durante i primi esercizi, a fronte delle sostanziali spese di avviamento, le startup chiudono inevitabilmente in perdita. La nuova legge di bilancio si pone quindi l’obbiettivo di sostenere la fase di crescita permettendo alle aziende di generare utili. Le circa 6.400 statup potranno essere aiutate da aziende già quotate nel ruolo di sponsor. Nei primi tre periodi di attività, le perdite realizzate verranno sostenute per l’80% dagli sponsor e per il 20% dalle startup, le perdite potranno successivamente essere dedotte dal reddito complessivo per l’intero importo.

startup

Investimenti agevolati

La nuova legge di bilancio, oltre alla chiusura di Equitalia, rivede anche il regime di agevolazione per gli investimenti nelle startup. Si passa dunque dal 19% di detrazione al 30% per i semplici contribuenti e da soggetti Ires, potranno beneficiare inoltre del 30% le startup di ambito energetico e a vocazione sociale.

Per le piccole/medie imprese è stato aumentato il fondo di garanzia ad un miliardo di euro, le industrie potranno invece usufruire della proroga del super-ammortamento salito al 140% e relativo all’acquisto di beni strumentali. La legge di bilancio prevede inoltre la maggiorazione dell’ammortamento al 250% sull’acquisto di beni immateriali per incentivare la sezione tecnologia e digitale dell’azienda.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY