Ledger Nano S: il wallet hardware per le criptovalute

Custodire le criptovalute in un posto sicuro contro gli attacchi hacker depredativi è molto importante. Un Ledger Nano S può essere la soluzione ideale per farlo.

In questa guida completa su Ledger Nano S vedremo cos’è, come funziona, se conviene e un’occhiata su come comprare le criptovalute usando piattaforme altrettanto migliori.

Acquista ora il tuo Ledger wallet in offerta

Ledger Nano S: cos’è

Cos’è un Ledger Nano S? Se avete utilizzato qualche volta una chiavetta USB, quella utilizzata per portare con sé file comodamente o ascoltare musica Mp3, non vi sarà difficile comprenderne forma e funzionamento.

Il Ledger non è altro che un wallet di criptovalute di tipo hardware.

Ledger Nano S

Il Ledger Nano S, infatti, si presenta proprio come una chiavetta USB con cavo con uscita Type-B.

  • manuale di istruzioni
  • foglio per le frasi di recupero
  • laccio per il collo
  • anello chiavi

Le dimensioni sono: 9,8 x 1,8 x 0,9 centimetri e pesa 16 grammi. Il display è in formato OLED ed è dotato di 2 pulsanti per la configurazione di base.

A cosa serve? Appunto per gestire le criptovalute in nostro possesso.

❓Cos’è?Hardware wallet per gestire in sicurezza le proprie criptovalute
⚙️ CaratteristicheSicurezza / Crittografia / Wallet non custodial
💰 Come acquistarlo✅ Registrati gratuitamente su Ledger per acquistare il tuo wallet.

Ledger Nano S: visualizzare il portafoglio

Una volta effettuato l’accesso al dispositivo, occorrerà inserire il Pin utilizzando i tastini. Dopo aver utilizzato entrambi i pulsanti per confermare, si otterrà una frase da 24 parole.

Essa va annotata su un foglio che uscirà nella stessa confezione e va custodito gelosamente, perché ci servirà in futuro per accedere alle nostre criptovalute e non va mostrata a nessuno.

In default troveremo Bitcoin ed Ethereum, le due criptovalute ormai da anni principali per capitalizzazione di mercato. Per gestire le altre valute, invece, occorre impostare il dispositivo, collegando il Ledger Nano S al PC.

Per farlo bisogna avviare il programma Wallet Bitcoin sul computer e poi scegliere Ledger Manager. In base alla criptovaluta da gestire, c’è un programma corrispondente.

Dal Ledger Nano S potremo visualizzare:

  • quantitativo di criptovaluta posseduta
  • tipologia di criptovaluta posseduta
  • indirizzo del wallet
  • operazioni per entrate e uscite

Non manca poi una estensione per Chrome al fine di gestire il wallet direttamente dal browser. Da qui è possibile effettuare le seguenti operazioni:

  • modificare le impostazioni di base
  • verificare l’account
  • gestire i codici con numeri e lettere relativi alle operazioni eseguite

Cos’è un wallet di criptovalute

Tradotto dall’inglese wallet significa proprio portafoglio digitale. Ed è proprio questo che fa: come un portafoglio, inseriremo i nostri asset posseduti.

Il wallet, proprio come un portafoglio ordinario, è soggetto a possibili furti. Solo che, anziché puntarci una pistola in fronte o sfilarcelo dalla tasca in un autobus affollato, il denaro posseduto ci verrà rubato sempre virtualmente.

Dunque, la scelta di un wallet è molto delicata. E oltre alle varie funzionalità che può offrirci, occorre anche sceglierlo per la sicurezza.

Ci sono tre tipi di wallet esistenti:

  • hot wallet: quelli che funzionano connessi ad internet
  • cold wallet: quelli che non necessitano di una connessione per molte funzionalità

Ovviamente, il rischio zero non esiste. Tuttavia, la percentuale di rischio può essere alta o bassa e possiamo comunque incorrere a furti anche se si sceglie un wallet cartaceo. Quelli che funzionano tramite codice QR. Chi dice che qualcuno non lo freghi o riesca a fare una copia?

Ledger nano S, per esempio, ha un accesso limitato alla rete, utilizza l’autenticazione a due fattori 2Fa, che crea materialmente una difficoltà in caso di attacchi. Può anche essere usato per registrare fidi e U2F.

Se è vero che le app sono opensource, sono al contempo anche completamente isolate. Cosicché solo il proprietario potrà apporre modificare.

Scegliere la tipologia di Ledger

Ledger ha lanciato di recente il recente Ledger Nano x, che però non manda in soffitta il modello S.

Infatti, se è vero che il Nano X ha sicuramente una batteria più valida nel tempo (si parla di 5 anni di utilizzo senza alcun problema) entrambi per essere usati devono essere collegati ad un PC.

Il nuovo X ha lo schermo due volte più grande, ma occorre anche più ROM per per utilizzare molte più app contemporaneamente.

La scelta ricade anche in base alle nostre esigenze. Se si effettuano molti scambi, il Nano X è da preferire. Se invece si vuole utilizzare un hardware sicuro, allora il Ledger Nano S è preferibile.

A volte però può essere una scelta obbligata, come per quanti hanno iPhone e potranno usare solo il Nano X. Anche per poter collegare lo smartphone da Bluetooth.

Se invece si dispone di un dispositivo Android, allora basterà usare il cavetto USB del Nano S.

In effetti, la connessione Bluetooth può comportare un rischio maggiore, poiché i dati viaggiano in etere rispetto ad un cavo, quindi possono essere intercettati, per quanto il bluetooth sia criptato. Certo, la percentuale può essere irrisoria.

Puoi trovare qui tutti i modelli di Ledger disponibili.

Ledger Live: come creare un nuovo Wallet

Dopo aver acquistato il nostro Ledger, dobbiamo installare l’applicazione Ledger Live. Si tratta del wallet ufficiale di Ledger, utile per guidarci passo passo verso l’inizializzazione del nostro dispositivo.

Ledger

Quando apriamo Ledger Live, ci apparirà una finestra con diverse scelte. In primis, quale dispositivo vogliamo configurare tra quelli disponibili nella gamma Ledger. Che ovviamente sarà quello che abbiamo acquistato.

Poi dovremo collegare l’hardware wallet al pc e proseguiremo l’installazione direttamente dal dispositivo fisico (il Ledger) e quindi non più dall’applicazione sul computer.

Per muoverci tra le varie scelte dobbiamo pigiare i due tasti, mentre per confermare una scelta pigiarli contemporaneamente. Invece, per accedere al menù principale, occorre premerli per qualche secondo.

Successivamente, dovremo scorrere col tasto destro fino all’indicazione “Set up as new device“, con il simbolo del +.

Il dispositivo ci chiederà di scegliere un codice PIN da 4 a 8 cifre. Dopodiché otterremo le 24 parole di recupero (Seed Phrase) che ci serviranno in caso perdessimo il Ledger. O nel caso in cui volessimo importare le chiavi private di questo wallet all’interno di un altro.

La seed Phrase va custodita con molta cura, non a caso, nella confezione escono almeno 3 fogli su cui potete scrivere le vostre 24 parole di recupero. Meglio sempre non mettere insieme il dispositivo col foglio, ma custodirli separatamente. Così come sarebbe da stupidi conservare tutti e 3 i fogli nello stesso posto.

Bisognerà poi confermare la frase. Ora possiamo accedere alla applicazione del dispositivo che, nel frattempo, avrà terminato il processo di installazione dell’hardware.

Nella prima schermata che ci apparirà dovremo confermare le prime due domande e, di seguito, controllare se il nostro dispositivo è autentico. Per farlo, dovremo pigiare da app sul tasto blu “Check now” e poi confermare attraverso l’hardware. Se l’autenticità è confermata, ci apparirà la scritta “Your device is genuine”

Ora potremo impostare una password per l’applicazione: avremo così sia un PIN che protegge il nostro dispositivo fisico, che una password che protegge la nostra applicazione.

Infine, dobbiamo confermare i dati e le impostazioni di privacy che ci richiede il software.

Se invece desideriamo importare un wallet già esistente, dovremo accedere nuovamente all’applicazione Ledger Live e scegliere “Restore your recovery phrase on a new device”.

La Seed Phrase che dovremo usare è ovviamente quella dell’altro wallet.

Ledger: la gestione degli Account

Nella sezione Accounts è possibile accedere ad ogni account all’interno del dispositivo e gestirlo da lì. E’ altresì possibile aggiungere un account nuovo.

Ledger Live

Per account in questa sede si intende l’address in cui vogliamo depositare le nostre criptovalute. Possiamo anche creare più account per la stessa criptovaluta. Ledger Live ci consente di creare numerosi account diversi anche per la stessa criptovaluta.

Come acquistare e vendere criptovalute

Fino ad ora abbiamo dato per scontato che già possediamo criptovaluta e vogliamo solo sapere come gestirle. Ma se non ne abbiamo? Abbiamo la soluzione anche per questo: delle piattaforme per comprare criptovalute in totale sicurezza.

eToro

eToro funge sia da broker che da Exchange.

Nel primo caso, avremo una piattaforma per il trading CFD, cioè per speculare sul movimento del prezzo delle criptovalute mediante un contratto derivato, i Contract for difference, che ci permettono di posizionarci sia long che short. Oltre a poter sfruttare una leva finanziaria.

Se invece vogliamo possedere direttamente criptovalute, allora dovremo utilizzare eToro X, un altro servizio offerto dalla società israelo-cipriota.

Sarà possibile acquistare e vendere criptovalute, usando un wallet già sicuro.

Tantissime le criptovalute disponibili, in continuo aumento.

Puoi creare un account gratuito su eToro da qui.

Binance

Binance è un Exchange americano, tra i più utilizzati al mondo per le sue commissioni e l’alto numero di risorse digitali disponibili.

Oltre a ciò, Binance consente di operare con leva, partecipare alle IEO (Initial Exchange Offering), conservare le monete e guadagnare interessi con lo staking.

Vanta anche una propria criptovaluta, il primo Exchange ad averlo fatto: BNB. Inoltre, sta diventando un mercato di riferimento anche per gli NFT, e un sistema concorrenziale ad Ethereum per la DeFi.

Puoi iscriverti gratuitamente su Binance da qui.

Acquistare e vendere su Ledger

Per farlo, dobbiamo riferirci alla sezione Buy/Sell Crypto, dove potremo farlo anche contro valute FIAT grazie al partner Coinify.

Basterà cliccare sul tasto “Buy/Sell crypto” all’interno dell’app Ledger Live. Da qui ci verrà chiesto di scegliere tra la vendita o l’acquisto dell’asset digitale.

Per farlo, vi basterà scegliere quanto acquistare, fare il Log In attraverso il vostro account Ledger e poi inserire le vostre coordinate bancarie così da poter procedere al pagamento.

Per quanto questo metodo sia estremamente sicuro rispetto al classico acquisto/vendita e spostamento attraverso l’exchange, si tratta di un servizio molto costoso in termini di fees. Se possiamo scegliere un metodo più economico, perché non farlo?

Potete cercare nei vari tutorial delle piattaforme di CeFi, un trucco per risparmiare sulle fees nel passaggio da e verso Ledger, utilizzando il Withdraw gratuito delle piattaforme di lending.

Manager: gestisci le tue applicazioni su Ledger

In Manager possiamo gestire la memoria del dispositivo, installare o disinstallare le varie applicazioni. Potremo pure scaricare le varie applicazioni (come per esempio Exchange) che ci danno la possibilità di sbloccare nuove funzioni per la nostra app.

Impostazioni Ledger Nano S

Come per tutte le app, anche per il Ledger Nano S il simbolo delle impostazioni è un ingranaggio. Posto in alto a destra nell’applicazione.

Qui ci troviamo dinanzi a varie opzioni:

  • General: per personalizzare la Home
  • Accounts: qui possiamo esportare il nostro account, salvare la nostra cronologia di azioni svolte, modificare il numero di conferme per ogni azione
  • Version: qui accederemo alla versione corrente del nostro Ledger, nonché termini e condizioni accettati
  • Help: come si può evincere dal nome, codesta sezione è dedicata alle informazioni, al supporto, con un link che rimanda alla pagina del support Ledger
  • Experimental Features: possibilità di attivare funzionalità innovative, e non ancora testate al 100%. Per esempio, la connessione ad un full node di Bitcoin, tradurre le scritte dell’applicazione nella propria lingua, ecc.

Ledger Nano S: le domande frequenti

Cos’è Ledger Nano S?

Si tratta di un hardware per custodire le criptovalute. La forma è come quella di una chiavetta USB ordinaria, con due tastini da muovere per le varie scelte e da premere contemporaneamente per la conferma.

Ledger Nano S è sicuro?

Sebbene la sicurezza al 100% non esista, possiamo comunque parlare di un dispositivo che adotta diverse misure. Come l’autenticazione a due fattori e una frase di 24 lettere.

Come comprare criptovalute?

E’ possibile farlo sullo stesso dispositivo, alla voce Buy/Sell Crypto. Ma anche tramite criptovalute come eToro e Binance.

Ledger Nano S: riepilogo

Conclusioni

Acquistare e vendere criptovalute è una scelta molto delicata, che va fatta con ponderazione. Ma anche quella di custodirle in ottemperanza a tutte le buone regole sulla sicurezza.

Ledger Nano S si propone come un dispositivo sicuro e affidabile, per quanto il rischio zero non esista. Di recente, è uscita anche una versione X per chi ha esigenze più importanti e vuole trasferire i dati tramite Bluetooth e non cavo.

Il dispositivo prevede l’autenticazione a due fattori 2Fa, oltre ad una frase di sicurezza composta da 24 lettere. La cosiddetta Seed Phrase che ci serviranno in caso perdessimo il Ledger.

Se occorre acquistare criptovalute partendo da zero, meglio affidarsi a piattaforme come eToro e Binance.

Per acquistare Ledger Nano S o X dal sito ufficiale clicca qui.