Le fonti di finanziamento per le imprese

Le fonti di finanziamento per le imprese possono giocare un ruolo fondamentale per lo sviluppo aziendale ed infatti sono molteplici i canali per richiedere un prestito (o anche un finanziamento a fondo perduto).

Finanziamenti alle imprese: l’autofinanziamento

Tra le formule più ricorrenti e comuni vi è quella dell’autofinanziamento, modalità abbastanza immediata ma che potrebbe presentare alcune “insidie” come le formalità da espletare nei confronti dell’agenzia delle entrate o alle difficoltà a rimborsare il prestito nel caso in cui l’impresa abbia altri debiti.

Un secondo canale di finanziamento sono le banche, che offrono numerose opportunità. Infatti l’azienda ha la possibilità di utilizzare i classici fidi di cassa (come ad esempio gli scoperti in conto corrente), lo smobilizzo dei crediti (classico anticipo), la richiesta di mutuo, ovvero la concessione di importi che sono successivamente restituiti in modalità progressiva in base ad un piano di ammortamento prestabilito che prevede il rimborso di quota capitale e di quota interessi. Vanno inoltre segnalate le concessioni di leasing, ovvero l’acquisto da parte delle società di beni che sono poi concessi ad imprese che utilizzano i suddetti beni pagando un canone. Il canone è comunque composto da una quota capitale e da una quota interessi, che prevede in genere l’acquisizione del bene effettuando il pagamento di una quota denominata “riscatto”.

prestito
finanziamento imprese

In base alle nuove disposizioni legislative, che accolgono i parametri stabiliti a livello comunitario, molte volte gli istituti di credito non erogano credito nei confronti delle imprese, che pertanto hanno difficoltà ad acquisire i beni strumentali. Si è pertanto sviluppato l’istituto dei Confidi, organismi che forniscono idonee garanzie nei confronti delle banche per permettere alle imprese di accedere ai canali di finanziamento destinati alle attività economiche e produttive. Tali tipi di garanzie presentano comunque delle commissioni variabili che variano in base alle garanzie prestate. Nei casi di Fondi di Garanzia è invece un soggetto pubblico che presta direttamente la garanzia richiesta. In questi casi gli istituti di credito, avendo la garanzia dello Stato, concedono più facilmente il credito richiesto e molte volte accordano condizioni di mercato più vantaggiose alle stesse società.

Le imprese hanno inoltre la possibilità di fruire di alcune agevolazioni riconosciute qualora investano in beni strumentali o spese correnti. In questo caso viene riconosciuto alle società un contributo per il sostenimento delle spese o in alternativa, anche un credito di imposta o altra forma di elargizione finanziaria indiretta. Ulteriore sistema di finanziamento è rappresentato dalla raccolta di capitali privati, operazione che può avvenire attraverso la cessione sul mercato di quote del capitale sociale o attraverso l’emissione di prestiti obbligazionari.

Per le start up innovative è inoltre stato introdotto un sistema di finanziamento collegato direttamente a questo tipo di società. Si tratta dell’equity crowdfunding, ovvero il finanziamento attraverso i titoli di partecipazione attraverso portali di raccolta online che sono sotto la vigilanza della Consob.